Martedì 5 Marzo 2024

Michele La Torre: solidarietà alla lotta per il nostro Ospedale

0 0

“Bisogna guardare ai cambiamenti della sanità che è in continua evoluzione sia da un punto di vista di innovazione tecnologica sia per la gestione delle risorse finanziarie”. E’ quanto dichiara l’Avv. Michele la Torre, Presidente della Cooperativa Sociale Santa Chiara, imprenditore socialmente orientato nel settore socio –sanitario ed assistenziale. “I tagli alla spesa pubblica non hanno risparmiato nemmeno la sanità, a discapito della tutela del cittadino. Oggi,  la coperta è diventata più corta, anche grazie agli enormi costi e sprechi della politica e dei suoi apparati..ed anche per questo  sono più evidenti i tanti soldi spesi male, come per i dirigenti pagati troppo e che lavorano poco e  con risultati a volte poco soddisfacenti”. Sulla questione ospedale di Manfredonia  l’Avv. La Torre manifesta piena solidarietà alla lotta delle diverse associazioni e delle mamme che con il loro coraggio e grinta hanno riacceso quella fiamma di dissenso popolare che si stava spegnendo nella rassegnazione. “Manfredonia non merita di essere penalizzata più di quanto già non lo sia stata in precedenza. Non è concepibile per una città cosi grande come la nostra non poter partorire in loco, ma fare gli “emigranti delle nascite”. Se certi reparti funzionano male è bene fare opportuni controlli e al massimo sanzionare e/o sostituire i soggetti inadempienti, non sopprimere” tout court” un reparto. Sarebbe opportuno fare un ‘analisi più approfondita sul “caso Manfredonia” da parte delle istituzioni. Gli sprechi sono ovunque e in tanti settori; pertanto prima di sopprimere i servizi alla persona sarebbe opportuno rivedere tante voci di spesa che da anni ormai non controlla più nessuno … il tutto a danno della comunità.

Paolo Licata

Articolo presente in:
News

Commenti

  • Bravo sei sulla stessa posizione del sindaco di Mànfredonia, resta solo un rammarico, cambi idea dopo meno di tre mesi. Hai partecipato alle primarie del PD sostenendo lo stesso candidato (Civati) dell’assessore Regionale Gentile e dell’ex assessore comunale D’Ambrosio ed oggi assumi una posizione contraria. Non è che che nel frattempo è cambiato qualcosa? E certo che gli addetti al lavoro lo sanno, sono cambiate molte cose e c’è un commissariamento in corso. Fate gli uomini e pensate agli interessi della città. Sempre. Mànfredonia merita di essere amata sempre e non solo a convenienza. Ad maiora

    Giuseppe 08/02/2014 15:27 Rispondi
  • Bravo Presidentissimo!

    teofilo 07/02/2014 21:01 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *