Martedì 26 Settembre 2023

Tasse comunali, Sipontini 5 Stelle: "Facciamo chiarezza sulla IUC"

0 0

Il Consiglio comunale di Manfredonia con Deliberazione n.8 del 09.09.2014 (n° 26) ha approvato il regolamento IUC (Imposta unica comunale), Proviamo a chiarire i regolamenti della legge vigente e del patto di stabilità 2014.

LA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) È VERAMENTE UNICA?. Dal 01/01/2014 è entrata in vigore la legge 27/12/2013 n.47. L’Art. 1 comma 639 e i commi da 682 a 702 sono dedicati alla disciplina della IUC,che comprende IMU,TASI,TARI. L’IMU è disciplinata dai commi da 703 a 730. I commi da 641 a 668 sono dedicati alla TARI. I commi da 669 a 681 e il comma 731 sono invece dedicati alla TASI. Quindi la IUC è suddivisa in tre categorie di tasse: IMU, TASI, TARI.

CHE COS’È L’IMU? L’ IMU (imposta municipale propria), tassa di natura patrimoniale è dovuta per il possesso di immobili, escluso l’abitazione principale. E’ stata istituita con il decreto legislativo 14 marzo 2011 n. 23, nel tempo ha subito numerose modifiche. Ultima modifica, la 47/2013 (Legge di Stabilità 2014).

PERCHÉ SI PAGA L’IMU? . L’IMU si paga per sostenere le spese dei comuni per l’insieme dei servizi da questi erogati. Rientra nella fiscalità generale dei comuni i quali, diversamente rispetto alla TASI, non sono tenuti a deliberare i capitoli di spesa dove le somme riscosse verranno impiegate.

CHI PAGA L’IMU? . L’IMU deve essere pagata dai possessori degli immobili legata ad essi da un diritto reale (proprietà, diritto di abitazione e/o diritto d’uso). Dal 2014 non si paga l’IMU per l’abitazione principale e le relative pertinenze, rimane invece per le categorie: A1- A8- A9 (castelli, ville,ecc.), anche se prima casa.

QUANTO SI PAGA? . Il Comune di Manfredonia ha stabilito con delibera n.8 del 09.09.2014 n° 26 l’aliquota IMU all’8,70%0, che sommata all’aliquota del 1,90 %0 della TASI non eccede per legge il 10,60%0 dell’IMU 2013.

LA DETRAZIONE È RIMASTA UGUALE PER LE CATEGORIE DI LUSSO Si! Per le categorie A1 A8 e A9 è prevista una detrazione di 200€. Esempio: Chi ha un villa Cat. A8 paga l’IMU all’8,70%0, più ha una detrazione di 200€se è un ‘abitazione principale. Inoltre in aggiunta pagherà la TASI con aliquota 1,90%0, che sommata all’IMU raggiunge il 10,60%0 del 2013, quindi per i possessori della seconda casa o delle Cat. di lusso, non cambia nulla, anzì è possibile tassare il 10% della TASI agli inquilini in affitto del proprio appartamento.

QUANDO SI PAGA L’IMU? . L’ IMU si paga in due rate con scadenza il 16 giugno e il 16 dicembre dell’anno di riferimento. La prima rata già pagata il 16/06/2014 con aliquota 10,60 deve essere conguagliata con la nuova aliquota, 8,70%0.

COME SI PAGA L’IMU? . Con modello F24, in banca o all’ufficio postale, ed è gratuito.

QUAL È LA DIFFERENZA DELL’IMU RISPETTO ALLA TASI? . In parole semplici l’IMU è una tassa per i più agiati, (chi possiede più case, terreni, terreni edificabili, ecc., anche se fatto con molti sacrifici), la TASI è una tassa rivolto a tutti i proprietari di immobili, soprattutto le prime case che sono stati esclusi dal pagamento dell’IMU nel 2008, un modo per recuperare risorse economiche perdute in quest’ anni dai comuni italiani. Con questa legge si agevola più l’IMU che la TASI, con un incremento di 80 euro in più rispetto all’IMU. Viene spontaneo dire che: lo Stato con una mano dà e con l’altra se la riprende.

TASI! CHE COS’È LA TASI? . La TASI (Imposta comunale sui Servizi Indivisibili) è pagata da chi detiene a qualsiasi titolo fabbricati o immobili,compresa l’abitazione principale e aree edificabili escluso terreni agricoli.

PERCHÉ SI PAGA LA TASI? . La TASI è stata istituita pe reperire il gettito mancante che l’abolizione dell’IMU sull’abitazione principale di categorie (non di lusso) ha creato e che lo Stato versava ai comuni con l’IMU, eliminata (per modo di dire) per ripagare Berlusconi, dell’accordo fatto nella sede del PD “IL NAZZARENO”. Si paga per sostenere le spese del comune per i servizi cosiddetti indivisibili”, quest’anno sono 5.798.686,88 di euro, il 12,91% delle spese totali del Comune di Manfredonia. Sono esempi di servizi indivisibili l’illuminazione pubblica, la manutenzione delle strade, la sicurezza, l’anagrafe,le pulizie delle strade, ecc.

CHI DEVE PAGARE LA TASI? . Tutti i possessori di immobili. La legge prevede che i comuni possono decidere di far pagare la TASI sia al proprietario che al detentore dell’immobile, fino a un massimo del 30% per l’inquilino. Il Comune di Manfredonia ha stabilito che il 10% lo paga l’inquilino e il restante 90% il proprietario. Sono compresi anche edilizia residenziale pubblica. In questo modo si agevola chi ha affittato i propri immobili avendo uno “sconto dallo Stato/comune” dal 10% al 30% sull’aliquota della TASI stabilite dai comune.

QUAL È L’ALIQUOTA PREVISTA? . Il Comune di Manfredonia con delibera n.8 del 09.09.2014 n° 26 del consiglio comunale ha stabilito una aliquota superiore di 0,90%0 in più rispetto all’uno per mille base previsto dal governo centrale. L’aliquota è di 1,9 per mille.

E’ PREVISTA UNA DETRAZIONE? NO!. Per la TASI il comune di Manfredonia non ha previsto nessuna detrazione, anche se nella legge di stabilità dà la facoltà ai comuni di ridurre l’aliquota fino all’azzeramento e detrazioni per certe situazioni economiche e redite catastali inferiori a partire da 500€.

COME SI CALCOLA?. Esempio di calcolo TASI: Due coniugi possiedono al 50% un appartamento e un box di pertinenza con rendita catastale rispettivamente euro 654,61 e euro 84.08. L’aliquota stabilita dal Comune di Manfredonia è di 1.9 per mille.

I calcoli sono i seguenti:
654,61 x 1,05 x 160 x 1,90 / 1000 = 208.95
84,08 x 1,05 x 160 x 1,90 / 1000 = 26.83
Ogni coniuge pagherà.
208.95 / 2 = 104.47 euro
26.83 / 2 = 13,41 euro
Tot. Marito 234.52 / 2 = 117,26 euro (n.2 rate da 59,00€)
Tot. Moglie 234,52 / 2 = 117.26 euro (n.2 rate da 59,00€)

COME SI PAGA? . Con bollettino di conto corrente postale o con modello F24.

E’ VERO CHE SI PAGA PIÙ DI QUANDO PAGAVAMO CON L’IMU NEL 2012? SI!Prendendo ancora ad esempio la rendita catastale di 654.61 + tre figli, nel 2012 era previsto una detrazione per figli a carico residenti e per una detrazione per abitazione principale:
654.61 x 1,05 x 160 x 4,00 / 1000 = 439.89
84.08 x 1,05 x 160 x 4,00 / 1000 = 56,50
(439,89 + 56,50) / 2 – 175 = 73,20!
Tot. Marito 73,20 euro (n.2 rate da 37,00€)
Tot. Moglie 73.20 euro (n.2 rate da 37,00€)

Quindi rispetto a l’anno 2012,quando si pagava l’IMU, paghiamo 88,12 euro in più.

QUANTO SI PAGA LA TASI? . La prima rata si paga il 16 ottobre 2014, la seconda rata scade il 16 dicembre 2014. E’ consentito pagare in anticipo in unica rata.

TARI, DI COSA SI TRATTA?. La TARI è stata istituita con il comma 639 della legge di stabilità per il 2014; TARI sta per Tariffa Rifiuti e sostituisce la TARES. Si calcola sugli immobili (fabbricati, aree fabbricabili e, in taluni casi, terreni agricoli) che ricadono sul territorio comunale.

La TARI si paga per sostenere le spese dei comuni per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

CHI LA PAGA? . La TARI deve essere pagata dagli occupanti degli immobili che producono rifiuti urbani per i quali opera il servizio di raccolta e smaltimento.

QUANTO SI PAGA? . Il Comune di Manfredonia ha approvato due tipi di tabelle per determinare la tariffa , una tabella fissa e l’altra per nucleo familiare, basata sui costi effettivi e reali della raccolta e smaltimento dei rifiuti.

COME SI FANNO I CALCOLI? La tariffa si rifà alla superficie calpestabile degli immobili e al numero di componenti del nucleo familiare che vi risiedono (vedi determina pag.2). Il contribuente non deve eseguire alcun calcolo in quanto l’importo da pagare gli viene comunicato direttamente da concessionario alla riscossione (SERVIZI TRIBUTI s.p.a.) per conto del Comune di Manfredonia.

ATTENZIONE AD EVENTUALI ERRORI DI CALCOLO! SONO PREVISTE DETRAZIONI? Il Comune ha applicato detrazioni per chi non è residente da almeno 6 mesi (studio, lavoro estero, distanze cassonetto, ecc.).

QUANDO SI PAGA? La TARI si pagherà in tre rate le cui scadenze sono state fissate per il 31 ottobre 2014 ,28 novembre 2014 e 31 dicembre 2014. La tari è già stata pagata una rata con modalità TARES ad aprile 2014, che verrà conguagliata con la nuova tassa TARI.

COME SI PAGA? Con F24 presso gli uffici postali, sportelli bancari e sportelli Equitalia. Per informazioni ulteriori rivolgersi agli sportelli di SERVIZIO TRIBUTI S.p.a. dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13 pomeriggio dalle ore 15 alle ore 16, il sabato solo la mattina dalle ore 9 alle ore 12.

CONCLUSIONI. Il diritto alla casa è un diritto fondamentale, spesso maturato con grandi sacrifici. Molti cittadini non hanno ancora compreso i criteri di tassazione e in cosa consista la IUC. Noi Sipontini 5 Stelle con questo piccolo vademecum abbiamo voluto rendere più trasparenti le nuove imposte previste. A nostro giudizio la prima casa non dovrebbe essere tassata: tale gabella suona come una beffa per i cittadini che hanno sopportato slogan politici sull’eliminazione dell’IMU per anni. E’ stata cancellata l’IMU sulla prima casa ma sono state create altre tasse la cui somma a fine 2014 sarà ben più onerosa della abolita IMU. Un’ulteriore folia burocratica, a nostro giudizio è l’aver concentrato nell’ultimo trimestre del 2014 le onerose scadenze

Il 16 ottobre si paga la prima rata TASI.

Il 16 dicembre si paga la seconda rata TASI.

Il 31 ottobre si paga la prima rata TARI (seconda, perché ad aprile abbiamo versato un anticipo).

Il 28 novembre si paga la seconda rata TARI.

Il 31 dicembre si paga la terza rata TARI.

Il 16 dicembre si paga il saldo dell’IMU.

Comunicato stampa Sipontini 5 Stelle Manfredonia

Articolo presente in:
News
  • Bravi ragazzi

    antonella 15/10/2014 21:26 Rispondi
  • Bravi avete letto la delibera del consiglio comunale, avete messo qualche vostra interpretazione e qualche bugia giusto per fare un pò di demagogia e ve la suonate e ve la cantate. brav brav

    demetrio 14/10/2014 20:36 Rispondi
  • ERRATA CORRIGE:
    QUANTO SI PAGA? Il Comune di Manfredonia ha stabilito con delibera n.8 del 09.09.2014 n° 26 un’aliquota IMU base del 8,70 per mille, che sommata all’aliquota del 1,90 per mille della TASI non eccede, per legge,il 10,60 per mille dell’IMU 2013 e una aliquota agevolata per l’abitazione principale di cat A1,A8,A9. sono esclusi dall’IMU le abitazioni principali delle categorie catastali A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7.

    LA DETRAZIONE È RIMASTA UGUALE PER LE CATEGORIE DI LUSSO
    Si! Per le categorie A1 A8 e A9 abitazione principale è prevista una detrazione di 200€.
    Esempio: Chi ha un villa Cat. A8 paga l’IMU all’4 per mille,meno la detrazione di 200€. In aggiunta pagherà la TASI con aliquota 1,90 per mille, che sommata all’IMU raggiunge il 6,90 per mille. Per i possessori della seconda casa o delle categorie di lusso,anche se abitazione principale, non cambia nulla rispetto all’anno 2013, anzì per i possessori delle seconde case, è possibile far pagare il 10% della TASI agli inquilini in affitto del proprio appartamento.

    Ci scusiamo dell’errore,purtroppo queste tasse creano solo confusione.

    Dino 14/10/2014 15:33 Rispondi
    • ovviamente l’aliquota agevolata per le categorie A1,A8,A9,abitazione principale è del 4 per mille.

      Dino 14/10/2014 15:37 Rispondi
  • Questa si che è informazione pubblica…, che dev’essere chiara, onesta e trasparente.
    Se così non è, tra le riga, si nasconde la fregatura… e la denuncia dell’USB e la giusta manifestazione che faranno, la mette in evidenza e la dice tutta…..

    semprevigile 14/10/2014 12:03 Rispondi
  • Bravi sipontini onesti,svegliamo i cittadini.

    Prima o poi il popolo si sveglierà 14/10/2014 10:14 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *