Martedì 31 Gennaio 2023

Ordinanza per prevenire il rischio incendi e di tutela dell’igiene pubblica

1 1

La stagione calda è alle porte e il rischio incendi diventa un incubo per quelle località invase dalle sterpaglie, dovuta principalmente all’incuria di quei proprietari o possessori di fondi confinanti con abitazioni o in prossimità di strade urbane o extraurbane che non provvedono a tagliare l’erba che nel frattempo cresce a dismisura. Oltre al rischio incendi, l’erba incolta genera problemi molto seri all’igiene pubblica favorendo il proliferarsi di animali pericolosi, insetti, ratti, oltre che a trasformarsi in discarica a cielo aperto. Queste le ragioni che hanno indotto il Comune di Manfredonia ad emanare un’apposita ordinanza al fine di invitare i cittadini a provvedere in tempo debito a mettere in sicurezza i propri spazi utilizzati a verde. Nel frattempo le zone più critiche sono costantemente monitorate dai Vigili del Fuoco. Qui di seguito l’Ordinanza integrale:

CITTA’ DI MANFREDONIA
Settore V – IL. PP. – MANUTENZIONE
Servizio 5.2 Patrimonio Verde Pubblico e Arredo Urbano
Reg. Ord. N’ 13 – Aprile 2018
ORDINANZA PER INTERVENTI MANUTENTIVI RIGUARDANTI LA VEGETAZIONE INCOLTA, AL FINE DELLA PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCENDI E DI IGIENE PUBBLICA.
IL SINDACO
PREMESSO
• Che da verifiche degli Uffici competenti e da varie segnalazioni è emerso che non tutti i proprietari/conduttori/detentori a qualsiasi titolo di fondi confinanti con strade comunali e vicinali, nonché di aree libere ricadenti all’interno del territorio Comunale, in particolare quelle all’interno del centro abitato, eseguono le ricorrenti operazioni di sfalcio;
l’incuria da parte dei proprietari può essere causa di conseguenze anche rilevanti, in quanto la mancata manutenzione delle aree verdi e l’estirpamento delle sterpaglie nelle aree incolte, oltre a costituire fonte di pericolo per l’abbandono di varie tipologie di rifiuti, con rischi ambientali notevoli e riflessi anche sull’igiene e sanità pubblica, favorisce la proliferazione di animali pericolosi (topi, rettili, insetti, zecche, ecc.), il verificarsi di incendi, anche di ragguardevoli proporzioni, e, infine, rende difficoltosa la circolazione stradale, contribuendo a ridurre e/o occultare la segnaletica ed a ridurre la carreggiata;
• Ritenuto, quindi, indifferibile adottare un provvedimento contingibile ed urgente, atto a salvaguardare l’igiene, la sanità pubblica, la circolazione stradale ed a prevenire incendi nel periodo intercorrente tra la data di inizio della pubblicazione della presente ordinanza ed il 30 ottobre 2018
• Constatata la gravosità nel procedere a singole notifiche del presente atto, sia per il rilevante numero di destinatari, sia per la difficoltà di identificarli celermente in modo corretto, si procede ai sensi dell’art.8, comma 3, della Legge 241 del 07.08.1990;
Visto la relazione del tecnico dell’Ufficio del 20.04.2018;
Vista la Legge del 21 novembre 2000, n.353 “Legge quadro in materia di incendi boschivi”;
Visto I’art. 255 del D.Lgs 3 aprile 2006 n.152 “norme in materia ambientale”;
Visti gli artt. 7 bis e 50 del D.Lgs. 267/2Ò00 (Testo Unico Enti Locali);
Vista la Legge 689/81 e successive modifiche, introdotte daIl’art. 6 bis del D.L 23 maggio 2008 n. 92, conv. In legge 24 luglio 2008, n. 125;
Tutto ciò premesso, per le motivazioni addotte,
ORDINA
per esigenze di tutela ambientale, di prevenzione incendi e di salvaguardia dell’igiene e sanità pubblica, che: tutti i proprietari e/o detentori a qualsiasi titolo di aree scoperte incolte, abbandonate (aree artigianali, industriali, dimesse, cantieri edili aperti, condomini-giardini e/o aree verdi in genere), site nel centro abitato e nel territorio comunale, provvedano immediatamente alla falciatura ed estirpamento delle erbe ed alla pulizia delle sterpaglie e del residui di falciatura in tutte le aree private e. specialmente. In quelle confinanti con aree pubbliche (strade nonché al ripristino delle condizioni ottimali di Igiene e sanità delle stesse, avuto riguardo anche allo smaltimento dei materiali di rifiuto raccolti presso un sito autorizzato;
tutti i soggetti sopra indicati provvedano, con inizio dalla data di pubblicazione della presente ordinanza fino al 30 ottobre 2018 al mantenimento delle predette aree in condizioni tali da impedire tanto il proliferare di erbacce, sterpaglie e altre forme di vegetazione spontanea, nonché la proliferazione di animali pericolosi (topi, rettili, insetti, zecche, ecc.), quanto l’immissione di rifiuti di qualsiasi genere;
nel periodo intercorrente tra la data di inizio di pubblicazione della presente ordinanza ed il 30 ottobre 2018 è fatto divieto in corrispondenza o in prossimità di terreni agricoli, aree arborate o cespugliate, nonché lungo le strade e, in genere, in tutte le altre aree sopra indicate, di accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma libera o elettrici che producono faville, compiere ogni altra operazione che possa generare fiamma libera.
La presente ordinanza entra in vigore dalla sua pubblicazione all’Albo Pretorio ed avrà durata fino al 30 ottobre 2018, considerato termine congruo per l’esecuzione delle predette attività.
SANZIONI
Le violazioni alle disposizioni contenute nella presente Ordinanza saranno punite come di seguito:
1. Esecuzione d’ufficio di falciatura ed estirpamento, con rimozione dei materiali presenti nelle aree sopra indicate qualora i proprietari non vi provvedano volontariamente entro il termine di 7 (sette) giorni, decorrenti dalla data di pubblicazione della presente ordinanza all’Albo Pretorio, con addebito ai medesimi delle relative spese, come saranno successivamente quantificate, nonché ripristino delle condizioni ottimali dl igiene del sito, avuto riguardo anche allo smaltimento dei materiali raccolti;
2. Applicazione della sanzione amministrativa da C 25,00 a € 250,00, ai sensi dell’art. 7 bis dei D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, per violazione della presente ordinanza;
3. Applicazione della sanzione amministrativa da € 168,00 a € 674,00, prevista dall’art. 29 del Codice della Strada “Piantagioni e siepi”
DISPONE CHE
La polizia Locale e le Forze dell’Ordine, ciascuna per quanto di propria competenza, provveda a far rispettare la presente ordinanza a tutela della pubblica incolumità e a tutela del verde pubblico.
DISPONE ALTRESI’
che la presente ordinanza sia pubblicata all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale dell’Ente (www.comune.manfredonia.fg.it) e sia immediatamente eseguita;
che la presente Ordinanza venga inviata alla Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Foggia, Comando di Polizia Municipale, al Commissariato di PS., al Comando Carabinieri, al Consorzio di Bonifica della Capitanata di Foggia, al Comando Guardia di Finanza, Al Corpo Forestale dello Stato di FoggIa al Comando Provinciale Vigili del Fuoco ed all’ASI. FG, incaricati dell’osservanza.
Avverso la presente ordinanza, chiunque vi abbia interesse, potrà proporre:
– Ricorso al T.A.R. Puglia – Sede di Bari, entro 60 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune;
– Ricorso straordinario al Capo dello Stato, entro 120 giorni dalla pubblicazione all’Albo Pretorio del Comune.
RENDE NOTO
Ai sensi dell’art. 3, comma 4, della Legge 241/1990, avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso avanti al Tribunale amministrativo Regionale, Sezione di Bari, ovvero, in alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente entro 60 e 120 giorni dalla data di pubblicazione all’Albo Pretorio Comunale del presente atto, ai sensi del DPR 11 dei 24.11.1971.
Dalla sede municipale addi 30 aprile 2018
ILSINDACO
Angelo Riccardi

Redazione Manfredonianews.it

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenti

  • ma cosa dici, la maggior parte della sterpaglia si trova in aree comunali e siete voi che non fate manutenzione, manfredonia è piena di erba secca forse pronta ad incendiarsi e sicuramente si interverrà solo in quei momenti quando la popolazione farà ricorsi ai vigili

    pietro 17/05/2018 11:54 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO