Domenica 17 Gennaio 2021

Incontro con il giallista Romano De Marco

0 0

Domenica 30 agosto, nella suggestiva cornice della terrazza dell’Infopoint Touristico in Piazzetta del Mercato, si è tenuto l’attesissimo incontro con lo scrittore Romano De Marco. Organizzato dal gruppo di lettura “A qualcuno piace… giallo” di Foggia con il patrocinio della libreria Ubik, l’evento ha visto la partecipazione di spettatori attenti ed entusiasti, nonostante la limitazione dei posti a causa delle norme anti-Covid.

Romano De Marco è uno degli scrittori che più si stanno segnalando a livello nazionale nel campo del giallo-noir. Dopo l’esordio del 2009 nel Giallo Mondadori con “Ferro e fuoco”, ottiene nel 2011 il premio Lomellina in Giallo con “Milano a mano armata”. Seguono “A casa del diavolo” e “Morte di luna”, oltre a “Io la troverò” e “Città di polvere”, entrambi finalisti del prestigioso Premio Scerbanenco. Nel 2017 passa all’editore Piemme del gruppo Mondadori per il quale scrive “L’uomo di casa” (vincitore “categoria lettori” al Premio Scerbanenco) e “Nero a Milano”. Ha pubblicato racconti sulla rivista Linus e sul Corriere della Sera. Dal 2019 è inoltre direttore artistico del festival “Giallo di sera a Ortona”.

L’ultima sua fatica, intitolata “Il Cacciatore di Anime”, è stato oggetto dell’incontro di domenica scorsa che ha visto Teresa Palatella e Luciana Fredella, lettrici del gruppo “A qualcuno piace… giallo”, dialogare con l’autore. E’ stato uno stimolante susseguirsi di domande a cui lo scrittore abruzzese ha risposto con grande perizia ed estrema professionalità pur non mostrandosi mai distaccato, stabilendo anzi un fil rouge con il pubblico che ha messo tutti a proprio agio. La conversazione, incentrata sul thriller fresco di stampa, ha riguardato inoltre tematiche molto varie: dall’approccio alla scrittura alle caratteristiche del racconto noir, dalle tecniche narrative alla scelta dei luoghi dell’azione (e a questo proposito l’autore ha fatto una lunga ed interessante disquisizione sulla location del suo ultimo thriller, il paesino toscano Peccioli).

Dopo il consueto e gradito “firmacopie” finale l’incontro è poi proseguito davanti ad un tavolo da “happy hour”, dove si è continuato a parlare, tra le altre cose, di ambientazioni suggestive, di indagini condotte sul filo della logica più stringente e dei grandi “giallisti” d’eccezione.

Marcello Casalino

 

Redazione M.
Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO