Domenica 5 Dicembre 2021

Manfredonia in Azione: “I giovani siano i promotori della legalità del futuro”

0 0
Oggi non è un giorno qualunque. Non può essere un giorno qualunque.
Il 16 novembre 1983 veniva ufficialmente costituito da Antonino Caponnetto, dopo la morte del suo ideatore Rocco Chinnici, il Pool Antimafia di Palermo. Forti personalità, grandi uomini ne facevano parte: Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Leonardo Guarnotta e Giuseppe Di Lello. Quei giovani magistrati non furono fermati dal tritolo che uccise Chinnici, ma sacrificarono se stessi per istruire il maxiprocesso. Furono isolati, insultati sui giornali, accusati di rovinare l’economia della Sicilia, ma il Pool cercava lo Stato, i cittadini, i giovani. Voleva proprio da questi ultimi una mobilitazione generale contro la mafia, forza pura su cui contare per cambiare la mentalità della gente.
Oggi non possiamo che rivolgerci ai ragazzi, agli adolescenti, spettatori passivi del malaffare politico, della corruzione cittadina, carnefici (o forse vittime) di una palmare debolezza del senso civico.
Oggi, come allora, è indispensabile coinvolgere la società civile, spiegare ai giovani come sia deleterio il fenomeno criminoso, affinché ne percepiscano la pericolosità. Occorre rendere visibili le connessioni tra criminalità organizzata, leadership politica ed Elite economiche. Occorre guidare una lotta politica apartitica indipendente contro la criminalità verso un’opera di recupero della cultura della legalità.
Ai giovani deve essere insegnato di essere custodi di un gran potere, quello di poter cambiare la società in meglio.
A questi urliamo di non aver mai paura di pensare, di denunciare, di agire da uomini liberi e consapevoli.
Siate i promotori della legalità del futuro, non solo per dovere giuridico, ma soprattutto morale.
Avv. Sipontina Pia Salvemini -Azione Donna
Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO