Lunedì 21 Giugno 2021

Sand’Andune, masquere e sune

0 0
(Sant’Antonio, maschere e suoni)
Con questo detto a Manfredonia si dà origine ai festeggiamenti del Carnevale dauno che ricade proprio oggi in occasione di Sant’Antonio Abate.
Nella data odierna ricade anche la Giornata Mondiale del dialetto e per celebrare entrambe le ricorrenze pubblichiamo la poesia di Franco Pinto, “A Masquere”, dedicata a Ze Peppe, maschera tipica del Carnevale di Manfredonia
A Masquere
Manfredonje te vole Carnevéle:
miserabile, mbriacone e sènza séle;
e tu, viéte, rire a chéne e purce,
rialanne i carne tôve ai tagghjafurce.
E nd’affetisce manghe a turné a nasce,
dope assapréte a péce della casce.
Tu sì acchessì ialandome e bune
ca pure quanne mure mitte i sune.
Ne statue! Che diche… dice… cinde,
t’avrija fé u pajése a nevéce ninde:
te lasséme mbicchéte a nu candone,
cume a nu vèrme, sule, allu seréne.
Ma tu lu se’, pe quèste ca sì nète,
tu lu se’ca ji tutte na masquaréte:
i zambitte e a giacchètte lorde d’ugghje,
enutele ca te sfurze, ne me mbrugghje!
Te véde, Pepennille, ammizze a pèzze,
terarete u corje apprisse pa capèzze,
e sutturré, acchessì, nfra méne e jucchje,
i sunne tuve sotte a nu manucchje.
Che fé pe quèdda méne? Te gratte nghépe?
N’avenne pavure, a gènde ne lu sépe:
sarrà pecché ca sì nu bune attore,
sarrà pecché fe rire lu delore,
sarrà pecché sarrà, nu fatte ji cèrte:
alli mbide, assettéte o sotte i cuèrte
te pènzene e te sonne tutte i jurne
aspettanne u mumènde ca tu turne.
pe vestirce, dicene lore, da pagljacce
e luarce, finalmènde, a masquere mbacce
Franco Pinto
La maschera/ Manfredonia ti vuole Carnevale/miserabile, ubriacone e senza sale/ e tu beato sorridi a cani e porci/ regalando le tue carni ai pettegoli//E non ti annoia neanche nascere di nuvo/dopo aver provato la pace della cassa/tu sei così galantuomo e buono/che anche morendo emetti suoni//Una statua…cosa dico?! Dieci, cento ti dovrebbe fare il paese e invece…?!/Niente/ Ti lasciano impiccato/ad un angolo/come un verme solo al gelo della notte// Ma tu lo sai per questo sei nato/tu lo sai che è tutta una mascherata/le scarpe e la giacca sporche di olio/ è inutile che ti sforzi non mi imbrogli.//Ti vedo Peppinello in mezzo alla terra/ tirarti il corpo dietro con le briglie/ e sotterrare così furtivamente/ i tuoi sogni sotto ad un covone.//Cosa fai con quella mano? Ti gratti la testa?/ Non aver paura, la gente non lo sa/Sarà perché sei un buon attore/Sarà perché il dolore fa ridere/Sarà perché sarà, una cosa è certa/in piedi, seduto o sotto le coperte/ti pensano e ti sognano tutti i giorni/aspettando il momento del tuo ritorno.//per vestirci, dicono loro, da pagliacci/ e toglierci, finalmente, la maschera dal viso
(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)
Angela la Torre
Articolo presente in:
News

Commenti

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

     

    MANFREDONIA VIDEO