Domenica 1 Agosto 2021

21 giugno: San Leonardo di Siponto ed il misterioso raggio di sole

0 1

Tanti anni fa oltre al meraviglioso portale (oggi visibilmente deturpato dai ladri e da atti vandalici), un nostro ingegnoso antenato, peraltro sconosciuto, nel costruire l’Abbazia di San Leonardo di Siponto, volle dotarla di una preziosità. Per catturare il raggio di sole più alto dell’anno, infatti, pensò di perforare la spessa volta della chiesa in un punto particolare ed esattamente al centro dei due pilastri prospicienti l’ingresso laterale (il più importante rispetto agli altri, in quanto arricchito dal celebre portale). Dalla parte interna lo arricchì di un mirabile rosoncino. La cosa più spettacolare, però, non è tanto il foro costituito da undici raggi,  ma il fenomeno che attraverso questa apertura si verifica. L’autore dell’ingegnoso strumento doveva senz’altro essere un ottimo intenditore di “meccanica celeste”. Ha scelto, infatti, con precisione matematica, il punto  dove doveva cadere il raggio di sole. Sinceramente non ci è dato conoscere quale sia stato il criterio adottato. Al riguardo, però, si possono  avanzare solo delle ipotesi. Egli è riuscito a localizzare la direzione Sud, esattamente dove si trova il sole a mezzogiorno. Il 21 giugno, quando il sole raggiunge la massima altezza dalla terra, ed esattamente al mezzodì astronomico del solstizio d’estate, da questo foro gnomonico passa un “misterioso raggio di sole” e cade in un punto particolare della chiesa. Pertanto, possiamo dire che il nostro bravo “architetto”, prima di procedere alla perforazione della volta  della chiesa, ha calcolato con estrema precisione il punto esatto dove operare, onde evitare di finire in una zona diversa del cielo. Procedura analoga, oggi viene adottata puntando un comune telescopio su di una stella, con la sola differenza che lo strumento astronomico può essere spostato facilmente per la ricerca del punto esatto di osservazione.  Ancora più eccezionale è stato il lavoro compiuto con molta cura e dovizia di particolari in quanto l’autore, dopo aver operato il foro, lo ha diaframmato dall’interno realizzandovi uno stupendo rosoncino costituito da undici raggi, (il caso vuole che anche il rosone della cattedrale di Troia conti lo stesso numero di raggi). La eccezionalità dell’avvenimento, pertanto, è che il raggio catturato proietta, in quel punto particolare, gli undici raggi del rosoncino formando sul pavimento altrettanti meravigliosi petali di luce. Un fenomeno analogo si verifica in Francia, nella decantata cattedrale di Chartres. Il foro, però, è praticato in una vetrata e lo stesso giorno, al mezzodì, il raggio di sole va ad infrangersi su di una formella metallica incastonata nel pavimento. In Francia il fenomeno è bene evidenziato. Sul pavimento è sistemata una piastra metallica per attirare l’attenzione dei visitatori. Nella chiesa di San Leonardo, invece, lo si può osservare da un segno tracciato sul pavimento, nel punto giusto dove cade il raggio di sole. Su di un pannello, poi è spiegato il fenomeno astronomico e quando lo stesso può essere osservato, (ora e giorno). L’ora è senz’altro diversa da quella indicata dall’orologio (mezzodì astronomico),  in quanto in quel periodo è in vigore l’ora legale, ragion per cui  l’evento si sposta di un’ora, alle ore 13 circa). Quale significato può avere la presenza di questo fenomeno in una chiesa,  ancora oggi, sinceramente sono  in molti a chiederselo.Comunque dobbiamo dire che qualcosa di analogo, oltre alla cattedrale di Chartres si verifica nel Duomo di Milano, Santa Maria degli Angeli in Roma e San Petronio a Bologna.  In queste ultime, però, agiscono delle meridiane che hanno la funzione di un vero e proprio calendario. Attraverso dei fori, infatti, a seconda delle stagioni, si cattura il raggio di mezzogiorno che viene poi  proiettato, su apposite formelle sistemate sul pavimento. Non è la stessa cosa per San Leonardo. La funzione del foro gnomonico, infatti, determina la sola meridiana che indica il solstizio d’estate. Molto probabilmente, detta funzione  serviva a determinare il giorno dal quale partire per il computo del resto dei giorni dell’anno. Ciò giustifica la precisa posizione in cui cade il raggio di sole ed esattamente al centro tra i due pilastri principali. Oltre al solstizio d’estate, dall’interno dell’Abbazia di S. Leonardo si possono osservare altri due fenomeni, anch’essi  di rilevante importanza astronomica. L’equinozio di primavera (20 o 21 narzo), cioè quando ha inizio la primavera astronomica ed il giorno incomincia a superare la notte in durata.e l’equinozio d’autunno (22 o 23 settembre), altro momento in cui si registra una ugual durata di giorno e notte. Detti fenomeni si possono osservare attraverso un altro rosoncino di dimensioni analoghe al precedente, costituito, però, da 10 raggi ed è sistuato sulla facciata ovest della chiesa. Durante l’equinozio primaverile, infatti, dalle ore15,30 alle 16,00 il raggio di sole penetra attraverso il rosoncino e si infrange sulla parete dell’abside sinistro, dove recentemente è stata collocata una piccola icona della Madonna. Stessa cosa si verifica durante l’equuinozio d’autunno.Più o meno alla stessa ora, infatti,.Il raggio di luce che si riflette sulla parete assume la forma di una mandorla che, secondo la interpretazione di alcuni studiosi, racchiude la purezza, simbolo della fede e della gloria di Dio.

Matteo Di Sabato

 

 

 

Articolo presente in:
Eventi · News

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO