Giovedì 13 Maggio 2021

Vaccini anticovid, aggiornamento 8 aprile. Priorità ai pazienti con malattie oncologiche e malattie rare

0 0

Superate le 700mila dosi somministrate. Domani dosi no stop sino a mezzanotte all’Istituto Tumori di Bari. A Foggia il primo drive through vaccinale

Priorità in tutta la Puglia alle vaccinazioni anti Covid-19 delle persone estremamente vulnerabili affette da patologie oncologiche e onco-ematologiche e da malattie rare, insieme ai rispettivi caregiver e familiari conviventi. Il Dipartimento Salute della Regione Puglia ha attivato tutti i Centri specialistici di riferimento per vaccinarli nel più breve tempo possibile. Quindi i grandi ospedali sono attivati per queste fasce di fragilità e stanno operando parallelamente agli hub e centri vaccinali, che sono invece impegnati nel completamento della prima dose per gli ultraottantenni e nella somministrazione delle seconde dosi. In campo ci sono anche i Medici di medicina generale che stanno portando avanti le vaccinazioni degli ultraottantenni a domicilio e dei fragili.

 

Per quanto riguarda i pazienti oncologici, sono circa 10mila i pugliesi in trattamento o che hanno sospeso le cure da meno di sei mesi. Si sta operando in sinergia con la Rete Oncologica Pugliese (ROP) per effettuare la somministrazione direttamente presso i presidi della rete.

 

Per quanto invece riguarda le persone affette da malattie rare, che sono circa 22.500 in Puglia, il Dipartimento Salute della Regione si sta muovendo in sinergia con i presidi della rete nazionale (PRN), i nodi della Rete regionale e (PRN) e nodi della Rete regionale pugliese (ReRP) delle Malattie Rare e dal Coordinamento regionale Malattie Rare di Aress. E ha impartito le indicazioni operative per avviare la loro vaccinazione nei presidi e nei Centri della Rete.

 

Sono 701.191 le dosi somministrate in Puglia sino ad oggi (dato aggiornato alle ore 17.30).

 

 

Nel dettaglio:

Sono più di 4.300 le dosi somministrate dalla ASL Bari in questa giornata. Oltre a 3012 vaccini Pfizer destinati a over 80 e soggetti fragili, in particolare pazienti oncologici con codice esenzione 048, sono state somministrate 1.340 dosi di Astrazeneca per complessivi 25 punti di somministrazione tra Hub comunali, Servizi Igiene e Sanità Pubblica, centri ospedalieri e distrettuali.

Per la vaccinazione a domicilio degli assistiti, over 80 e pazienti fragili non deambulanti, dei medici di medicina generale, tra ieri e oggi sono state consegnate complessivamente 538 fiale di vaccino Moderna (pari a 5918 dosi) nelle sedi distrettuali di Grumo, Modugno, Monopoli, Bitonto, Valenzano e Mola Di Bari. Nel solo Hub Fiera di Bari ne sono state consegnate 298.

L’Ospedale di Altamura sta procedendo alla vaccinazione dei pazienti oncologici in cura presso il reparto di Oncologia: oggi sono stati vaccinati i primi 50, tra domani e lunedì tutti gli altri.

La ASL Bari, a tutto il 7 aprile, ha superato le 236mila dosi totali somministrate, di cui 75.350 seconde dosi.

 

È  partita ieri la somministrazione dei vaccini antiCovid ai pazienti oncologici ricoverati nei reparti del Policlinico di Bari: la squadra composta da medici e infermieri, sulla base delle indicazioni ricevute dalle unità operative, ha raggiunto i degenti in stanza e ha provveduto, dopo la firma del consenso, alla somministrazione della dose del vaccino.  Sono stati già 20 i pazienti ricoverati nei reparti di Neurochiurgia, Urologia e Chirurgia con patologie oncologiche che hanno avuto la prima dose di Pfizer-Biontech. Le somministrazioni in corsia proseguiranno nei prossimi giorni per i malati in condizioni critiche e con patologie oncologiche. Negli ambulatori, invece, sono programmate le sedute vaccinali dei soggetti con tumore in attesa di intervento chirurgico e delle persone in chemioterapia in cura al Policlinico di Bari.  Vanno avanti inoltre le vaccinazioni dei pazienti con patologie neoplastiche urologiche: oggi sono state circa 200 le dosi somministrate.

 

Accelera la campagna vaccinale per i pazienti dell’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari. Dopo le oltre 100 dosi, somministrate ogni mattina a cominciare da domenica nell’hub vaccinale organizzato nella sala conferenze, per domani, venerdì 9 aprile, l’oncologico barese ha organizzato una no stop, dalle 14 alle 24, con l’obiettivo di vaccinare 102 e rispettivi caregiver e conviventi. Tutte le attività saranno coordinate da 20 fra ematologi e oncologi dell’Istituto. Si replica, con turni anche più estesi, anche sabato e domenica.

 

Proseguono le somministrazioni all’Irccs De Bellis di Castellana Grotte ai pazienti oncologici, che in tutto sono circa 400, che verranno completate sino a domenica, salvo i pazienti che devono seguire tempi differenti legati alle terapie.

 

Continua la campagna di vaccinazione degli over 80 su tutti i comuni della Asl Bt. In particolare su Trani, Andria, Bisceglie e Barletta è in programma il completamento delle prime dosi entro sabato. I cittadini che non sono stati contattati per anticipare la vaccinazione per ragioni diverse (mancata risposta o numero errato) possono contattare il numero verde 800 550 177 tutti i giorni fino alle 20. A Barletta presso l’ospedale Dimiccoli continua la vaccinazione dei pazienti oncologici che sarà completata entro sabato. Oggi intanto sono state distribuite 1100 dosi di vaccino Moderna ai medici di base per la vaccinazione a domicilio degli over 80.

 

 

Nella Asl di Brindisi oggi in programma le vaccinazioni per 1.275 anziani over 80 nei centri di Bozzano, a Brindisi,  Fasano, Francavilla Fontana, San Pancrazio Salentino e San Pietro Vernotico.

Proseguono le somministrazioni per pazienti oncologici. È stato ampliato l’elenco delle persone che verranno vaccinate sabato 10 aprile: saranno 200 nel centro Conforama di Fasano e 400 in quello allestito nell’istituto Marconi Flacco, a Brindisi, che sarà inaugurato con questa sessione. Oltre ai pazienti oncologici saranno vaccinati anche i loro caregiver.

 

 

La ASL Foggia ha organizzato sedute vaccinali straordinarie nelle giornate di venerdì, sabato e domenica prossimi per concludere la somministrazione delle prime dosi a tutte le persone ultraottantenni; alle persone di con disabilità grave e ai relativi caregivers e familiari conviventi che ancora non hanno ricevuto la prima dose.

In particolare, saranno dedicati a tale attività numerosi centri vaccinali nei comuni di Foggia, Accadia, Ascoli Satriano, Candela, Carpino, Cerignola, Lucera, Manfredonia, Mattinata, Monte Sant’Angelo, Rodi Garganico, San Giovanni Rotondo, San Marco in Lamis, San Nicandro Garganico, San Severo, Torremaggiore, Troia.

Nel comune di Foggia, in considerazione del coinvolgimento di un’amplia platea di utenti,  sono stati individuati 3 punti vaccinali.

Il centro allestito presso la sede del Don Uva di via Lucera sarà dedicato (nelle giornate di sabato e domenica) alle persone ultraottantenni.

Il centro vaccinale dell’ospedale D’Avanzo, sabato mattina, sarà dedicato alle persone residenti a Foggia, di età superiore ad 80 anni, in condizione di disabilità grave, e ai relativi caregivers e conviventi.

Grande novità: sarà attrezzato per le attività di somministrazioni anche il Drive through di via Protano a Foggia (solitamente utilizzato per l’esecuzione dei tamponi) dove, tra venerdì e domenica, saranno vaccinate le persone di età compresa tra 16 e 80 anni in condizioni di disabilità grave e i relativi caregivers e conviventi.

A San Severo, presso il C.Or.O. dell’ospedale, saranno vaccinati i pazienti oncologici.

Per quanto concerne il centro vaccinale dedicato ai pazienti oncologici di San Severo e il Drive Through di Foggia, sono già pronti gli elenchi delle persone da vaccinare, che sono state chiamate direttamente dalla ASL.

La modalità di accesso agli altri centri, invece, sarà “a sportello”, cioè senza prenotazione. Per vaccinarsi occorrerà portare con sé il documento di identità valido e la tessera sanitaria. Per accelerare le operazioni, è consigliato portare anche il modulo di consenso informato, precedentemente compilato.

Ad oggi, i medici di medicina generale hanno ritirato in tutto, 7.881 dosi in tutta la provincia (1.043 nella sola giornata odierna) per le somministrazioni a domicilio agli ultraottantenni non autosufficienti e per le vaccinazioni delle persone estremamente vulnerabili.

Nell’ospedale di Cerignola oggi sono stati vaccinati 18 pazienti affetti da fibrosi cistica e 20 caregivers.

Nell’ospedale di San Severo oggi sono stati vaccinati 11 pazienti oncologici la cui programmazione è stabilita in base alle terapie e ai trattamenti in corso.

 

Presso l’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo, concluse le somministrazioni ai pazienti nefropatici e trapiantati di rene, sono in corso le vaccinazioni dei pazienti oncologici ed ematologici.

Ad oggi sono stati vaccinati 24 pazienti oncologici (su 46 convocati), 30 pazienti ematologici (su 82 convocati), 61 trapiantati di midollo osseo (su 85 convocati), tutti i 27 pazienti talassemici in cura.

Entro il 16 aprile sono in programma altre 174 somministrazioni ai pazienti oncologici.

Nel dettaglio: in provincia di Foggia sono state somministrate, ad oggi, 116.523 dosi di vaccino anti COVID di cui 75.953 prime dosi e 50.570 seconde dosi.

Hanno ricevuto la prima dose

29.498 persone ultraottantenni; di queste, 20.038 hanno effettuato anche la seconda somministrazione.

Al momento, hanno già ricevuto la prima somministrazione 2.816 persone di età compresa tra 70 e 79 anni.

 

Continua anche al Policlinico Riuniti di Foggia la campagna vaccinale per le categorie fragili.

Sono state avviate questa mattina le vaccinazioni dei pazienti oncologici e si lavora per completarle nella prossima settimana.

Domani saranno completate le vaccinazioni agli ultimi 35 pazienti trapiantati di rene, per un numero complessivo di 235 pazienti trapiantati che avranno ricevuto il vaccino.  Tutti i pazienti emodializzati (185) sono stati vaccinati. Dalla prossima settimana inizieranno le vaccinazioni anche ai conviventi dei pazienti dializzati e trapiantati.

 

Nella ASL Lecce prosegue la campagna di vaccinazione in tutti in punti di vaccinazione sanitari.

A pieno regime l’attività della Caserma Zappalà di Lecce dove in queste ore è in corso la vaccinazione degli ultra80enni del Comune capoluogo.  Prosegue la vaccinazione dei pazienti oncologici. Entro sabato si concluderà la vaccinazione dei pazienti trapiantati, dei pazienti dializzati e dei rispettivi caregiver.  Dal 27 dicembre a oggi sono state vaccinate 138.240 persone, tra loro 47370 hanno completato la vaccinazione.

 

Nella Asl Taranto oltre 2000 dosi fatte oggi dal dipartimento di prevenzione. A queste si aggiungono le vaccinazioni dei pazienti oncologici presso il Moscati con la somministrazione di oltre 250 dosi che proseguono anche domani fino ad arrivare a un totale di quasi duemila persone. Al SS. Annunziata sono stati somministrati 54 vaccini ad altrettanti trapiantati e 39 ai caregiver di minori. A Manduria, 36 vaccinazioni a dializzati, talassemici e caregiver.

Entra nel vivo la campagna vaccinale per la parte affidata i medici di medicina generale. È stato individuato il percorso operativo per la richiesta, il ritiro e la somministrazione dei vaccini da parte dei medici di medicina generale per i soggetti ultra ottantenni e per i soggetti vulnerabili.

I medici di famiglia, una volta individuati i propri pazienti da vaccinare a domicilio e i pazienti vulnerabili che rispondono ai requisiti previsti dal piano vaccinale, programmeranno le sedute vaccinali domiciliari o in ambulatorio dando la priorità alla maggiore età anagrafica.

Redazione G.
Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO