Venerdì 27 Gennaio 2023

D. D’ambrosio: “Il disinformatore seriale colpisce ancora”

1 35

Avrei preferito, dato il delicato momento, continuare a mantenere un profilo basso in ordine alle ultime vicende che vedono coinvolta l’Amministrazione Comunale di Manfredonia.

In questo periodo si è scatenata una vera e propria caccia all’uomo, tutti che si affannano a vario titolo ad ammonire ed ancor peggio censurare, fino a chiederne le dimissioni, chi del Sindaco, chi dell’Assessore al Bilancio, chi della Giunta, addirittura invocando il commissariamento del Comune. 

Di questa battaglia c’è qualcuno in modo particolare che quotidianamente ne sta facendo la sua ragione di vita attraverso articoli pseudogiornalistici. Credo che alla sua veneranda età e dopo aver collaborato per circa un DECENNIO con il Comune di Manfredonia, drenando risorse economiche al Comune stesso, da lui messo sotto accusa, per svariate centinaia di migliaia di euro, farebbe bene a godersi la pensione, come ogni onesto e bravo citta
dino che sogna tale traguardo per tanti anni prima di arrivarci. C’è da chiedersi come mai per oltre un decennio e dopo aver percepito lauti compensi, pagati dai cittadini di Manfredonia, si sia svegliato solo ora, mettendosi di piglio nel diffondere panico e cattiva informazione, utilizzando anche una nota testata giornalistica. 

Sì, cattiva ed errata informazione, perché a leggere uno dei suoi ultimi comunicati in cui afferma in un passaggio dove virgoletta un tratto della nota della Corte dei Conti < SOMME ILLECITAMENTE riconosciute> quando invece la stessa nota parla di <SOMME ILLEGGITTIMAMENTE riconosciute>.

Credo che il giornalista in questione conosca bene il significato dell’una e dell’altra, da qui la cattiva fede ed il maldestro tentativo di informazione basata solo su rancori personali ed accanimento verso questa amministrazione.

Non abbiamo mai minimizzato la portata dei provvedimenti a cui siamo sottoposti e non abbiamo nulla da nascondere, tante che la notizia della messa in mora della Corte dei Conti l’abbiamo data noi attraverso il comunicato apparso
sul sito del Comune. Ci stiamo adoperando tra mille difficoltà per mettere in piedi un incisivo piano di rientro, perché avvertiamo il peso e la responsabilità di chi verrà dopo di noi e vorremmo che, chiunque sia, fosse messo nelle migliori condizioni di operare. 
Al contrario, cosa che la maggior parte della popolazione ignora, oggi un commissariamento potrebbe durare un anno e nelle condizioni in cui siamo sarebbe davvero un atto irresponsabile oltre che scellerato. Questo forsennato tentativo di adombrare e screditare quotidianamente l’Amministrazione Comunale le sta davvero tanto a cuore? Bene, allora dia informazioni precise e corrette per non gettare la popolazione nel panico con notizie che creano allarmismo e fomentano odio.

Damiano D’Ambrosio

Capogruppo Pd 

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenti

  • Distinti saluti dalla CORTE DEI CONTI!

    ELETTORE INDIGNATO 02/06/2017 12:32 Rispondi
  • Visto che il consigliere D’Ambrosio è in vena di “ricordi” storici, vogliamo ricordarci qual erano i sui giudizi sull’amministrazione Riccardi tra novembre e dicembre 2014? Ma ormai tutto quello che si disse durante le primarie sono finite nel dimenticatoio.
    D’Ambrosio stai sereno!
    Come diceva il tuo Sindaco (non il nostro) in campagna elettorale? Il bello viene ora… Il bello sta arrivando, purtroppo non sarà “bello” per la nostra Città che dovrà pagare (in senso letterale) per colpe altrui.

    Angelo 02/06/2017 10:43 Rispondi
  • Se il problema è solamente la differenza tra “illecito” ed “illegittimo” vorrei tranquillizzare il consigliere D’Ambrosio (ma anche altri) perché in italiano i 2 termini sono sinonimi.
    Secondo la Treccani illecito è “di ogni atto contrario alle norme del diritto”, illegittimo “che non ha le qualità o le condizioni richieste dalla legge (o da determinate norme) per essere riconosciuto giuridicamente valido”. Sempre secondo lo stesso vocabolario, sinonimi di illegittimo sono “illecito, illegale, indebito”. Sinonimi di illecito sono “illegale, illegittimo, indebito”.
    Caro Consigliere quando lei dice “Non abbiamo mai minimizzato la portata dei provvedimenti a cui siamo sottoposti e non abbiamo nulla da nascondere” forse dimentica le ironie (giusto per usare un eufemismo) contro i consiglieri 5stelle ed il prof. Magno che facevano rilevare la gravità della situazione?
    Prendersela con Apollonio perché avrebbe parlato di illecito anziché di illegittimo non cambia la sostanza: sempre di somme non dovute si tratta (sempre se la Corte lo accerterà).
    Imparate un po’ di umiltà ed ad ascoltare chi parla per il bene di questa Città perché gli effetti si vedono ed il futuro è nero.

    Angelo 01/06/2017 22:54 Rispondi
  • non e il commento di D’ambrosio quello scritto,possibile che e’talmente inteligente e non cenesiamo accorti?mavala’D’AMBROSIO fai il bravo vai ha portare il latte perche’quello e il tuo lavoro,avete portato il comune al disastro finanziario,che gentaglia.

    EX PD FINCHE' CI SIETE VOI 01/06/2017 19:23 Rispondi
  • E’ il caso di dire ma da che pulpito arriva la predica, difendersi fino allo sfinimento, fino ad ora avete fatto il gioco delle tre scimmiette…. ora scoperto l’arcano, fate il gioco dello screditamento dell’opposizione…. ci vuole una buona dose di coraggio e sfrontatezza a fare questo gioco.
    Ben vengano altri 100 Italo Magno, anche se già pensionati, e forse sono anche pochi !!!!

    svolta 01/06/2017 18:05 Rispondi
  • Beh l’importante e che lei e tutti gli altri cacciati i soldi alla corte dei conti e non ce li fate pagare a noi!!

    Gino 01/06/2017 17:50 Rispondi
  • zappa e coffa a tutti i politici sipontini!

    Pensionato 01/06/2017 17:49 Rispondi
  • A chi aspettate a dimettervi tutti spendaccioni seriali?

    Manfredoniano stufo 01/06/2017 17:04 Rispondi
  • a lei la schiena non le fa male….vai a zappare

    lycia 01/06/2017 17:01 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO