Martedì 19 Ottobre 2021

AgiAMO Manfredonia: terzo meeting in presenza, cresce il gruppo

25 2

Come per i due precedenti, anche il terzo meeting in presenza dell’Associazione politica “AgiAMO” ha registrato una interessata partecipazione dei cittadini che ha occupato tutti i posti disponibili previsti dalla normativa anti-contagio.
L’incontro si è svolto al L.U.C. di Manfredonia nella serata di lunedì 14 giugno ed è stato aperto dai saluti del Presidente, avv. Andrea Pagano, che ha illustrato i motivi della nascita del gruppo politico delineandone i tratti.

Desideriamo dare continuità all’azione cominciata nel 2015 con la ferma opposizione alla scorsa amministrazione. La nostra partecipazione alla prossima tornata elettorale è da intendersi come “legittima difesa” nei confronti di quanti, responsabili della degradata situazione della città, cercano di riproporsi, direttamente o indirettamente, riciclandosi in soggetti civici o cassando il nome della propria realtà politica per accondiscendenza verso richieste pretenziose di possibili alleati di una eventuale coalizione” spiega Pagano.

Collante dei vari interventi è stato l’on. Antonio Tasso che, esponendo alcuni dei punti dell’articolato programma per la città (ricognizione della situazione economica dell’ente, costituzione di un team tecnico per l’individuazione di possibili finanziamenti, riqualificazione delle aree industriali, pianificazione di una proposta turistica) ha chiesto il contributo di altri membri dell’associazione per l’approfondimento di temi specifici.

Massimiliano Ritucci
, ex consigliere di opposizione durante la scorsa amministrazione, ha rimarcato la necessità di informare i cittadini sulle cause che hanno provocato il doppio scioglimento del consiglio comunale, richiamandoli al senso di responsabilità per le prossime scelte elettorali: ”Forse ad alcuni cittadini la “cruda” verità non piace sentirsela raccontare, ma non intendiamo rinunciare alla chiarezza ed alla concretezza della nostra proposta per offrire una narrazione edulcorata di una realtà estremamente difficile che non ha ancora espresso pienamente l’entità del danno per la collettività. Ecco perché non si può e non si deve correre il rischio di rimettere alla guida della città elementi che continuano a brigare per poter continuare a deciderne le sorti”.

Decisamente tecnico l’intervento dell’ing, Francesco Ognissanti che – ribadendo la necessità di rendere funzionali le aree industriali, mai pienamente infrastrutturate, per attrarre investimenti verso una zona, comunque, strategicamente attrattiva – ha analizzato la natura di recenti proposte da parte di aziende che intenderebbero insediarsi nella piana di Macchia. Un’analisi “in itinere” per la quale mancano elementi fondamentali per poter esprimere un giudizio nel merito, elementi che AgiAMO ha chiesto e conta di poter ottenere in tempi brevi.

Ampio spazio, come è nel dna di AgiAMO, è stato dedicato anche agli aspetti artistico-culturali della nostra città. È intervenuto, infatti, il giovane regista sipontino Stefano Simone per esporre al pubblico il suo ultimo film “Bandiere e Primavere”, che proprio nella giornata di oggi è stato ufficialmente presentato in una conferenza stampa a Montecitorio, di cui si è fatto promotore l’on. Antonio Tasso. Il film racconta la storia del sindacalista di Manfredonia Salvatore Castrignano ed è tratto dall’omonimo libro del 2018 scritto proprio dal compianto esponente della CGIL e politico.

Interessante la riflessione di Marco Minervino, giovane musicista, che nel processo di individuazione degli elementi che possano formare un’offerta turistica attraente, ha evidenziato come in altre realtà regionali si sia prestata molta attenzione alla creazione di eventi musicali che, diventando ciclici e movimentando artisti ed appassionati, costituiscono una importante ricaduta economica per il territorio.

Molto accorata la richiesta di Giovanni Cotugno, da sempre impegnato nella promozione sportiva, soprattutto a favore della disabilità. Il noto atleta (in passato) e, attualmente, promotore di eventi sportivi, ha lamentato l’inconsistenza di strutture sportive in una città che esprime importanti realtà agonistiche. Il mancato riconoscimento dei meriti di alcuni importanti atleti locali del settore paralimpico da parte delle precedenti amministrazioni è stato stigmatizzato come “inconsistente attenzione” e “mancanza di sensibilità, sportiva e civica”.

Al termine alcuni cittadini presenti hanno espresso le proprie opinioni, anche ponendo domande specifiche, sugli argomenti trattati, segno di attenzione e partecipazione che, in sostanza, è uno dei principali obiettivi di questi incontri.

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO