Domenica 19 Maggio 2019
Crimini Ambientali (728x90)

U mére chiéme chi sépe arrespònne

5 1

(omaggio al Poeta Franco Pinto)

Se decït’a stu crestjéne ca ua parlé,

jisse v’arrespònne:

“Facíteme scrïve, ca jí mmègghie”.

E cci’amma crëde,

viste ca pe ttand’anne,

n’ò scritte de poesïje, pábbele, frecabbel’è ccummèdje.

Ultemamènde ce firme nu fèsse qualóngue,

ma li fesse luëre, fòrse, sò qquide ca n’anne angòre capïte

ca cèrte cöse, accumenzanne da lu djalètte,

a ffenèssce alla cecurjèlle p’a favètte,

tènene sapör’a ccarrètte!

L’arínje, a rüche, u sparge salvagge:

t’arrecrije quanne l’addure e… qquanne li mange!

Franghe vole dïce fòrse

ca n’amma jí tròppe lundéne,

ca cèrte vòlte, bbaste püre nu pandéne

pe vvedí lu mónne séne.

Pecceninne, aggarbéte,

quése sèmbe p’a facce d’a vucille spajiséte.

De li pojïte, jí di quide cchió ccanussciüt’è apprezzéte.

È nnò šchitte da chiche ppajiséne:

addumanátel’a mds o a…  Ccosma Sijéne,

St’öme canòssce lu virs’è lli nódeche d’ogni llègne

è… dd’ogni ccrestjéne.

Da bbune falegném’o maste d’asce,

te sépe fé a navícule è… ppür’a cassce!

Na spècije de mèzza reséte

è… t’ò sutterréte!

A ppenzarce bbune, Franghe, jí ppasséte da mér’a mmére:

da mére d’acque, mmén’a lu petre, a mmére de vambógghie,

senza mé però jerecínne dalla Pógghie.

ògnè ttande te lu vïte citte, nd’a na ngògne de müre,

tutte ngatapïte ca… scrïve.

Se succëde nd’a putëje, nen ve meravegliéte:

i ccapece c’ ò scritte püre söp’a nu pizze de cumbenzéte.

A cchiamarle spisse, i u mére.

U mére, u chiamatöre,

ca nenn’ì stéte méje fèsse è… mméje söte,

u sépe canòssce u vëre pujöte.

U mére chiéme, rérascennènne, ò sèmbe chiaméte…

Chiéme chi sép’arrespònne.

U rèste sò ssunne méje sunnéte,

söp’a nu litte d’arja fritte:

jatte rumése sènza sórge è ssènza titte,

vapüre de trïne méje arrevéte,

bbalïgie de canigghje appëne ngegnéte,

cavalle sènza ciamb’è ssènza guarneminde,

bbrasciöle de cart’attacchéte p’u vinde,

ca ne li vònne mangh’i pizzinde.

Jïje, ca sò rròbbe de pešchigne,

sènza féje la scigne,

dïche ca de Franghe Pinde

ne nassce jüne ogni ttande,

oraméje nenn’í šchitte u mére a ssapirle stu fatte.

Perciò, èvògghi’a šcamé i caggen’è ll’ònn’a sbatte!

 

Manfredonia, maggio 2012,

Francesco Granatiero

Disegnatore satirico

 

Il mare chiama chi sa rispondere: Se chiedete a quest’uomo di parlare, / lui vi risponderà: / “Fatemi scrivere, che è meglio”. / E dobbiamo credergli, / visto che per tanti anni, / ne ha scritte di poesie, favole, racconti e commedie. / Ultimamente si firma un fesso qualunque, / ma i fessi veri, forse, sono quelli che non hanno ancora compreso / che certe cose, ad iniziare dal dialetto, / per finire alla cicoriella con la favetta, / possiedono sapore a iosa! / L’origano, la rucola, l’asparago selvatico: / provi piacere quando vai ad odorarli e… quando li  mangi! / Franco vuole dire forse / che non dobbiamo andare troppo lontano, / che certe volte, basta anche un pantano / per vedere il mondo intero. / Basso di statura, gentile nei modi, / quasi sempre con l’espressione del passero spaesato. / Dei poeti, è fra quelli più conosciuti ed apprezzati. / E non solo da qualche paesano: / chiedetelo a mds (Mariantonietta Di Sabato) o a… Cosma Siani. / Quest’uomo, conosce il verso e i nodi di ogni legno e… di ogni uomo. / Da buon falegname o maestro d’ascia, / ti sa realizzare la culla e… anche la  cassa funebre! / Una sorta di sorriso / e… ti ha sotterrato! / A a ben riflettere, Franco, è passato da mare a mare: / da mare d’acqua, ai tempi in cui viveva col padre, a mare di trucioli, / senza mai però andarsene dalla Puglia. / Ogni tanto puoi vederlo taciturno, in un angolo di muro, / tutto concentrato che… scrive. / Se accade nella sua bottega, non vi meravigliate: / è probabile che abbia composto versi anche su di un pezzo di compensato. / A chiamarlo spesso, è il mare. / Il mare, il chiamatore, / che non è stato mai fesso e… mai immobile, lo sa riconoscere il poeta autentico. / Il mare chiama, di discendenza in discendenza, ha sempre chiamato… / Chiama chi sa rispondere. / Il resto sono sogni mai sognati, / su di un letto d’aria fritta: / gatte rimaste senza topi e senza tetti, / vapori di treni mai arrivati, / valigie di crusca utilizzate per la prima volta, / cavalli senza zampe e senza guarnimenti, / involtini di carte unite dal vento, / che non le gradiscono neanche i pezzenti. / Io, che sono uomo di modeste dimensioni e di scarso valore economico, / senza scimiottare qualcuno, dico che di Franco Pinto / ne nasce uno ogni tanto, / ormai non è solo il mare a saperlo questo fatto. / Perciò, hai voglia a lamentarsi i gabbiani e le onde ad infrangersi!

(Traduzione dell’Autore)

Vignetta realizzata da Francesco Granatiero

 

Redazione M.
Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php