Domenica 23 Giugno 2024

Un consiglio comunale intenso di argomenti interessanti

1 0

Un consiglio comunale, quello tenutosi ieri sera a Palazzo di città a Manfredonia davvero molto movimentato. I tempi sono quelli che sono e gli equilibri, di bilancio e di consensi, sempre più difficili da trovare. La seduta si apre con la dichiarazione del consigliere ex UDC Tomaiuolo che non riconoscendosi più nel progetto UDC passa tra gli indipendenti. Poi la bagarre in aula che si diffonde tra i banchi dei consiglieri. La prima notizia di sostanza è che Michele La Torre (Manfredonia E.S.T.) è passato all’opposizione. Guardando la cronistoria del suo movimento di appartenenza, dovevamo aspettarcelo. Il consigliere, di cui abbiamo ampiamente scritto stamattina, ha sollevato dubbi su tutta la gestione amministrativa del Sindaco Riccardi ribattendo e contestando tutti i punti all’ordine del giorno. Sette i punti in discussione:

1.Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per l’esercizio finanziario 2017;

2.Programma triennale OO.PP. 2017/2019 – Elenco annuale – Approvazione;
3. Art. 172, comma 1, lett. b) del D.Lgs. n. 267/2000. Aree e fabbricati da destinare alla residenza, alle attività produttive e terziarie – Determinazione prezzo di cessione;
4. Affidamento incarichi di collaborazione autonoma – Programma per l’anno 2017;
5. Approvazione tariffe TARI anno 2017;
6. Approvazione Documento Unico di Programmazione (DUP) 2017-2019;
7. Esame e approvazione bilancio di previsione finanziaria 2017-2019 e relativi allegati.

Approvata l’alienazione di terreni di proprietà del comune per un valore di 1 milione e 300 mila euro. Contestazioni e resistenze su tutti i fronti dall’intera opposizione che sulla questione alienazione (i 5 stelle) hanno messo in evidenza la presenza di finanziamenti PIRP,“Programma integrato per la riqualificazione periferie”, sollevando obiezioni su come gestire i finanziamenti già ottenuti su queste aree periferiche. Interrogativi che l’Assessore all’Urbanistica Avv. Matteo Ognissanti non ha dato risposte. Riproposto un corposo elenco di opere pubbliche da realizzare per il periodo 2017/2019, un copia e incolla di ciò che è stato presentato lo scorso anno. Importi rivenienti quasi tutti da finanziamenti europei e regionali ad esclusione di un paio di interventi, il campaniletto di Palazzo San Domenico e l’eliminazione delle infiltrazioni di Palazzo dei Celestini che saranno gestiti con l’attivazione di un mutuo. L’Assessore Zingariello ha ribattuto mettendo in evidenza le grandissime problematiche sulla gestione dei lavori pubblici, la burocrazia, le somme ancora dovute dagli enti finanziatori e poi la questione del depuratore mal funzionante per il quale sono stati  stanziati in bilancio 6 milioni di euro, ma sono in arrivo oltre 26 milioni per ristrutturare tutta la rete. Già partiti i lavori sulla riviera sud di Manfredonia. Zingariello ha messo in evidenza il difficile dialogo con l’Acquedotto Pugliese, gestore della rete e degli impianti di depurazione (di proprietà però del Comune di Manfredonia). Spesso l’AQP si avvale di società che non sempre svolgono a dovere il loro ruolo mettendo in grande difficoltà il servizio di manutenzione degli impianti di depurazione. Tra le opere da realizzare anche un impianto di compostaggio anaerobico per un investimento pari a 19 milioni di euro di cui 3 a carico della Regione Puglia e la restante parte a carico di privati. Un nuovo anomalo business del settore ambiente. 2 milioni anche per la cittadella del Carnevale, voce che passa di anno in anno ma che tarda a concretizzarsi. Zingariello ribatte all’opposizione che rileva un elenco già visto l’anno scorso mettendo in evidenza le tante opere realizzate in questi ultimi anni: i mercati di Via Santa Restituta e di Via Scaloria, il nuovo corso Manfredi, Piazza Diomede, Piazzale Ferri…Conclude Zingariello rimarcando la difficoltà di gestire la manutenzione più che la realizzazione di opere come le strade rotte o sollevate dalle radici, come messo in evidenza dai consiglieri Magno e Romani. Un nuovo copia incolla, per l’opposizione il punto sulla questione: Affidamento incarichi di collaborazione autonoma. L’assessore alle attività produttive Zammarano ha messo in evidenza che non sempre le competenze degli addetti comunali sono sufficienti ed all’altezza di svolgere mansioni e consulenze specifiche. Punto approvato dalla maggioranza, non senza le contestazioni dell’opposizione. Sul punto dell’approvazione della TARI 2017 (Tassa sulla gestione dei rifiuti) il dibattito si è ben dilungato parlando degli investimenti dell’ASE che ammontano nell’ultimo anno, per la gestione della raccolta differenziata, arrivata al 40%, a circa 1 milione e 800 mila euro, escludendo i finanziamenti pubblici. L’opposizione, in modo particolare i 5 stelle lamentano la scarsa leggibilità dei bilanci causa di una difficile individuazione del giusto importo da tassare alla cittadinanza. L’Assessore al Bilancio Rinaldi mette in evidenza i piccoli sconti sulle prossime cartelle TARI, da leggere come evento eccezionale se confrontato alla gran parte delle città limitrofe che quasi tutte hanno subito una pesante maggiorazione. Dato rimarcato con grande soddisfazione anche dal Sindaco Riccardi che non manca di elargire i complimenti al Presidente dell’ASE Carbone, agli operatori ecologici e al Comando dei Vigili Urbani molto presenti ed efficienti sul territorio per fare in modo di ammonire i vandali che sporcano le periferie della città. Sull’approvazione del DUP (Documento Unico di Programmazione) si è rasentato il ridicolo. 170 pagine ricopiate quasi integralmente, riportando dati superati come l’obiettivo di realizzare la piscina comunale ed altri straordinari refusi commessi ed ammessi dallo stesso Assessore Zingariello da funzionari pubblici che spesso non riescono a dialogare tra di loro o forse potremmo dire anche poco attenti e professionali nel redigere un documento di programmazione di tale importanza. La Torre è intervenuto aspramente sulla gestione dell’Agenzia del Turismo. La cosa più importante a riguardo è la rendicontazione che tarda ad arrivare: “Abbiamo diritto di sapere quali sono le entrate e le uscite, perché gli eventi li pagano anche i cittadini”. Non si fanno attendere le risposte dal consigliere Conoscitore, che invita La Torre a leggere meglio le voci in bilancio e sulla stessa scia l’assessore Rinaldi. Approvato alla fine il bilancio di previsione finanziaria 2017-2019. L’opposizione ha lamentato il poco tempo per analizzare le carte ed il fatto che il Consiglio è stato convocato l’ultimo giorno utile per l’approvazione del bilancio, il 31 marzo, data in cui non è più possibile fare modifiche a tutto ciò che è stato redatto, anche se è solo un bilancio di previsione. La seduta consiliare, iniziata alle 17:00 e terminata all’01:00 del giorno dopo. è stata seguita da circa 60 persone collegate in streaming ed una ventina le persone tra il pubblico.

Raffaele Antonio La Forgia

foto di Lorenzo Tagliamonte

 

Michele La Torre azzanna Riccardi che reagisce, il Presidente Prencipe sospende il consiglio comunale (VIDEO)

 

Articolo presente in:
News · Politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com