Champions League Manfredonia (1280×110 – Top Banner)
Domenica 27 Settembre 2020

La XVI edizione di FestambienteSud, nell’era Covid, parla di Futuro e porta sul Gargano Chiara Civello e Javier Girotto

0 1

Dopo l’anteprima già celebrata nell’Abbazia di Pulsano ecco le tre giornate, dal 20 al 22 agosto, con eventi a Monte Sant’Angelo, Foresta Umbra e Vieste: concerti, passeggiate, summer school in una edizione limitata dalle regole antipandemia.

Torna FestambienteSud, il festival nazionale di Legambiente per il Sud Italia, in limited edition col titolo “IL NOSTRO FUTURO”. “Perché la crisi Covid c’interroga sul passato, sulle scelte che hanno prodotto un sistema globale fragile, insostenibile e incapace di futuro – spiega Franco Salcuni, direttore del festival -. Per noi la sostenibilità, la cultura, la natura e la comunità sono i punti di partenza per ripensare qualsiasi futuro possibile, che deve essere diverso dal passato e non può essere altro che innovazione. Sarà un’edizione compatibile con le regole della precauzione, del distanziamento e della responsabilità sociale che s’impongono in un momento in cui il contagio sembra arretrare, ma non è scomparso”.

“L’emergenza Covid19 – dichiara Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – ha profondamente segnato il nostro Paese e ci impone anche una seria riflessione sulla ripartenza e sul futuro della nostra Penisola. Con FestambienteSud parleremo proprio di questo, convinti che la sostenibilità ambientale, la green economy e l’economia circolare, la cultura, unita all’attenzione per la natura e per le comunità locali, siano la giusta strada da percorrere per garantire una vera ripartenza green e un nuovo futuro all’Italia, tenendo insieme innovazione ambientale e riduzione delle disuguaglianze. È arrivato il momento di dare gambe al green new deal di cui si è tanto parlato, mettendo in campo anche azioni più efficaci per affrontare la crisi climatica. Non c’è più tempo da perdere, bisogna dire addio alle fonti fossili, ripensare la mobilità, svegliare una politica e un’industria che in Italia dormono sui temi green”. 

La XVI edizione di FestambienteSud è pertanto diversa dalle precedenti: più breve, si articola in un’anteprima, già celebrata nei giorni 1 e 2 agosto e dedicata alla salvaguardia degli antichi Eremi di Pulsano (con un reading da un racconto di Pasquale Biscari e un concerto all’alba con Giovannangelo De Gennaro, Nicola Nesta e Andrea Stuppiello), cui faranno seguito le tre giornate di festival, dal 20 al 22 agosto, che toccheranno le località che sono state coinvolte nella scorsa edizione: Monte Sant’Angelo, la Foresta Umbra e Vieste. Sulla scena un cast artistico connotato in gran parte da ritorni eccellenti.

Si apre il 20 agosto a Monte Sant’Angelo con un doppio appuntamento musicale: La Liturgia delle Parole del Furano Saxophone Quartet, in debutto nella Tomba di Rotari, cui segue nella scalinata di via Maraldo il one man show dell’artista irpino Luca Pugliese. Il 21 agosto sempre a Monte Sant’Angelo un inedito incontro musicale tra “la più brasiliana delle artiste italiane”, Chiara Civello, il sassofonista argentino Javier Girotto e il pianista pugliese Mirko Signorile. Il 22 agosto al mattino il festival si sposta in Foresta Umbra con una passeggiata filosofico-botanica, intitolata “Sub Tegmine Fagi”, mentre in serata Chiara Civello tornerà a esibirsi, questa volta in solo, nell’anfiteatro Carlo Nobile di Vieste.

Nei tre giorni del festival anche la Summer School su “Social Media Marketing per la Cultura e il Sociale”, della durata di 16 ore con sessioni teoriche e pratiche che, sotto la guida di un tutor, seguiranno gli eventi del festival per raccontarli sui canali social. Il corso è gratuito e a condurre le attività saranno Valentina Scirpoli, giornalista esperta di comunicazione sui social media, e Gennaro Tedesco, giornalista e comunicatore.

Il festival quest’anno è promosso e sostenuto da Legambiente onlus – Comune di Monte Sant’Angelo – Comune di Vieste – CSV Foggia.

Segreteria organizzativa

Green Cave di FestambienteSud

via Garibaldi 27, Monte Sant’Angelo (Fg).

Tel. 379 117 5345

Web www.festambientesud.it

————————

PROGRAMMA

20 agosto – Monte Sant’Angelo

Ore 9 – Inizio di SOCIAL MEDIA MARKETING PER LA CULTURA E IL SOCIALE

Corso di formazione sostenuto da CSV Foggia. La partecipazione è gratuita ma a numero limitato. Il corso prosegue nella forma di stage durante i 3 giorni del festival per un totale di 16 ore tra lezioni teoriche e pratica sul campo. Info e iscrizioni al numero 379 117 5345.

Ore 21 CONCERTO scalinata via Maraldo

LUCA PUGLIESE one man show

(evento gratuito ingresso limitato a prenotazione: 379 117 5345)

LUCA PUGLIESE (Avellino, 1973) è pittore, musicista, cantautore e architetto. Da sempre interessato alla pluralità e alla contaminazione dei linguaggi, si è laureato presso lateneo di Napoli eseguendo una performance musicale ispirata alla sua tesi in progettazione architettonica. Nel 2001 ha fondato in Irpinia la kermesse di musica e arti visive Terra Arte, meta di numerosi e prestigiosi artisti nazionali e internazionali, e il progetto di musica dinsieme Fluido Ligneo, nellambito del quale ha scritto e composto gli album Endemico (2003), Flashbacks (2005), Andante (2009) e Dejà vu (dicembre 2011). Come pittore ha tenuto mostre personali e collettive in tutta Italia. Nel 2010, con la sperimentazione audiovisiva Cosmo sonoro, confluita nellomonimo catalogo (Skira 2010), ha tenuto mostre personali alla Triennale Design Museum di Milano e al Museo internazionale e Biblioteca della musica di Bologna. Nel 2011 il CD audio-video Cosmo sonoro è stato distribuito in tutta Italia dalla EMI. Dopo le tappe teatrali che hanno accompagnato il lancio di Dejà vu (teatro San Babila di Milano, teatro Ambra Jovinelli di Roma, dicembre 2012), Luca Pugliese ha esportato la sua musica nelle carceri, promuovendo e organizzando a proprie spese una tournée teatrale in moltissimi istituti penitenziari italiani (febbraio-marzo 2013).

ore 22.15 – Tomba di Rotari – SPETTACOLO

LA LITURGIA DELLE PAROLE

con Pasqua Guerra e il Furano Saxophone Quartet, in prima assoluta

(evento gratuito ingresso a prenotazione 379 117 5345)

Cinque musicisti pugliesi decidono di portare la loro musica all’interno della via Francigena, che diviene la fonte d’ispirazione per questo progetto/viaggio allo stesso tempo spirituale, musicale e fisico. I suoni e le parole, che provengono da un passato ancestrale, riecheggiano nella musica del FURANO SAXOPHONE QUARTET, che, con la cantante Pasqua Guerra, propone una composizione inedita, che parla e descrive la realtà della via Francigena attraverso la metafora del viaggio. Il brano che dà il titolo al progetto, “La liturgia delle parole”, è composto da uno dei membri del quartetto, Alberto Napolitano. Il viaggio come metafora della vita viene vissuto attraverso questa composizione, ripercorrendo idealmente l’ordinarium della liturgia cattolica: Kyrie, Gloria, Credo, Santus, Angus Dei. Il testo, nella sua struttura cerimoniale, nell’iterazione di suoni e cadenze, nell’intonazione sempre diversa di ogni parola, sembra ricondurci in un mondo lontano, dove il sacro ed il fiabesco si incontrano fino a confondersi in antichi racconti e filastrocche popolari, che la tradizione orale ha portato fino a noi come un tesoro da custodire. I suoni, pur muovendosi in una poetica moderna, sfruttano e reinventano le possibilità timbriche e tecniche degli strumenti e richiamano alla mente echi antichi, melodie e canti popolari che giungono a noi come trasfigurati.

21 agosto – Monte Sant’Angelo

Ore 21.30 CONCERTO scalinata via Maraldo

CHIARA CIVELLO feat. Mirko Signorile. Special Guest JAVIER GIROTTO

Chiara Civello (voce, chitarra), Mirko Signorile (pianoforte), Federico Scettri (batteria), Javier Girotto (sax)

(evento gratuito ingresso limitato a prenotazione: 379 117 5345)

CHIARA CIVELLO. In Italia, il quotidiano «La Repubblica» l’ha recentemente definita «la mosca bianca»: perfino nel suo paese d’origine, dove in tredici anni di carriera sono usciti sei album di successo, Chiara Civello rimane un’outsider. Né pop, né jazz, lontanissima dalle classificazioni asettiche della musica leggera e avidamente aperta sul mondo, questa italiana spumeggiante potrebbe essere la figlia segreta di Ennio Morricone, di Michel Legrand e di Astrud Gilberto. La sua voce soave, la sua latinità particolare e il suo percorso fuori dal coro hanno sedotto Marc Collin, l’inventore del gruppo Nouvelle Vague, che ha visto in lei la figura portante della nouvelle vague italiana. L’ha perciò inserita in Kwaidan, la sua etichetta di pop alternativo, e ha prodotto il disco Eclipse, offrendole in questo modo quel french touch che ancora mancava al suo pregevole percorso. Perché se è vero che Chiara Civello arriva in territorio vergine in Francia, è anche vero che ha già vissuto mille vite. Vanta perfino una serie di collaborazioni di prestigio dall’altra parte dell’Atlantico, da Burt Bacharach a Esperanza Spalding o Al Jarreau, da Chico Buarque a Gilberto Gil. Iperattiva, Chiara Civello è un’insaziabile raccoglitrice di suoni, sempre in partenza. È proprio lei a citare la sindrome di Wanderlust, quel virus del viaggio che l’ha spinta ad attraversare l’oceano all’età di 18 anni, dopo aver vinto una borsa di studio al Berklee College of Music di Boston. Da allora, ha costruito una carriera tra tre continenti, con un piede in Italia, uno negli Stati Uniti e il cuore in Brasile. Senza mai prendere fissa dimora, né in una città, né in uno stile.

JAVIER EDGARDO GIROTTO. Nativo di Cordoba (Argentina), comincia a studiare il sax all’età di dieci anni, percorso che lo porta a specializzarsi presso il Conservatorio Provinciale di Cordoba, diplomandosi come insegnante di musica sax e flauto traverso. All’età di 21 anni si trasferisce a Boston (USA), dove si diploma in Professional Music cum magna laude al Berklee College of Music. Fondatore e leader degli Aires Tango con cui ha registrato sette album. La sua musica è un misto di tango, jazz, etnica, caratterizzata da improvvisazione di straordinaria qualità, scrittura e arrangiamento. Parallelamente ad Aires Tango, collabora con il quintetto di Roberto Gatto, col quale suona ormai da 8 anni, ha suonato anche con Rita Marcotulli, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Bebo Ferra, Antonello Salis, Gianni Coscia, Furio Di Castri, Tony Scott, Arto Tunçboyacıyan, Carlo Rizzo, Aldo Romano, Luis Agudo, Maurizio Gianmarco, Stefano Battaglia, Michel Godard, Anouar Brahem, Gianluigi Trovesi e molti altri.

22 agosto – Foresta Umbra e Vieste

Ore 11 – Foresta Umbra – passeggiata filosofico-botanica

(evento gratuito ingresso limitato a prenotazione: 379 117 5345)

Programma su www.festambientesud.it

Ore 21.30 – CONCERTO Anfiteatro Carlo Nobile

CHIARA CIVELLO solo

Chiara Civello (voce, chitarra, pianoforte, tastiere)

(evento gratuito ingresso limitato fino a completamento dei posti)

Il programma del festival s’intreccerà con quello del primo festival di comunità del Progetto CRESCINCULTURA, sostenuto da Impresa Sociale “Con I Bambini”, rivolto a bambini, ragazzi ed educatori.

Il festival quest’anno è promosso e sostenuto da Legambiente onlus – Comune di Monte Sant’Angelo – Comune di Vieste – CSV Foggia.

Ai fini dell’osservanza delle regole restrittive anti contagio tutti gli eventi sono gratuiti ma con ingresso limitato fino a completamento dei posti. Necessaria la prenotazione presso la Green Cave o al numero 379 117 5345.

Sono obbligatori l’uso della mascherina e l’osservanza delle regole del distanziamento.

Redazione G.
Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *