Mercoledì 20 Ottobre 2021

Caro Sindaco ti scrivo…

0 0

Perché dobbiamo fare chiarezza, su questo refrain che sentiamo ripetere ogni giorno contro la vecchia politica. La politica che ho conosciuto io era fatta di uomini totalmente tesi a ricostruire dalla macerie l’Italia e tale vocazione è durata fino agli inizi degli anni ottanta. Purtroppo, la successiva generazione di politici è stata formata, in gran parte, da giovani rampanti che hanno dimenticato cos’è stato il fascismo ed il fervore della ricostruzione, perciò hanno cominciato ad affrontare in maniera molto più “sciolta”, diciamo senza molte remore morali, la gestione della cosa pubblica (Craxi docet). Dunque, quando i cittadini aborrono la vecchia politica, spero ci si rivolga solo alla politica iniziata con gli anni Ottanta, non certamente a quella di coloro che, con assoluta dedizione, hanno rimesso in piedi l’Italia.

Un’altra cosa mi preme chiarire ed è il ritornello che “una volta si rubava per il partito, oggi si ruba per se stessi”. A parte il fatto che chi ruba per gli altri a maggior ragione è capace di rubare per se stesso. Ma come si fa ad essere sicuri che chi ha preso tangenti non abbia rubato anche per la sua gola? Non ci sono ricevute per confermarlo e non ce ne possono essere, visto che le mazzette non passavano per il commercialista ma per le mutande dei corrotti. Eppoi “finanziare la politica” può significare anche pagarsi la propria campagna elettorale fatta di faccioni sorridenti, spot, benzina per le auto e paghe ai galoppini sguinzagliati per tutta la città; oppure acquistare pacchetti di tessere per conquistare il congresso del proprio partito e far fuori la gente per bene.

Poi chiedo ancora. Un imprenditore che elargisce mazzette per un appalto non sarà portato poi ad aumentare il costo della prestazione, onde recuperare la somma da lui data? E l’amministratore che ha preso denaro sarà mai interessato a verificare il puntuale adempimento della commessa o piuttosto eviterà di riscontrarne la rispondenza a quanto pattuito?

Come vedi, quando c’è corruzione, i danni sociali sono enormi. Certo oggi il fiume di denaro che circola dentro e intorno alla politica è arrivato a limiti esorbitanti e non si riesce a trovare la strada per limitare questo giro immondo, nonostante la crisi. Eppure io penso che non dobbiamo mai stancarci di dire ai giovani che non è vero che la politica sia fatta solo di potere, soldi e donne, perché può offrire altro, molto altro. Soprattutto bellezza.

Cordiali saluti.

Italo Magno

italo@italomagno.com

la vecchia politica

Articolo presente in:
News · Piazza Duomo

Commenti

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

     

    MANFREDONIA VIDEO