Lunedì 27 Giugno 2022

I parcheggi pubblici a giugno

2 3

LA PACCHIA dei parcheggi stradali a sbafo si avvia ad essere archiviata. Parcheggiare l’auto sarà infatti a pagamento. Il servizio dovrebbe entrare in esercizio dal prossimo mese. “Dovrebbe” (e incrociamo le dita) perché sino ad ora, e sono trascorsi mesi che si aggiungono agli anni da quando se ne parla, è mancata una comunicazione ufficiale dall’amministrazione comunale che ha ereditato un piano che presenta numerosi aspetti controversi. Come è orami consuetudine, i solleciti per i problemi cittadini vengono invariabilmente dai consiglieri comunali di minoranza. Dal Palazzo nessuna voce, tutti zitti. Solo delle indiscrezioni. Per questo problema dalle importanti implicazioni di carattere urbanistico, che coinvolge direttamente i cittadini se non altro per i pesanti riflessi economici che il servizio attiverà, è stato il coordinatore del movimento “Molo 21”, Giovanni Mansueto, a suonare la sveglia ad una «amministrazione inconcludente: da cinque mesi – spiega in una nota – sono apparse le strisce blu per i parcheggi a pagamento, strisce quasi scolorite, perché da gennaio ad oggi nulla si è mosso per l’attivazione di questo servizio».

SE NON ci saranno stravolgimenti imprevedibili, il provvedimento da tempo in gestazione (se ne cominciò a parlare nel 2016) pare giunto a compimento, dopo un lungo periodo di stasi imposto dalla Commissione straordinaria che mise fine alla lunga serie di “taciti rinnovi” di un servizio espletato alla carlona. «Servizio contraddittorio considerate le discutibili scelte tecniche e le tariffe troppo elevate» annota il coordinatore di “Molo 21” che, in mancanza di comunicazioni ufficiali, sottolinea le più evidenti anticipandone l’entità: «abbonamenti esclusi per diverse zone del centro, nessuna esenzione e/o agevolazione per i residenti e per i lavoratori nelle zone in cui è presente il parcheggio a pagamento, discutibili scelte per le persone con bisogni speciali e così via. I parcheggi a pagamento dovrebbero avere le seguenti tariffe: € 1,20 per la tariffa oraria, € 90,00 per l’abbonamento mensile, € 450,00 per l’abbonamento semestrale e € 900,00 per l’abbonamento annuale. Tariffe che, se si esclude – osserva – la lussuosa e bella Monte Carlo, risultano essere eccessive rispetto agli abbonamenti previsti per i residenti in alcune città vicine a noi. A Bari e a Trani, ad esempio, nelle zone ZSR l’abbonamento annuale per i residenti è pari a € 30,00, mentre a Molfetta arriva a € 75,00».

UN MALLOPPO indigeribile statuito nel capitolato di appalto del servizio alla Publiparking aggiudicataria del bando emesso dalla Commissione straordinaria, che l’amministrazione Rotice si è ritrovata a gestire cercando di alleggerire il tariffario così come stabilito. Che risulterebbe mitigato ma non adeguato alle tariffe comunemente correnti. Tra le “agevolazioni” previste quelle di un abbonamento mensile valevole per tutte le strade cittadine; di tariffe ridotte nei luoghi di maggiore affluenza come mercati, ospedale, cimitero; di un bonus orario di 15 minuti da utilizzare all’orario ordinario di parcheggio. Se ne saprà di più e soprattutto in maniera chiara, si spera, allorquando sarà pubblicato il regolamento d’uso dei parcheggi stradali comprensivo della distribuzione delle tariffe.

ASPETTO positivo la prevista assunzione a carico del concessionario dei parcheggi, di personale addetto alla vigilanza e all’assistenza per il buon funzionamento del servizio.

  Michele Apollonio

 

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO