Giovedì 9 Febbraio 2023

Collettivo InApnea: "Energas vuole prendere a calci l'onorabilità della città?"

0 0

Quali risposte Energas deve ancora dare sul suo progetto nel Golfo di Manfredonia? Tutela dell’ambiente, tutela della salute, lavoro, sicurezza. Quali risposte offre? Soldi, calcio e propaganda.

Credevamo che la “campagna di sensibilizzazione” sul progetto di deposito gpl da parte della società napoletana dovesse occuparsi di ambiente, di città, di sviluppo economico e occupazionale. Aspettavamo risposte su questioni concrete come le numerose integrazioni richieste dal Comitato Tecnico Regionale della Puglia in tema di sicurezza e prevenzione del rischio.

Energas aveva annunciato un confronto con la città attraverso un info-point che non è mai stato realmente aperto, aveva dichiarato l’intenzione di spiegare pubblicamente le proprie ragioni incontrando il fronte dell’opposizione al progetto senza averlo mai fatto: ora, per confermare ulteriormente le preoccupazioni dei cittadini, la propaganda di Energas abbandona ogni argomento razionalmente discutibile e si rifugia nelle sicure spiaggie propagandistiche del calcio commercializzato. L’ultima bomba, sparata non per vie ufficiali ma mediante numerose indiscrezioni che circolano sugli organi di stampa locali, parla addirittura di un interessamento dello “sponsor” napoletano all’acquisto di una parte del Manfredonia Calcio, struttura sportiva ormai agonizzante a causa della malcelata pessima gestione dell’attuale presidente Sdanga, che abbiamo già denunciato a più riprese.
Cinquecentomila mila euro sarebbe la somma promessa, i “trenta denari” sonanti che arriverebbero a sanare i conti del calcio sipontino e a comprare il ruolo della società nella condanna a morte della città.

Energas vuole fare un uso politico del Manfredonia Calcio come, a suo tempo, fece Enichem: confidiamo che i cittadini e le cittadine della città abbiano memoria e siano in grado di tirare le somme da soli. Energas sceglie il calcio nella speranza di dividere la città, Energas sceglie il calcio perché sa che tra le mura dello stadio leggi liberticide e anticostituzionali perseguitano quei tifosi che si oppongono a chi usa il calcio offendendone i valori, Energas sceglie il calcio perché conosce bene il ruolo importante che questi ha avuto nella politica cittadina ormai da decenni.
E’ veramente difficile celare il risentimento, la rabbia e il furore che tale notizia crea nei confronti di chi ama la nostra città. L’amore della nostra città nei confronti del “pallone” è grandioso, ma non è cieco: consegnare la società nelle mani di Energas significherebbe rimpinguare le casse del Manfredonia Calcio per qualche anno, ma solo finché servirà all’azienda napoletana come strumento di consenso… poi Energas abbandonerà la squadra a morte certa per godersi i frutti della speculazione.

Non permetteremo alla mano degli speculatori napoletani di poggiarsi sui colori della nostra squadra, sulla nostra terra. #NoEnergas!

Nota stampa

Articolo presente in:
News

Commenti

  • Avete rotto le scatole con questa scusa del pallone ci volete piazzare decine di milioni di litri di gpl!!! NO!! Non non siamo la vostra colonia e noi siamo degli schiavi automi di nessun politico e di nessuna lobby!! STIAMO STUFI DI QUESTA STORIACCIA!! Hanno ragione i giovani di Apnea!!

    Manfredoniano 06/05/2016 10:14 Rispondi
  • E’ sempre la stessa storia…. mi prendo il pallone con l’accordo di non fare determinate opere come previste in convenzioni e che sono dovute alla città….;
    mi prendo il pallone per fare determinate opere che non vuole la città o la maggior parte di essa.
    Chi è l’altro interlocutore in tutte le faccende….affaccendato ?
    Guarda caso sempre il comune o chi per esso e chi lo amministra (la politica) che trae sempre e comunque il proprio tornaconto diretto ed indiretto, a tutto discapito sempre della città e della maggioranza dei suoi cittadini.

    poli 06/05/2016 8:38 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO