PRO LOCO- Top banner 1280x110
Manfredi Ricevimenti - 728x90

Sôre

2 0

A sôre

me trôve a na zènne

pa chépe au côre.

Na vôce

me dîce

ca ji tòtte nu sunne

sta vîte e ca i papunne,

c’a cocchje

a rocchje

a vèscete pi curtille

me fanne fèlle fèlle

lassanne ndatte a mènde

a scattaminde,

nd’a na chiûsa d’ucchje

cûme e nègghje

au sôle pe sèmbe ’nna sparì

e pe lôre tòtte u patì.

Però a faccia môje ne rîre

anze trôme de pavûre.

U delôre ji ’cchessì forte

ca carèzze ji a cumbronde a morte

ma sarrîje pègge e de chiô

se pe jisse spararrisse pûre tô.

 

Franco Pinto

 

Sera – La sera / mi trovo in un angolo / assorto. / Una voce / mi dice / che è tutto un sogno / questa vita e che i fantasmi, / che a coppie / a gruppi / a turno con i coltelli / mi fanno a fette / lasciando intatta la mente / per dispetto, / in un battito di ciglia / come nebbia / al sole per sempre spariranno / e con loro tutta la sofferenza. / Però il mio volto non sorride / anzi trema di paura. / Il dolore è così forte / che carezza è a confronto la morte / ma sarebbe peggio e di più / se con lui sparissi anche tu.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Redazione R.

Potrebbero interessarti anche...

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php