Domenica 22 Settembre 2019
Crimini Ambientali (728x90)

“Le guarigioni inspiegabili a Loreto”

0 0

E’ stato l’importante tema affrontato nel corso dell’incontro che ha avuto svolgimento nei giorni scorsi presso l’Auditorium “Mons. V. Vailati” di Manfredonia. Ad organizzarlo l’Arcidiocesi di Manfredonia – Vieste – S. Giovanni Rotondo, l’Ufficio per la Pastorale Sanitaria, l’Ual, l’Amci e l’Unitalsi. L’eccezionale assise è stata presieduta da S. E. Mons. Michele Castoro, arcivescovo. Relatori di chiara fama: il prof. Oliviero Gorrieri, consigliere nazionale Amci (Associazione Medici Cattolici Italiani) e presidente della Commissione medica guarigioni inspiegabili di Loreto e il prof. Fiorenzo Mignini, presidente regionale Amci, Marche e presidente dell’Osservatorio medico “Paleani” di Loreto. L’incontro è stato preceduto dalla celebrazione eucaristica, presieduta da Mons. Arcivescovo e ha avuto luogo presso la splendida chiesa di S. Benedetto di stile barocco, risalente al ‘400.

Il dott. Giuseppe Grasso, presidente del sodalizio, dopo i ringraziamenti di rito, nella sua breve, quanto incisiva prolusione, prima di introdurre gli oratori ha illustrato al foltissimo e dotto pubblico presente le motivazioni dell’evento  e della scelta del tema. “Da qualche anno – egli ha detto – si sono insediate due commissioni che agiscono parallelamente fra loro, dirette rispettivamente, dai professori Mignini e Gorrieri che ci onoreranno di illustrarci le varie fasi del loro lavoro e i risultati ottenuti. Ai saluti del dott. Giuseppe Fasanella, vice presidente Amci di S. Giovanni Rotondo, si sono aggiunti quelli del dott. Giuseppe Barracane dell’Ual il quale ha sottolineato che è giusto riflettere sulle guarigioni straordinarie, perché c’è la presenza di Dio. Dei miracoli, dei prodigi che emergono tutti i giorni, ogni volta che le famiglie si dividono e poi si riuniscono.   PAPA FRANCESCO

Per P. Aldo Milazzo (camilliano), direttore dell’Ufficio per la Pastorale Sanitaria, il vero miracolo è quello di accettare con serenità la volontà di Dio. Il prof. Gorrieri introduce la sua illuminata relazione nel sostenere che bisogna innanzitutto capire quei fatti che alla luce di quanto avviene sono inspiegabili. Condizione necessaria per l’avvenimento del miracolo è la FEDE (Gesù a un miracolato: “La tua fede ti ha salvato”. Lc 18,35-43) Scopo apologetico delle guarigioni miracolose: confermare la missione di Gesù Cristo in terra per testimoniare la potenza di Dio e chiamare alla fede i testimoni del miracolo stesso. “Compito precipuo delle due commissioni – ha proseguito l’oratore – è quello di raccogliere con rigorosa metodologia scientifica la documentazione di presunte guarigioni miracolose, interrogando anche i medici che hanno fatto la diagnosi della malattia e hanno assicurato assistenza al malato ed esprimere un parere, positivo o negativo sul caso. Al termine, se si manifesta una totale identità di risultati, la guarigione viene considerata scientificamente inspiegabile. Sarà poi il Vaticano a definire il “miracolo”. Non meno illuminata la relazione del prof. Fiorenzo Mignini che ha parlato dell’Osservatorio Medico “Paleani” e dei casi di guarigioni miracolose avvenute a Loreto raccolti dallo stesso Dott. Ottaviano Paleani dal 1884 al 1947 nel testo: “Le guarigioni di Loreto nella loro documentazione medico-scientifica”, che nasce dall’impossibilità di negare “le guarigioni meravigliose” dove a Loreto cominciarono con l’affluire dei primi gruppi di malati. Da qui la volontà di indagare da un punto di vista prettamente scientifico le caratteristiche anomale delle guarigioni avvenute. “Secondo il Card. Lambertini – ha spiegato il prof. Mignini,  perché si possa chiamare miracolo: 1) La malattia deve essere grave, incurabile o difficoltosa a trattarsi.  2) La malattia non deve  trovarsi all’ultimo stadio o al punto di poter guarire spontaneamente. 3) Nessun farmaco o trattamento deve essere stato utilizzato, o in tal caso non deve aver prodotto nessun effetto. 4) La guarigione deve essere avvenuta in modo istantaneo o con eccezionale rapidità. 5) La guarigione deve essere perfetta (non difettosa o parziale). 6) Nessuna  crisi deve aver preceduto la guarigione;  in tal caso, essa potrebbe essere considerata come naturale. 7) Non devono esserci recidive. Per Mons. Castoro i miracoli sono nell’ordine della natura. Ci sono miracoli nell’ordine della grazia. Zaccheo era malato dentro, incontra Gesù e si converte, cambia vita. Il santuario per definizione è il luogo dove ci si immerge nel divino. I miracoli si realizzano con la carità, dare speranza all’ammalato, aiutandolo. La carità è il vero miracolo che il mondo attende dall’umanità. Riflessioni profonde da cui prendere insegnamento, per dare  motivo alla nostra esistenza di essere figli di Dio. Ecco il vero miracolo.

 Matteo di Sabato 

Redazione R.
Articolo presente in:
News

Commenti

  • Perchè affannarsi e scandalizzarsi tanto per tanta grazia ? Addirittura organizzare delle riunioni e delle conferenze per scrutare nel mistero di Dio !? Gente di poca fede ! Non ci è stato detto di andare e di predicare ? Non ci è stato detto di andare e di guarire nel corpo e nello spirito della gente ? Non ci è stato detto che saranno beati coloro che non si glorificheranno e non si renderanno superbi agli occhi di Dio ? Non ci è stato forse detto che se avremmo avuto un vero pizzico di pura fede in Dio,egli ci avrebbe accontentato nelle nostre richieste in quanto il cuore di Dio non è mai avaro e sordo alle voci dei suoi figli ? Non ci è stato detto: Beati coloro i quali crederanno in me e nelle mie parole…saranno chiamati figli di Dio ed erediteranno la terra !!!
    Ci è stato detto: Chiedete e vi sarà dato,bussate e vi sarà aperto !!! Ebbene, carissimi fratelli in Dio,non vi è uomo o donna su questa terra che affidandosi totalmente e senza riserve alcune a Dio,non riceverà alla fine delle sue preghiere…il tanto meritato premio…la tanta sospirata e invocata Grazia !!!
    Apriamo il nostro cuore con fiducia al nostro Signore Gesù Cristo e facciamolo senza mezzi calcoli e compromessi,tanto il Signore conosce bene chi siamo e cosa vogliamo e conosce a fondo i nostri cuori, le nostre speranze e le nostre richieste di GRAZIA !!!!!
    Non osi l’uomo mettere in dubbio la potenza e la gloria di Dio nostro Signore e tanto meno le sue grazie e i suoi miracoli …….Solo una fede pura e sincera può aprire le porte del cuore di Dio e Maria sua e nostra Madre !!!!!!!!!! Pace e Bene a tutti e non ponetevi tante domande e affidatevi fiduciosi all’amore caritatevole di Gesù Cristo nostro Signore.

    Avatar il Seminatore 11 Aprile 2014 alle 09:50 Rispondi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php