Domenica 21 Aprile 2024

Le Associazioni: "LUC Manfredonia: incubatore democratico dell'Associazionismo dei cittadini o proprietà privata?"

0 0

L’autoreferenzialità (vezzo che talvolta può essere esasperato) non giova al governo della città: quando si manifesta non si amministra positivamente ma si regredisce nei fattori della partecipazione sociale libera e della rendicontazione dei risultati.

La nota con la quale l’Assessore Cascavilla ha replicato ai rilievi, mossi dalle nostre Associazioni per il metodo non condiviso con il quale il Comune ha proceduto al bando di riaffidamento in gestione del Laboratorio Urbano Culturale, è una evidente ennesima riprova che, purtroppo, la logica con la quale opera l’Assessore Cascavilla è quella che esclude dal confronto, e dalla considerazione, chiunque nella società non si adegui al suo pensiero ed operato. Ma non tutti per fortuna sono costretti a subire questa logica, e almeno le sottoscritte Associazioni non ritengono di farlo.

Detto questo, in una prospettiva comunque costruttiva, risultano opportuni alcuni chiarimenti a quanto replicato dall’Assessore.

Nel merito, è chiaro che se non si fanno conoscere le tempistiche dei procedimenti, in quanto appunto non partecipati, non si riesce a sapere, per esempio, che il nuovo bando sul LUC era “già stato inviato a tutta la Giunta” proprio mentre le nostre Associazioni chiedevano ufficialmente un confronto preventivo sul tema.

Negli incontri tra le Associazioni (almeno le scriventi) e l’Amministrazione Comunale, del LUC non se ne parla da quasi 2 anni.

Riguardo agli incontri delle Associazioni sulla legalità, ve ne furono alcuni, alla presenza del Sindaco, a marzo, giugno e luglio 2013, fortemente voluti dalle Associazioni, nei quali si pose la questione dell’ordine pubblico a Manfredonia, a seguito di efferati delitti ed azioni criminose, vendita di alcolici a minori, disturbo della quiete pubblica, consumo di sostanze stupefacenti, ecc.. In uno di quegli incontri soffermandosi in particolare sul consumo smodato degli alcolici da parte dei giovani nelle ore notturne presso gli esercenti pubblici che non rispettavano la regolamentazione, si accennò anche alle negatività che si verificavano al LUC.

L’incontro di giugno, in particolare, fu proficuo per una successiva azione congiunta di Associazioni, Amministrazione e Forze dell’Ordine che lasciò un segno ben preciso e utile.

Successivamente, il 4 febbraio 2014, ci fu un ulteriore incontro mirato ad un Protocollo sulla legalità, nel quale non si parlò affatto del LUC ma della legalità a Manfredonia in senso complessivo. A proposito: che fine hanno fatto gli impegni assunti dall’Amministrazione Comunale e dallo stesso Assessore Cascavilla in merito alla definizione del Protocollo e dell’Organismo/Forum da costituire con la partecipazione delle Associazioni, quindi alle azioni per prevenire e combattere anche con un coinvolgimento sociale più ampio le illegalità nella città?

Le sottoscritte Associazioni non hanno mai rivolto a nessuno accuse di collusione né usano agire anonimamente, come è noto; un tale modo di fare non appartiene alla loro etica essendo solite metterci la faccia ogni volta che si esprimono sui temi della città.

Quanto alle analisi sui Piani Sociali di Zona adottati e gestiti dall’Ambito Territoriale di cui è capofila l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Manfredonia, le valutazioni delle Associazioni non corrispondono tutte (per fortuna!) con quelle dell’Assessore Cascavilla, essendo convinzione di quelle più libere da particolari legami e convenienze che, tra le azioni di politiche sociali promosse con la pianificazione di zona ve ne siano alcune di segno positivo e innovativo e altre rimaste nel novero degli annunci, mentre a Manfredonia il disagio, le condizioni di vita e di isolamento dei più deboli, la storica connotazione di città solidale e socialmente dinamica, sono visibilmente peggiorati. Se ne desume che non sarebbe più il caso di auto-incensarsi per come si è bravi a declinare (sulla carta) le direttrici strategiche del Piano di Zona, bensì di operare su strumenti nuovi di partecipazione per andare oltre e integrare maggiormente le politiche sociali con la cultura e la vita quotidiana dei nostri concittadini. C’è spazio nella “tolleranza democratica” dell’Assessore Cascavilla per questa possibile diversa visione?

Precisato inoltre che i giovani della nostra città (non solo quelli di una zona…) hanno TUTTI medesimi diritti di partecipazione e di ascolto da parte delle Istituzioni, condividiamo particolarmente il concetto di “riconsegnare il LUC alla città”, ma dobbiamo far rilevare che è proprio il Comune di Manfredonia e l’Assessore Cascavilla a non aver reso possibile finora ciò, affidandolo (e, dalla nostra interpretazione del testo di bando pubblicato, purtroppo disponendosi a riaffidarlo) proprio a chi a nostro avviso ne ha fatto uso privatistico e sbagliato.

