Domenica 19 Maggio 2019
Crimini Ambientali (728x90)

I teenager e i social: modi di comunicazione Come passano il tempo i giovani di Manfredonia?

0 0

Questa è una domanda che molte persone si pongono ma nessuno ha mai saputo dare una risposta completa. Noi giovani veniamo quasi sempre considerati dalle persone di età più avanzata, una generazione bruciata, o comunque, dedita al “dolce non far nulla”.
Si tende a considerare banale ogni iniziativa da parte nostra.

Tralasciando il rapporto adulti-ragazzi, i luoghi d’incontro più frequenti fra gli adolescenti di Manfredonia, al giorno d’oggi, sono: piazza del Popolo e, giusto due passi più in là, la ex Piazzetta Mercato, luoghi di incontri dove, tantissime persone sono concentrate soprattutto il venerdì, sabato e domenica.

Consideriamo anche, che il Comune di Manfredonia si sta prodigando per realizzare altri luoghi d’incontro soprattutto per i bambini e per i giovani; per esempio, risistemando i parchi gioco devastati dai vandali, la pista di pattinaggio che si affaccia sulla spiaggia libera, proprio di fronte al castello.

Un altro aspetto di non facile lettura è il rapporto che noi giovani abbiamo nei confronti della tecnologia. “Quella di oggi è una generazione allo sbando”, è la frase più gettonata, riferita all’uso indiscriminato che noi facciamo dei nuovi mezzi d’informazione e di comunicazione. Comportamento anomalo che porta i giovani ad una vera e propria dipendenza.

Negli ultimi tempi le relazioni o comunicazioni tra i giovani variano in continuazione. Per fare degli esempi, dal 2004 con la nuova app di facebook fino ad oggi si contano più di 1,7 miliardi di utenti connessi ogni mese, portando quest’app al primo posto tra tutti i social utilizzati, soprattutto dagli adolescenti, ma anche da persone di età più avanzata, in crescita esponenziale. In seguito sono state introdotte nuove app di comunicazione più complesse.

Ma quali sono i lati negativi di questi social?
Negli ultimi anni i rapporti umani sono stati limitati dall’uso della tecnologia. I giovani tendono infatti ad instaurare nuove amicizie tramite il web, limitando così il contatto visivo tra loro.

La nostra speranza è quella di riuscire a trovare una via di mezzo tra le vecchie generazioni e quelle future, limitando l’uso di intermediari virtuali, in particolare i telefonini e valorizzare i rapporti umani, mettendo in risalto i veri valori della vita.
Martina Spano
3a A/sia Istituto Tecnico Economico “G. Toniolo” Manfredonia

PIAZZETTA

Redazione M.
Articolo presente in:
Il Giornale con lo Zaino · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php