Gelsomino Ceramiche - News Banner (728x90)

Quèdde ca si’

Redazione R.

Sènza fiaté te uarde e tó m’allisce

Rîrènne i tigne. Ne me capisce.

Nu mónne t’hanne vulîte bbône

pe quidd’ucchje schètte de uagnône.

Nu mónne pe vande te ne vonne

pa bèlla vocche e a faccia tonne

e tande angôre te ne vularranne

pi forme, a camminète, i panne

attîlléte, i capille au vinde,

l’addóre da pèlle o c’appresinde

ma nîsciûne m pe quèdde ca si’

e quèste me fé mûte e ne me fé durmì.

Franco Pinto

 

Quella che sei: Senza fiatare ti guardo e tu mi accarezzi / ridendo le tempie. Non mi capisci. / In tanti ti hanno voluto bene / per quegli occhi schietti di bambina. / In tanti per vanto te ne vogliono / per la bella bocca e il viso tondo / e tanti ancora te ne vorranno / per le forme, l’andatura, gli abiti / attillati, i capelli al vento, / il profumo della pelle o quello che rappresenti / ma nessuno mai per quella che sei / e questo mi rende muto e non mi fa dormire.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Potrebbero interessarti anche...

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenti

  • Bellissima. Complimenti




    0



    0
    Vittoria Gentile 19 marzo 2017 alle 17:16 Rispondi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php