Tuttavia prendiamo atto dell’affermazione dell’Assessore secondo cui i requisiti di gestione maturati si intendono riferiti ad “attività similari”: ma allora, se non era già tutto deciso, cosa impediva, prima di approvarlo definitivamente in Giunta, di illustrare pubblicamente il bando e parteciparne gli obiettivi a cittadini e ad Associazioni che volessero contribuire, anche senza funzioni gestionali, alla migliore definizione di un modello di governante trasparente e con costi più sostenibili del LUC?

Ferma restando la differenza fra strutture e attività, gli attuali gestori del LUC partono ora con una condizione di favore, come dato di fatto: proroghe su proroghe e nessun provvedimento sanzionatorio per i loro comportamenti di tipo privatistico in questi anni, delineano, fra l’altro, una posizione dell’Amministrazione non neutra.

Riguardo alla somma messa a disposizione nel bando, le sottoscritte si sono limitate a rappresentare una consistente differenza di disponibilità: ognuno tragga le proprie riflessioni e conclusioni. Chi gestirà il LUC per i prossimi 7 anni non potrà vivere di rendita come è stato finora. Bene, tuttavia per una maggior comprensione del tema, non sarebbe stato meglio esercitare una valutazione partecipata delle risorse necessarie della sua funzionalità e dei relativi obiettivi? Quale valutazione si è data al riguardo?

In merito al “bar” da attivare nel LUC, non si comprende questa ostinazione a voler mantenere questo “servizio”, visto come è stato gestito finora (si chiedano notizie in merito alle Forze dell’Ordine e a genitori vari!). Inoltre si tratta di un’attività strutturalmente commerciale la cui gestione diverge dal principio di “volontariato”, non era prevista nel progetto iniziale del LUC e, se da una parte presenta una problematicità enorme e una criticità esplosiva (lo si è visto finora) dall’altra non può certo da sola sostenere il finanziamento del LUC: pensare una cosa simile è velleitario o pericoloso. Da aggiungere la conflittualità nei confronti degli altri esercizi commerciali che già nel passato hanno fatto rilevare motivi di dissenso. E’ invece fondamentale che tutta l’attività del LUC sia accettata nel più ampio clima di condivisione dalla città tutta, e non solo da alcuni suoi settori.

Infine, il fatto che l’Assessore Cascavilla parli finalmente della necessità di un “contratto con regole chiare sugli obblighi dell’Amministrazione pubblica e su quelli del concessionario, con la possibilità da parte dell’Ente della rimodulazione e della rescissione del contratto”, dimostra che il Comune si è accorto che così non è stato in questi anni. Questa è appunto la ragione per cui le sottoscritte Associazioni hanno chiesto e chiedono di poter contribuire a cambiare le cose per dare al LUC la funzione originale di luogo della aggregazione e della promozione delle risorse intellettive e sociali della città puntando sul “volontariato”.

L’adeguato spazio al principio del “volontariato” aprirebbe a soluzioni più ampie le opportunità del LUC, se davvero si vuole investire in questo senso per favorire la partecipazione sociale di tutti. Anche per questo le sottoscritte Associazioni confermano e ribadiscono, in questa come in altre occasioni, la propria disponibilità ad un confronto di merito con chi oggi rappresenta le Istituzioni della città.

 

Manfredonia, 25 luglio 2014

 

Associazione Bianca Lancia

Associazione Lavoro&Welfare

Associazione ManfredoniaTV

Associazione Centro Cultura del Mare

Associazione DauniaTur

Articolo presente in:
News
  • Alcune persone hanno le chiavi del LUC,come se fossero i padroni ma questi con il cappellino kaky che mestiere fanno? Non credo che vivono di birre e di gassose o di musica….? Era solo una curiosità da cittadino contribuente e quindi uno di quelli che pagano per il loro divertimento e meno per il nostro. Troppa filosofia per certa gente Donato o come ella si chiama in realtà ? Bravo e Complimentazioni vivissimi.

    KAKY' 27/07/2014 17:26 Rispondi
    • L.U.C. in sintesi dovrebbe essere un progetto culturale che parte dal territorio ne risveglia le radici storico-culturale e le proietta nel presente. Insomma, per dirla con una metafora biologica la cultura rappresenta le molecole buone dell’Umanità: per l’assessore invece di no. Il tarlo, di 3montiana memoria, della “Cultura che non fa mangiare” sembra aver contagiato anche l’assessore (bisogna inventarsi delle entrate: è paradossale ma sono parole sue).
      Saluti
      Doc
      P.S.amo la trasparenza e quindi non mi nascondo dietro false identità o nickname accattivante.E aggiungo:abito a Mezzanone da oltre 40 anni; da alcuni mesi ci vivo in modo continuato; ho 71 distribuiti in diverse esperienze; mentalmente giovane ed ottimista
      Stay Human

      Donato Curcio 29/07/2014 9:48 Rispondi
  • Dalle parole e dalle documentazioni fornite da signor Curcio e dall’ampliamento del terreno per l’inceneritore…. e mai possibile che sia tutto a norma di legge ? La nostra Magistratura vigila e ispeziona tali documentazioni e tali atti amministrativi,nel ricercare delle eventuali irregolarità ? Non scapperemo dalla nostra città…saranno gli altri a doverlo fare !!!

    Non scapperemo dalla nostra città !!! 25/07/2014 18:20 Rispondi
    • Il primo passo fondamentale è la consapevolezza di essere Civis: questo comporta, per dirla con G.Gaber, partecipazione, o con una metafora ancora più evidente, non rimanere sull’albero.
      Certo, in periodi di gravi crisi, come quella attuale (che a mio parere è in primis culturale, oltre che di una cultura economica turbo distruttiva, senza una visione armonica della) è difficile “partecipare”, quindi stare con, insieme e non contro…
      Insomma ricordiamoci che dobbiamo imparare a stare in armonia con l’ambiente per poter riconsiderare un nuovo umanesimo
      Stay Human
      P.S. essere consapevole significa anche ricordarsi che essi, loro, insomma chi amministra è al servizio della comunità.

      Donato Curcio 26/07/2014 12:00 Rispondi
  • Il problema posto dalle Associazioni per quanto attiene all’operato congiunto di Cascavilla/amministrazione e del L.U.C è solo una parte di quello più generale del diritto dei cittadini ad essere informati, anzi ad esse PRE-informati.
    Faccio un paio di esempi per dare una idea più ampia del problema:

    a-il regolamento sulla raccolta dei RSU risale al 1995 pomposo nei propositi mai attuati; nel POR 2007-013 erano, e sono ancora previsti sostegni finalizzati ad aumentare in modo significativo la raccolta differenziata. Ora di tutto ciò la èpopolazione sa un tubo secco.

    b-La DGR 1304 del 23 giugno scorso approva un piano regionale per 12,5 milioni, con fondi POR 2007-2013, finalizzato al compostaggio di comunità e – vista la situazione particolare di alcune comunità tipo Mezzanone e Montagna -che hanno le caratteristiche previste,l’amministrazione del comune riesce ad assordarci con il suo assoluto silenzio.

    Mi fermo a questi 2 esempi ma la lista delle disinformazioni o delle non informazioni è molto lunga.

    Saluti
    Donato Curcio

    P.S. il 28 marzo c.a la puglia è stat condannata, in via definitiva, a non poter più utilizzare 80 milioni dei finanziamenti già previsti nel por 2000-2006. Conseguenza: l’impiato di TBM da 99 tonnellate previsto per Mezzanone è sparito.
    In compenso ed in netta contraddizione alla direttiva del 2008 e alla relativa legge di recepimento, il comune ha dato un nuovo ampliamento di superficie (268mila mq) al gruppo proprietario dell’inceneritore a 7 km da Mezzanone.

    Donat Curcio 25/07/2014 16:37 Rispondi
  • SPERO CHE QUALCUNO DELL’ATTUALE AMMINISTRAZIONE COMUNALE E LO STESSO CASCAVILLA ( CHE NON E’ IL PADRONE DELLA CITTA’ E NEMMENO DEL MUTUO SOCCORSO…SOCIO-CULTURALE ) SAPPIANO DARE UNA RISPOSTA A QUESTO ARTICOLO!!!
    COME SEMPLICE SPETTATORE E CITTADINO,SONO PROPRIO CURIOSO DI ASCOLTARE LA REPLICA….SE CI SARA’ !!???
    AH DIMENTICAVO DI RICORDARE A VOI TUTTI,CHE QUELLA STRUTTURA CHIAMATA LUC,E’ ANCHE NOSTRA….DELLA CITTA’ E NON CI SONO PADRONI E COMANDANTI ALLA MODA … VERDE OLIVASTRO!!! E SE NON SBAGLIO,IL SINDACO RICCARDI HA FATTO UNA PROMESSA DI PAROLA….CHE IL LUC SAREBBE RITORNSATO NELLE MANI DEL COMUNE !!!! IO AGGIUNGO CHE ,TUTTI I CITTADINI E LE VARIE ASSOCIAZIONI DI VERO VOLONTARIATO,DEVONO ESSERE I CUSTODI DELLA STRUTTURA D’INTERESSE POPOLARE !
    ……..IL DIBATTITO CONTINUA…!!

    Un Cittadino Rocky-Jazz 25/07/2014 15:50 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com