Categoria | Attualità

La ”Passione Vivente” a Siponto

La ”Passione Vivente” a Siponto

La drammatizzazione della “Passio Christi”  che la Parrocchia di Santa Maria Regina di Siponto ha rappresentata il  4 aprile,mercoledì Santo,  nella suggestiva  zona storico archeologica degli Ipogei Paleocristiani di Scoppa 1 e Scoppa2  e nella pineta di Siponto, ha avuto uno straordinario successo di critica e di pubblico.

I figuranti attori principali erano tutti   giovani e qualche altro più  adulto. Eccoli in ordine di apparizione:
Caifa:  Pasquale   Trotta
Un  sommo Sacerdote:   Bruno  Potenza
Altro sommo Sacerdote:   Giovanni Papagna
Un accusatore nel Sinedrio:  Domenico   De Palma
Gesù di Nazareth: Domenico la Marca
Ponzio Pilato: Aldo  Caroleo   (sostituto in extremis di Luigi Di Giorgio)
Un Centurione: Salvatore Le Noci
Altro Centurione (Longino): Lorenzo Scistri
Barabba: Matteo   Palma
Maria, la Madre di Gesù: Tiziana Vero
Giovanni: Marco Marchese
L’uomo di Cirene: Davide Malcangi
La Veronica: Monica  Gatta
Le Pie donne:  Antonietta Conoscitore  -Maria Elena Simone – Dalila Frattarolo
Giuseppe di Arimate: Padre Arcangelo  Maira
Nicodemo: Giuseppe Cardillo
Disma    1  ° ladrone: Antonio  Contestabile
Gestra   2  ° ladrone: Marco Fischetti
Maria di Magdala al Sepolcro:  Raffaella  Fariello

Le Voci :
Gesù:  Tiziano   Guerra
Pilato: Matteo Perillo
Narratore 1:  Costantino Cosentino
Narratore 2: Emanuela del Vecchio
Il  “ Pianto della Madonna “  di Iacopone da Todi) e di Maria di Magdala:  Iole  Virgilio
Declamazione Stazioni Via Crucis  e commento liturgico.         Padre Roberto Zaupa
Luci e fono: Francesco  Perillo, Michelangelo Piazzolla, Vincenzo Tria ,Domenico  Ciociola,elettrauto Luigi Zerulo
Collaborazioni :  p. Mario Vabai , p. Gioacchino Campese

La parte dei commenti  liturgici  è stata scelta da padre Roberto Zaupa, inossidabile parroco della Parrocchia Santa Maria Regina di Siponto. Infatti, questa Via Crucis non è stata solo caratterizzata dalla scenografia e dai dialoghi, ma soprattutto dalla partecipazione religiosa e dalla preghiera che seguivano  le  varie   Stazioni.

La rappresentazione, dialoghi, luoghi e scenografie, vengono da un’idea di Aldo Caroleo, supportato da p. Mario Vabai.
Un ‘ impeccabile  assistenza al servizio d’ordine  è stato dato dalla PASER. E da ringraziare sono anche i Vigili Urbani e soprattutto il Comune di Manfredonia che ha dato un aiuto fondamentale (palchi, pulizia pineta, ecc.) per la buona riuscita della rappresentazione.

Un grazie va anche all’Associazione EMMAUS e all’Associazione “Occhi Felici” a diverso titolo per le loro collaborazioni.
Con questa Sacra Rappresentazione si è voluto anche dimostrare che basta poco per valorizzare i luoghi storici  e a volte poco conosciuti del nostro territorio.  Noi abbiamo fatto il 10% : il resto lo hanno fatto i luoghi dove la Via Crucis è stata rappresentata, vale  a dire gli Ipogei di Scoppa e la Pineta di siponto.

La grandissima partecipazione e l’interesse suscitato nel contesto storico fa sì che si possa continuare nell’impegno di migliorare, soprattutto per   dare a tutti  i fedeli e spettatori  la possibilità di una visibiltà migliore delle scene. E’ un impegno che vogliamo prendere, anche se il sogno che ho  nel cassetto è quello che se non la prossima ma almeno per una volta, la Passione Vivente possa essere rappresentata nel luogo più bello e suggestivo che è la splendida cornice degli Ipogei di Masseria Capparelli di  Siponto.

Aldo Caroleo

Tutti i commenti sono soggetti alla moderazione della Redazione di ManfredoniaNews.it .
I commenti offensivi, lesivi o fuori tema saranno automaticamente cancellati senza obbligo di comunicazione.

Inserisci i Dati

 

Sondaggi

Quali dei nostri articoli giornalistici preferisci?

PARTNER


RUBRICHE





Newsletter

gestione