Venerdì 15 Gennaio 2021

San Giovanni Rotondo, arrestato il presunto autore dell’attentato dinamitardo del 16 novembre scorso

2 0

In data 16 novembre 2020, alle ore 20.10 circa, i Carabinieri della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno ricevuto una comunicazione telefonica di una violenta esplosione avvenuta a San Giovanni Rotondo in località Patariello, che aveva interessato e distrutto completamente un’autovettura del tipo Volkswagen Polo, parcheggiata di fronte l’abitazione del proprietario del mezzo distrutto.

Intervenuti sul posto, i militari hanno proceduto ad un accurato sopralluogo dell’area interessata e da subito è emerso la micidiale potenza dell’ordigno utilizzato il quale, collocato sotto l’autovettura, aveva completamente distrutto il mezzo, tanto che alcune parti del veicolo sono state rinvenute a notevole distanza dal luogo in cui era parcheggiato il mezzo.

Solo la casualità ha evitato danni peggiori a cose e, soprattutto, a persone.

Le immediate indagini sul posto dell’attentato, da parte degli investigatori della Compagnia Carabinieri di San Giovanni Rotondo, hanno consentito, già durante le fasi del sopralluogo, di individuare a breve distanza del luogo del delitto un’autovettura compatibile con quella inquadrata dalle telecamere, a bordo della quale si trovava l’odierno arrestato in compagnia di altra persona allo stato non ancora identificata: i due, per sfuggire al controllo dei militari, si sono dati a precipitosa fuga, causando un incidente stradale con altra autovettura ed abbandonando il veicolo sul posto.

Nell’immediatezza, già quella sera, sono state concordate con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, le attività d’indagine che avrebbero permesso di individuare in poco tempo, nella persona arrestata in data odierna, uno dei responsabili del grave attentato.

Si tratta di P. M, cl. 89, con numerosi precedenti contro la persona, stupefacenti e armi, fino al mese scorso sottoposto agli arresti domiciliari per lesioni personali.

Le indagini tradizionali con servizi di osservazione sul territorio, corroborate da sofisticate attività tecniche a cui si sono affiancate l’acquisizione e analisi di filmati attraverso telecamere del circuito cittadino e di privati, hanno consentito in tempi brevissimi di far luce sull’accaduto e sull’autore del gesto criminale.

Appare doveroso evidenziare che il tanto brillante quanto tempestivo risultato è da ricondurre al lavoro sinergico tra la Procura della Repubblica di Foggia e i Carabinieri di San Giovanni Rotondo, che in pochissimi giorni hanno fatto luce su un grave delitto che ha scosso e ha creato allarme nella città di San Pio.

 

Redazione G.
Articolo presente in:
Cronaca · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO