Sabato 18 Maggio 2024

Serenéte a Flumône

0 0

Affàccete, Flumô(ne),
lasse lu litte,
accurde a stu uagnône
ca sté mbitte,
tô durme
e je me pèrde
a nu candône,
dimme cum’ji?
Dimme pecchè?
Nen vù tó a me?

A lûne rîre ngile
ammizze i stèlle,
u fiôre jôche nzipe
a palummèlle,
u scugghje béce l’onne
e u vinde a fronne,
je sûle stéche
mizze a na stréte,
sènza de tè.

Tó si’
iacque ca sazzje,
tó si’
sôle ca scalfe,
pe mè
tó si’ la vîte
e je nen zo’
ninde pe tè.

Pecchè nd’affacce angôre,
Fîlumône,
n’u sinde ca stu côre
sté suffrènne,
nen aspettanne
ca ce giôle e môre,
jisse, Flumô(ne),
fatte vedì,
famme cambé.

Fîlumô(ne)…
Fîlumô(ne)…
Dimme ca sì.
Franco Pinto

Serenata a Filomena: Affacciati, Filomena / lascia il letto, / accontenta il bambino / che ho nel petto, / tu dormi / e io mi perdo / in un angolo di strada, / dimmi cos’è? / Dimmi perché? / Tu non mi vuoi? // La luna ride nel cielo / tra le stelle, / il fiore gioca con / la farfallina, / lo scoglio bacia l’onda / e il vento la foglia, / io solo sto / in mezzo a una strada, / senza di te. // Tu sei / acqua che sazia, / tu sei / sole che scalda, / per me / tu sei la vita / e io non sono / niente per te. // Perché ancora non ti affacci, / Filomena, / non senti che questo cuore / sta soffrendo, / non aspettare / che geli e muoia, / esci Filomena, / fatti vedere, / dammi la vita. // Filomena… / Filomena… / dimmi di sì.
(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
News

Commenti

  • Bello, ti leggo sempre e leggerti e` una continua sopresa. Sei unico

    antonella 03/02/2014 8:23 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com