Mercoledì 27 Gennaio 2021

La fibra e le strade tinte di rosa di Manfredonia

8 2

Le strade della nostra città non sono quasi mai state integre. Negli anni passati quando una strada veniva asfaltata la sua integrità durava finché non si presentava un altro problema per cui era necessario scavare, quindi sia per la fogna, sia per altro, si rompe l’asfalto, si scava, si fa un rattoppo e via; così il “fosso” è assicurato e la strada non è più integra. Dal mese di settembre dello scorso anno sono cominciati i lavori per impiantare la fibra a Manfredonia. Grazie al progetto di Open Fiber la città sarà fornita di una infrastruttura di telecomunicazioni realizzata interamente in fibra ottica, capace di garantire una connessione al web sicura e stabile. Da premettere che tutti gli interventi di scavo, ripristino e predisposizione degli spazi comuni condominiali all’arrivo della banda ultralarga sono a carico di Open Fiber, senza alcun esborso per l’amministrazione municipale e la cittadinanza. Da quando sono cominciati i lavori per installare la fibra ottica i bordi di alcune delle nostre strade hanno cominciato a tingersi di nastri rosa. Infatti, i tecnici arrivano muniti di scavatori, fanno un lavoro precisissimo: buche grandi per le centraline e fessure strette per i cavi, poi, dopo aver installato l’impianto, riempiono provvisoriamente tutto con malta cementizia di colore rosa e se ne vanno. Dopo almeno 30 giorni ci dovrebbe essere la seconda e ultima fase di ripristino definitivo, con la stesa del tappetino d’asfalto a caldo. Secondo le previsioni dell’azienda i lavori si sarebbero dovuti concludere entro 18 mesi a partire da settembre 2019, ma, come sappiamo, tutto si è bloccato dal mese di marzo in poi. In questi giorni sono ripresi i lavori di scavo nelle strade cittadine che non erano ancora state cablate, ma le strade fatte in precedenza, intanto, non sono state ripristinate; infatti i tagli per i cavi e le buche realizzate per inserire le centraline sono ancora “rosa”. Col passare del tempo la malta cementizia rosa si è assestata abbassandosi di livello e lasciando scoperte pericolose buche. Abbiamo interpellato l’ufficio stampa di Open Fiber per chiedere spiegazioni riguardo al mancato ripristino del manto stradale definitivo dove i lavori sono finiti ormai da tempo. La causa sarebbe il blocco causato dal lockdown; le imprese che producono bitume per l’asfalto sono rimaste chiuse impedendo la prosecuzione dei lavori di ripristino; ma Open Fiber avrebbe potuto svolgerli comunque, trattandosi di un’attività di pubblica utilità. Pare che i tecnici proprio in questi giorni stiano monitorando le strade dove si sono creati maggiori dislivelli, e che necessitano maggiori interventi per poter partire con il ripristino definitivo del manto stradale; dopodiché partirà la fase effettiva di ripristino di tutte le strade interessate dal cablaggio. Sarà fondamentale rispettare i divieti di sosta dove sono previsti i lavori, perché anche una sola macchina parcheggiata può bloccare tutto. La riasfaltatura è concordata con l’ufficio tecnico e con l’ufficio mobilità del Comune di Manfredonia, che pianificheranno con Open Fiber le attività da effettuare per evitare il blocco del traffico. I cittadini che ritengono che la situazione in alcune delle strade in questione sia particolarmente problematica e quindi richiede un intervento d’urgenza, possono contattare direttamente Open Fiber sul sito internet, dove troveranno un modulo apposito per segnalare le situazioni particolari indicando via e numero civico. Dunque bisogna avere solo un po’ di pazienza e fare tanta attenzione a dove si mettono i piedi o le ruote di biciclette e motorini. Presto avremo le strade riasfaltate e soprattutto potremo usufruire della fibra.

di Mariantonietta Di Sabato

 

Redazione R.
Articolo presente in:
News

Commenti

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

     

    MANFREDONIA VIDEO