Mercoledì 21 Aprile 2021

Guardie Ambientali: abbandono di rifiuti speciali, scoperti circa 100 pneumatici a ridosso della SP.60

0 0
Gli uomini delle Guardie Ambientali Italiane di Manfredonia, Nucleo Tutela Ambientale, coordinate dal responsabile Alessandro Manzella, hanno scoperto abbandoni di rifiuti speciali, nello specifico, pneumatici fuori uso. Il fatto è avvenuto durante le quotidiane operazioni di monitoraggio del territorio al fine di scongiurare abbandoni fuorilegge di rifiuti, hanno scoperto circa 100 pneumatici, a ridosso della SP.60, precisamente sotto il ponte Carapelle e in uno dei canali di scolo in località posta Berardi, in agro di Zapponeta. L’autorità locale è stata informata della situazione, dell’abbandono dei rifiuti speciali.
L’abbandono di rifiuti lungo le strade o nelle campagne è un fenomeno comune in tutta Italia. Un fenomeno che purtroppo non risparmia nessun sito, sia questo di particolare pregio, sia già degradato. Non ci si farà mai l’abitudine a vedere nelle cunette o nelle piazzole delle strade le montagne di rifiuti accatastati. Si tratta di un fenomeno che oltre a deturpare l’ambiente e il paesaggio, genera un costo non indifferente per la collettività. La rimozione dei rifiuti ed il loro smaltimento sono a carico degli Enti proprietari delle strade o dei comuni nel cui territorio vengono abbandonati, più raramente a carico dei proprietari dei terreni che, lasciati incustoditi, diventano discariche abusive. Si dice che i rifiuti attirino i rifiuti. I comuni sanno bene che il deposito di alcuni sacchetti di rifiuti in un determinato sito, fa si che questo diventi uno spazio a ciò “istituzionalmente” destinato e dove periodicamente il Comune si farà carico della loro raccolta. Si tratta di un  illecito il cui accertamento ed imputabilità al suo autore non è semplice, anzi spesso è quasi impossibile. Oltre alla flagranza e al testimone oculare della condotta di abbandono, per l’accertamento dell’illecito non rimane che la videosorveglianza o l’ispezione sul contenuto dei rifiuti.
Redazione G.
Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO