Domenica 3 Marzo 2024

Jôve d’abbrîle

0 0

Jôve d’abbrîle, u prîme

u sôle rósse pa vriogne

da prumèsse fatte a matîne

ci ammuccéve drôte a mundagne.

Scaméve nd’u curtigghje

a jatte ngalôre…

I mamme ce chiamàvene i figghje

cûme e tutte li sôre…

Na rocchje de uagnune

juchéve ai quatte candûne…

je faccefronde a tè ngînocchje

l’ucchje

m’arrîfrîschéve

iarse

spèrse

nd’u fundanille

chiére

de l’ucchje tûve.

Cûme a palummèlle

sôpe u fiôre

o sôpe all’acque u mére

a béva fôre

sôpe a fronde

c’ji puséte a vocca tôve.

A facce ce travané

d’acque de chiôve.

L’arje iôve tótte

n’addôre de tîme

jôve d’abbrîle u prîme.

 

Franco Pinto

 

Era d’aprile: Era d’aprile, il primo / il sole rosso per la vergogna / della promessa fatta al mattino / si nascondeva dietro la montagna. / Si lamentava nel cortile / la gatta in calore… / Le mamme richiamavano i figli / come tutte le sere… / Un gruppo di bambini / giocava ai quattro cantoni… / Io di fronte a te in ginocchio / gli occhi / mi rinfrescavo / arsi / persi / nella fontana / chiara / degli occhi tuoi. / Come una farfalla / sul fiore / o sull’acqua del mare / la brezza di levante / sulla fronte / si è posata la tua bocca. / La faccia si bagnò / di acqua piovana. / L’aria era tutta / un profumo di timo / era d’aprile il primo.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *