Martedì 16 Agosto 2022

U mére nenn’ ji chiére

0 0

Accûme sì venûte

acchessì te ne sì jûte

sènza fiaté parôle

mèndre caléve u sôle.

 

De tè mò parle au vinde,

de tè mò parle au mére,

ma u vinde ne ’nzé ninde

e u mére nenn’ ji chiére:

ne ndîce se t’è ’ngundréte

oppuramènde t’è sunnéte.

 

D’add’ji ca sì venûte

allà te ne sì jûte

sènza fiaté parôle

mèndre caléve u sôle.

 

Mò iàvete ’ndu penzire

au càvete cûm’a jire,

na facce tô ne ’ndine,

ma sacce ca m’appartine.

 

Franco Pinto

 

Il mare non è chiaro: Come sei venuta / così te ne sei andata / senza fiatar parola / al tramontar del sole. // Di te ora parlo al vento, / di te ora parlo al mare, / ma il vento non sa niente / e il mare non è chiaro: / non dice se ti ho incontrata / oppure t’ ho sognata. // Da dove sei venuta / là te ne sei tornata / senza fiatar parola / al tramontar del sole. / Ora abiti nel pensiero / al caldo come ieri, / un volto tu non hai, / ma so che m’appartieni.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO