Lunedì 6 Dicembre 2021

La Commissione Straordinaria ha lasciato il comune

4 2

Il saluto alla città e l’augurio di buon lavoro alla nuova Amministrazione

E MENTRE l’elettorato di Manfredonia partecipava al ballottaggio per la scelta del nuovo sindaco, la Commissione straordinaria al comune di Manfredonia lasciava la città per fine mandato. Era composta dal prefetto Vittorio Piscitelli, dal vice prefetto Francesca Anna Maria Crea, dal dirigente di Area I Alfonso Agostino Soloperto, nominati con decreto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Diciotto mesi la durata del mandato per la gestione del Comune di Manfredonia, prorogato di altri sei mesi con decreto dello stesso Presidente Mattarella «Constatato – è detto nel decreto – che non risulta esaurita l’azione di recupero e risanamento complessivo dell’istituzione locale e della realtà sociale, ancora segnate dalla malavita organizzata».

VENTIDUE mesi complessivi finalizzati «al ripristino dei principi democratici e di legalità e alla restituzione dell’efficienza e trasparenza all’azione amministrativa dell’ente». Un lavoro impegnativo in un contesto interno al Comune reso oltremodo difficile dai trascorsi amministrativi sanzionarti con lo scioglimento dell’amministrazione comunale e misure restrittive per gli amministratori comunali, nonché per la marcata riduzione del personale causa il pensionamento anticipato, non sempre collaborativo quando addirittura ostile come dimostra l’avvicendamento di ben tre segretari comunali. Anche dall’esterno non sono mancati gli ostracismi per contrastare i quali sono ricorsi anche a delle querele.

A COMPLICARE le cose si è aggiunta l’emergenza Covid 19 affrontata peraltro con estrema decisione e con interventi risultati vitali per la popolazione. Tantissimi i provvedimenti adottati rivolti a dare riscontro al mandato ricevuto; significativo tra gli altri l’alleggerimento di sei milioni di euro del Piano di riequilibrio finanziario del comune. Nonostante il difficile contesto sopra delineato, la Commissione ha assicurato la risoluzione delle problematiche evidenziate dalla Commissione d’accesso e di tante altre emerse nel corso dei due anni, ripristinando una condizione di legalità che era ampiamente compromessa dalla radicata mala gestio perpetrata per molti anni.

«A CONCLUSIONE del mandato durato oltre 2 anni – hanno sintetizzato i Commissari – non si possono sottacere le difficoltà incontrate – rispetto alla complessità del territorio afflitto da pervasive patologie sociali – nella gestione della cosa pubblica dovute anzitutto al Covid, alla mancanza di risorse finanziarie che hanno frenato non poco l’azione del Comune, così come le restrizioni e i vincoli imposti dalle Leggi finanziarie e dalla mancanza di personale.

CIO’ NONOSTANTE ringraziamo i tanti dipendenti della struttura comunale, che hanno consentito la risoluzione dei molteplici problemi quotidiani e di tante criticità emergenziali.

All’associazionismo sociale, culturale, economico, produttivo, sportivo; alle parrocchie, al mondo della scuola, al volontariato, alle forze di Polizia vanno i sentimenti di profonda gratitudine e riconoscenza per la feconda collaborazione fornita per la proficua interlocuzione.

ESPRIMIAMO alla Città – di nobili e antiche origini – il saluto più sentito ed affettuoso con gli auspici più fervidi e cordiali di ogni bene, di una più elevata crescita sociale e culturale, come è nelle enormi sue potenzialità rimaste in parte inespresse. Un augurio di buon lavoro alla nuova Amministrazione, che si insedierà prossimamente, chiamata a svolgere un delicato impegnativo incarico per rispondere alle forti aspettative della comunità, affinché l’azione amministrativa venga svolta nell’esclusivo interesse pubblico e all’insegna della legalità».

Michele Apollonio

 

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO