Martedì 2 Marzo 2021

Il Gruppo Lega Puglia annuncia ddl sulle nomine in Regione: “Emiliano fa rientrare i suoi uomini restati fuori dalla porta con compensi da 30mila euro annui”

1 0

Il Gruppo Lega Puglia in Consiglio Regionale si impegna a presentare un disegno di legge per limitare il libero arbitrio sulle nomine consentite al presidente della Regione.

“Il presidente Emiliano – dichiara Davide Bellomo, capogruppo consiliare – regola i conti delle promesse elettorali e cerca di costruire il suo consenso in vista del partito che verrà, suo e di Giuseppe Conte, scatenando il suo libero arbitrio nelle nomine dei suoi consulenti e consiglieri di Presidenza. Nomine criticabili nella competenza dei prescelti rispetto alla materia di cui dovrebbero occuparsi, e che vedono due suoi candidati non eletti (l’ex assessore Mino Borracino e il consigliere comunale foggiano Rosario Cusmai) e l’ex sindaco di Manfredonia, Riccardi, decaduto dopo lo scioglimento del Consiglio Comunale per infiltrazione mafiosa e dichiarato incandidabile per le scorse elezioni regionali.

In sostanza Emiliano fa rientrare dall’ingresso di servizio i suoi uomini restati fuori dalla porta, ponendoli a carico dei pugliesi, elargendo loro un compenso da 30mila euro annui. Per carità̀ tutto legittimo, – conclude Bellomo – ma censurabile sul piano della opportunità̀. Non si può̀ far passare il proprio staff politico per un gruppo di esperti con attribuzioni mai viste prime nella Regione Puglia, in conflitto con il lavoro di assessori e direttori di dipartimento”.

Il Gruppo consiliare della Lega Puglia, a seguito della nomina di questi consulenti, presenterà̀ nei prossimi giorni un disegno di legge per limitare la totale discrezionalità̀ in capo al Presidente della Regione su tali scelte.

Redazione G.
Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO