Lunedì 29 Novembre 2021

San Leonardo le origini, la Vita, il carisma

3 2

Di Aldo Caroleo Archeoclub Siponto in form. Aps

Nel mese di novembre (il 6 del mese) la Chiesa ricorda un grande Santo, che ha dato il nome ad una delle più splendide Abbazie della Puglia  .

(Queste note sulla sua vita sono tratte da un mio lavoro sull’Abbazia di San Leonardo di Siponto, che spero di poter pubblicare).

 

La Vita  di San Leonardo si identifica con il periodo storico piu’ travagliato della Chiesa, vale a dire nel   V Sec.  nell’Europa  occidentale   in particolare la Gallia, dove  le eresie minavano il nome della chiesa di quel  tempo in seguito alle invasioni barbariche, soprattutto l’Arianesimo, che aveva fatto moltissimi adepti tra cui i Franchi.

I Franchi erano popoli Teutonici o Germanici,composti da una lega di  tribu’ che guidati da Meroveo,da cui i Merovingi, invasero la Gallia e se ne impossessarono  dandole il nome di Francia.

Ma fu Clodoveo Ludovico colui che conquistò la Gallia  a Soissons dando inizio prima alla dinastia dei Merovingi che continuò poi con quella dei Carolingi,capitanati dall’uomo più grande dei secoli barbari: Carlo Magno

Al nome di Clodoveo è legato il grande evento che la Chiesa registra nella sua storia, vale a dire la vocazione dei Franchi ,avvenuta con la conversione di questo Re che per disposizione divina ,ebbe la ventura di tenere al suo fianco una donna ammirabile e santa:la Regina Clotilde.

San Leonardo nacque in quel periodo storico,  sul finire del V Sec. da una nobile famiglia Franca. Il padre,cugino di Clodoveo,passò ad abitare alla corte del re  dove occupava importanti cariche militari.

La  nascita di quel bambino  fu salutata da grande giubilo e i genitori e il parentado vedevano un futuro fulgido del piccolo a corte.

Alla Corte di Clodoveo  era sempre presente San Remigio ,seguace di San Martino di Tours, che aveva battezzato Clodoveo nella conversione, quel  bambino seguiva sempre  Remigio.

Anche nella scelta del nome del bimbo  si volle un’allusione alle speranze del fanciullo, cercando un nome nuovo che rispondesse al momento storico di una forte nazione,convertita al Cristianesimo e, quasi sicuramente,col consiglio di San Remigio e il consenso di Clodoveo,si decise di unire il nome Leo (Leone), emblema di fierezza e della potenza teutonica,al nome Nardus (Nardo) simbolo di mite fragranza insita nello spirito cristiano

Nardus mea dedit odorem suavitatis”  Can. 1,11

(mentre il mio Sposo arriva, il mio Nardo effonde il suo aroma soave)

(il Nardo è una pianta aromatica  simile alla lavanda da cui si preparavano degli oli profumati: citata spesso nel sia nel VT che nel NT, come appunto nel Cantico dei Cantici.Nel Nuovo Testamento ricordiamo che Maria Maddalena cosparse  con olio di Nardo, di puro Nardo, il capo e i piedi di Gesu’  asciugandoli con  suoi i capelli..)

 

Al che si puo’ aggiungere che il nome Leo-Nardus fosse ispirato da Dio stesso quasi a preconizzare l’evangelica potenza delle virtu’ di Leonardo. Un geniale scrittore detto’ il seguente motto:

“Fortis ut leo,rèdolens ut nardus,tu, Leonardus, eris”

(forte come un leone,profumato come il nardo, tu, Leonardo,eri)

Dove maggiormente rifulse la sua viva carità fu verso i carcerati, forse perché vedeva in essi la parte  più derelitta e sofferente dell’umanità, a quel tempo legati in ceppi e catene.

Quindi Leonardo, come San Remigio, chiesero ed ottennero  da Clodoveo il permesso  di poter liberare,nell’ambito del regno,  dalle carceri tutti quelli degni di liberazione, a condizione che si ravvedessero.

Molti furono i prigonieri  da lui liberati,nel corpo ma anche dalle catene del peccato.

Il Santo esercitò il suo apostolato nella selva di Noblac,a Pauvin  e fu meta di coloro che desideravano avvicinarsi alla fede di Cristo liberandosi dalle catene del peccato morale e materiale.La chiesa di Noblac fu ufficiata per lungo tempo dai Canonici Regolari di Sant’Agostino che poi ne propagarono il culto.

Il Santo viene raffigurato con le catene e il Vangelo:

“ Io ti libero come uomo dalle catene degli uomini, ma e’Cristo e la sua Parola che ti liberano dal peccato  morale.”

L’Abbazia di San Leonardo di Siponto è stata fondata   proprio dai Canonici Regolari di Sant’Agostino agli albori del XII Sec.

Al suo interno c’e’ una statua che lo raffigura con catene e Vangelo.Un’altra,trasferita sitrova nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Manfredonia.

Sulla lunetta del portale dell’Abbazia vi è raffigurato in rilevo  il  Santo con catene e Vangelo in atto di preghiera.

L’Abbazia è stata ed è stata punto di riferimento per i pellegrinaggi in Terrasanta   meta fondamentale per il pellegrinaggio verso il Santuario Micaelico di Montesantangelo, ma anche un caposaldo dell’architettura Romanico Pugliese con cupole in asse sulla navata centrale.

Aldo Caroleo Archeoclub Siponto in form.aps

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO