Domenica 14 Agosto 2022

La raccolta differenziata ringrazia il mondo digitale

0 0

Recentemente nel corso della 13esima edizione del rapporto “Comuni ricicloni 2021”, un’iniziativa di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente con classifiche su basi regionali, il Comune di Manfredonia per la prima volta è entrato a far parte dei 113 comuni più virtuosi nella gestione e smaltimento dei rifiuti urbani. Questo traguardo è stato raggiunto dopo aver superato la soglia del 65% di produzione di raccolta differenziato e il contenimento nella produzione pro capito per il rifiuto secco, il non riciclabile.

Non solo, Manfredonia si è classificata tra i primi quattro comuni per la raccolta differenziata in Puglia, un premio ancora più rilevante se si considera che il riconoscimento attribuito a Manfredonia riguarda anche la categoria dei comuni più estesi per popolazione. Questo è dunque un premio da attribuire ai cittadini, che sempre di più si dotano di un senso civico e di responsabilità che li muove nella giusta direzione. Il miglioramento, in questo senso, è agevolato da una comunicazione efficace combinata alle tecnologie digitali che permettono una migliore consapevolezza.

 

Applicazioni che migliorano la raccolta differenziata

Con l’avvento dei computer e la graduale diffusione di internet, il mondo è stato attraversato da una vera e propria rivoluzione, sia per le attività professionali che per quanto riguarda lo svago. Non meno importante è lo sconvolgimento avvenuto negli ultimi anni con l’evoluzione sempre più veloce dei dispositivi mobili, dai telefonini agli smartphone sino ai tablet, con un focus sulle applicazioni. Shopping, intrattenimento, conoscenza, sono a milioni le applicazioni che hanno radicalmente modificato la vita quotidiana di ognuno di noi, aiutandoci in azioni che sino a poco tempo fa erano impensabili. Si pensi all’evoluzione dei droni, nati come armi d’attacco con prezzi, ovviamente inaccessibili, sino a evolversi in dispositivi per fare riprese mozzafiato o consegnare pacchi, con prezzi accessibili a chiunque.

Le applicazioni dei dispositivi mobili sono sotto gli occhi di tutti, coinvolgono ogni settore e hanno ognuno uno sviluppo di un certo tipo. Il mondo dell’intrattenimento in particolar modo è stato quello che ha messo in moto la potenzialità di questa tecnologia così pratica e alla portata di tutti. Si pensi solo ai sistemi di messaggistica o le infinite modalità di gioco online presenti al giorno d’oggi. Ognuno di noi userà applicazioni di questo tipo almeno una volta al giorno. I casinò digitali, in questo caso, hanno tracciato una strada che è stata poi seguita da molti spostandosi dalle zone fisiche, passando per il pc, sino ad arrivare ai dispositivi mobili. Questo passaggio è avvenuto anche grazie a strategie non da poco, come quelle utilizzate nel marketing che prevendono l’uso di bonus per testare i diversi giochi esistenti, oppure per ottenere giri gratis prima di effettuare una registrazione al portale preferito.

Questo sconvolgimento sta avvenendo oggi nel settore dei servizi pubblici dedicati ai cittadini, come appunto per le applicazioni per gestire la raccolta differenziata. Grazie a questo tipo di applicazioni, ogni cittadino può consultare una guida che gli permette di capire lo smaltimento rifiuti del proprio Comune ed essere al corrente di quanto accade all’interno del proprio territorio. Alcune di queste applicazioni offrono la possibilità di scannerizzare il codice a barre del prodotto per capire in quale bidone vada smaltito, sapere se ci sono delle parti che possono essere divise o se invece il prodotto scannerizzato non è riciclabile. Inoltre, si possono inserire notifiche di promemoria in caso di raccolta a porta a porta, per non dimenticare i giorni della raccolta, oppure tenere sotto controllo le proprie bollette rifiuti.

La maggior parte di queste applicazioni sono state realizzate dalle società incaricate alla raccolta dei rifiuti sui vari territori, ma non mancano anche applicazioni a gestione nazionale, utili per una conoscenza basilare della raccolta differenziata.

Quali sono le applicazioni migliori per la raccolta differenziata?

Le migliori app per la raccolta differenziata

In prima posizione è probabilmente l’app che prende il nome di Rifiutologo, sviluppata dal Gruppo Hera. Al suo interno sono visibili solo i territori coperti dal servizio Hera ed è possibile segnalare la presenza di rifiuti abbandonati o segnalare in caso di mancanza del ritiro del porta a porta. L’applicazione è anche utile per segnarsi dei promemoria su iniziative da parte dei Comuni coinvolti riguardanti la raccolta rifiuti.

Ma l’applicazione più scaricata in questo settore è sicuramente Junker, il cui cavallo di battaglia è proprio la possibilità di scannerizzare il codice a barra dei prodotti da riciclare per capire di quali materiali è composto e non commettere errori nel suo smaltimento. In più Junker offre, grazie alla geolocalizzazione, informazioni personalizzate in base al Comune di appartenenza, mettendo a disposizione degli utenti informazioni sempre aggiornate sulla base del proprio calendario territoriale.

In ultima, un’applicazione degna di nota quando si parla di raccolta differenziata è certamente Grow Recycling. Quest’ultima app è assai diversa da quelle descritte finora perché il suo scopo non è aiutare l’utente nella gestione della raccolta differenziata del proprio territorio, ma aiutare i genitori o gli insegnanti per insegnare ai bambini come funziona la raccolta differenziata, cos’è e come portarla avanti in maniera corretta. È probabilmente un’applicazione che chiunque, con dei bambini, dovrebbe avere sul proprio telefono in modo da educare i più piccoli ad avere cura del proprio pianeta. L’applicazione, a differenza delle precedenti, non è gratuita ma è disponibile sullo Store, sia Android che iOS rispettivamente al prezzo di €3,79 €4,49.

 

 

 

Articolo presente in:
Dal Mondo

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO