Domenica 19 Settembre 2021

Yes We CON: ecco la Manfredonia che vogliamo

0 30

Noi di CON siamo cittadine e cittadini carichi di idee ed entusiasmo ed abbiamo scelto di partecipare ad un progetto innovativo di cambiamento per Manfredonia.

La nostra forza è stare insieme rendendo le nostre diverse competenze delle opportunità di accrescimento per il territorio con un obiettivo in ‘Comune’ affinché si possa restituire alla nostra città la speranza che un futuro migliore è possibile.

Manfredonia ha avuto in questi anni mille sogni nel cassetto e ha tanti progetti rimasti inespressi e non realizzati. Bisogna ripartire dalle necessità della popolazione, dalle opportunità di lavoro e sviluppo, coniugando ambiente, paesaggio, turismo e cultura e contrastando mafia ed illegalità.

In questi mesi abbiamo raccolto e sviluppato le istanze della cittadinanza mettendo a punto una bozza di programma che non solo vi invitiamo a scaricare e a leggere, ma anche ad arricchire con le vostre proposte via WhatsApp (3402324381) e via mail (conmanfredonia@gmail.com).

Di seguito una sintesi.

 

ECONOMIA E LAVORO. Occorre organizzare un ufficio specifico con uno staff preparato e determinato che si occupi d’intercettare fonti di finanziamento dall’Unione Europea, dal Governo e dalla Regione Puglia, con l’obiettivo di mobilitare da un lato finanziamenti pubblici e dall’altro di richiamare investimenti di soggetti privati. Si dovrà facilitare l’imprenditoria, giovanile e non, creando sportelli comunali che possano aiutare a snellire il percorso burocratico. Il mare dovrà diventare uno dei volani per l’economia locale; ciò senza dimenticare che Manfredonia è anche ‘terra’ ricca di frutti. Si dovranno valorizzare i prodotti ittici e quelli agricoli locali, pensando anche a dei marchi DOC e IGP. Inoltre, il Comune dovrà mettere a disposizione i propri terreni incolti e abbandonati, affinché siano recuperati, con un doppio vantaggio: dare la possibilità di creare un orto a chi non possiede campi ed evitare il degrado del territorio.

 

AMBIENTE E TERRITORIO. Manfredonia è adagiata in una delle aree più belle della Puglia, racchiusa tra il mare ed i monti del Gargano come in un amorevole abbraccio. Il nostro mare va tutelato affrontando concretamente il problema dei rifiuti e degli scarichi, riqualificando le spiagge da nord fino alla riviera sud e scongiurando ogni eventuale abuso edilizio sulla fascia costiera. La zona industriale, nel rispetto dell’ambiente, ha bisogno di un rilancio che possa favorire le aziende presenti e portare a nuove opportunità di sviluppo, a partire dalla realizzazione del depuratore e l’efficientamento dei sottoservizi. L’inquinamento nelle aree industriali a ridosso della città dovrà essere prevenuto e monitorato. Intendiamo inoltre farci promotori di nuove politiche di governo del territorio tese ad avviare una decisa svolta ambientale: più verde per tutti, anche per gli amici a quattro zampe (con la realizzazione di aree di sgambettamento), e meno rifiuti, con una raccolta porta a porta che va riorganizzata anche studiando incentivi economici.

 

SICUREZZA COME BENE COMUNE. Siamo consapevoli che nella popolazione si è diffuso un sentimento d’insicurezza e di sfiducia nelle istituzioni che sembrano essere inermi rispetto ad episodi di micro e macro delinquenza. Innanzitutto, ci siamo impegnati a coinvolgere nel nostro progetto politico donne ed uomini che sposano la cultura della legalità in ogni sua forma. In futuro, metteremo inoltre in campo iniziative per far sì che l’Amministrazione Comunale contrasti con ogni mezzo possibile la mafia e qualsiasi forma d’illegalità e daremo vita ad un Osservatorio permanente per la legalità come organismo di studio e valutazione dei fenomeni di illegalità. Inoltre, per contrastare la delinquenza, c’impegneremo a riqualificare i luoghi di aggregazione sociale (piazze e parchi) e a promuovere lo sport, anche e soprattutto per inculcare ai giovani valori sani.

 

RIPARTIRE CON LO SPORT. Vogliamo smantellare lo stadio ad ovest della città mai utilizzato e creare al suo posto una Cittadella dello Sport per promuovere iniziative di ampio respiro in tutte le discipline sportive. Per fare questo vogliamo provare ad intercettare i fondi dei bandi europei finalizzati all’implementazione dell’impiantistica sportiva. Tutte le associazioni sportive saranno chiamate a diventare protagoniste di questa svolta, perché sono loro che più di tutti potranno indicare la via per la creazione e l’utilizzo di nuove strutture, anche con una partecipazione attiva nella gestione delle stesse.

CULTURA E TURISMO: INVESTIRE SULLA BELLEZZA. Dobbiamo impegnarci affinché il nostro fondatore possa essere finalmente fiero dei suoi cittadini. Sarà importante anche attingere a contributi rivolti alla valorizzazione delle aree archeologiche, perché Siponto possa diventare una punta di diamante in Puglia. Occorre progettare e implementare un Festival della Street art di livello nazionale e Manfredonia dovrà diventare una città aperta agli artisti di strada, indicando loro delle postazioni e stipulando convenzioni con strutture che possano ospitarli. Sarà inoltre opportuno costruire una progettualità condivisa con la comunità ed i privati del patrimonio culturale, affinché nelle importanti realtà museali insistenti sul territorio (Museo Archeologico Nazionale Castello, Museo Storico dei Pompieri e della Croce Rossa Italiana, Museo del Mare, Museo Etnografico Sipontino) i visitatori possano sentirsi coinvolti in un percorso completo. È nostra intenzione creare anche un nuovo museo che possa racchiudere l’enorme patrimonio storico-fotografico di Manfredonia. Il turismo culturale potrà essere sviluppato anche creando itinerari enogastronomici ed eventi che sappiano valorizzare piatti e prodotti tipici del nostro territorio, anche con sagre e feste che coinvolgano le periferie della città. Manfredonia può e deve fare turismo puntando su eventi che appartengono alla tradizione storica della città come la Festa Patronale ed il Carnevale. L’evento ludico per eccellenza della città, con la sua storia secolare, dovrà essere supportato con iniziative programmate durante l’intero anno e con la creazione di laboratori della cartapesta. Le scuole di ogni ordine e grado dovranno diventare l’epicentro per il rilancio culturale della città e si dovranno organizzare corsi di formazione professionale anche retribuiti per aiutare i giovani ad inserirsi nel mondo del lavoro.

 

SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA. Vogliamo concretizzare l’idea di una Casa della Salute nata a seguito dello studio epidemiologico sulla popolazione che ha messo in evidenza importanti criticità che devono essere monitorate. Per quanto riguarda l’ospedale di Manfredonia, occorre sottolinearne l’importanza in quanto assicura i livelli essenziali di assistenza per un bacino di utenza di circa 100 mila persone. È a Manfredonia, infatti, che fanno capo anche Zapponeta, Mattinata, Monte S. Angelo e Vieste. Pertanto, è assolutamente necessario invertire la rotta degli ultimi 10 anni di tagli e rivendicare una struttura ospedaliera dignitosa. Inoltre, i Servizi Sociali dovranno essere implementati per rispondere alle emergenze e, contemporaneamente, per intercettare le situazioni di rischio. L’emergenza abitativa, da cui gran parte della popolazione è oppressa, dovrà essere arginata dando a tutti la possibilità di un tetto sicuro, con interventi volti alla realizzazione di nuove abitazioni in collaborazione con ARCA Capitanata e con il reperimento di contributi regionali per il mantenimento dell’alloggio in locazione. Vogliamo prevenire e contrastare la formazione di stereotipi e pregiudizi anche creando una sinergia tra l’amministrazione comunale e le associazioni rappresentative della comunità LGBTQI al fine di consolidare una rete più efficace ed efficiente nella promozione e tutela dei diritti di tutti, senza alcuna differenza di genere.

RIQUALIFICAZIONE URBANA. Sulla espansione sud-orientale della città va messa una parola fine: niente più case, niente più nuovi comparti. Nella nuova periferia orientale la cura sarà quella di realizzare dei servizi e degli spazi pubblici integrati alle residenze. Da Siponto all’Acqua di Cristo, è nostra volontà realizzare concorsi di architettura per incentivare l’innovazione progettuale di Manfredonia. Bisognerà eliminare il binario morto tra stazione Campagna ed ex stazione Città e ricucire le strade tra viale Aldo Moro e Lungomare del Sole, con un network di bar, ristoranti, servizi sportivi, culturali e ricreativi, contando anche sul recupero dei capannoni esistenti del Consorzio Agrario. In quest’ottica sarà inoltre anche eliminato il ponte mai ultimato tra viale di Vittorio ed il lungomare di Siponto. La Riviera Sud e la sua lunghissima spiaggia e l’Oasi Lago Salso dovranno diventare un valore aggiunto per l’intero territorio. Le frazioni di Ruggiano, San Salvatore e la Montagna rappresentano una grande risorsa nel paesaggio articolato del territorio di Manfredonia. La tutela e la salvaguardia dei valori paesaggistici rappresenta il recupero di questi luoghi, favorendone anche un uso turistico. A Borgo Mezzanone occorrerà fare scelte di recupero urbano che non potranno prescindere dal recupero sociale di una situazione complessa.

Siamo aperti ai vostri suggerimenti che potrete inviare via WhatsApp al 3402324381 o via mail a conmanfredonia@gmail.com.

 

Il futuro della nostra città possiamo scriverlo insieme.

#yeswecon

 

Maria Teresa Valente

CON MANFREDONIA

Articolo presente in:
Comunicati · News · Politica

Commenti

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

     

    MANFREDONIA VIDEO