Lunedì 27 Maggio 2024

Arriverà l’acqua nella zona industriale di Manfredonia, questa volta forse è proprio vero

1 0

E’ arrivata l’acqua nella zona industriale”, così titolava lo scorso 9 dicembre 2014 uno dei tanti comunicati stampa diffusi dal Comune di Manfredonia. Grazie, soprattutto, all’interessamento e al diretto impegno della Somacis (azienda che produce e commercializza circuiti stampati di elevato livello tecnologico), furono portati a compimento i lavori per portare l’acqua fino al solo stabilimento Somacis. Attori coinvolti la Syndial proprietaria della condotta idrica, il Consorzio di Bonifica di Capitanata, gestore della condotta ed il Comune di Manfredonia. Tutte le altre aziende, fino ad oggi, continuano a provvedere in autonomia per l’approvvigionamento dell’acqua. E se lo scorso 12 gennaio 2017 il dirigente della sezione autorizzazioni ambientali della Regione Puglia non avesse notificato al Comune di Manfredonia un provvedimento di ottemperanza per le inadempienze ambientali e infrastrutturali degli insediamenti industriali PIP e D/46, sia nei confronti dell’Amministrazione Comunale che dei titolari delle singole aziende forse nulla o poco sarebbe cambiato. Tra gli obblighi da ottemperare vi è quella di attivare la fornitura di acqua industriale entro il 30.11.2017, al fine della dismissione dei pozzi e l’interdizione di ogni ulteriore emungimento di acqua dal sottosuolo. Nel marzo del 2000 venne approvato il progetto esecutivo relativo alle urbanizzazioni primarie dell’area PIP (Piano Insediamenti Produttivi). Nel 2006 veniva approvato il progetto esecutivo aggiornato relativo alle opere per infrastrutturare l’area industriale DI 46. E’ del 26 ottobre 2017 l’approvazione da parte del Consiglio Comunale del “Regolamento Servizio Idrico” per la Zona Industriale di Manfredonia. Regolamento che prevede le modalità di erogazione dell’acqua industriale, i lavori necessari per allacciare le unità produttive alla rete idrica industriale, la fornitura e l’installazione dei contatori e la esecuzione di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria della rete. La fornitura dell’acqua sarà finalizzata ad usi artigianali, industriali, commerciali e pubblici, non sarà potabile. Un passo propedeutico per approntare gli atti per eseguire gli allacciamenti da parte di tutte le aziende che finalmente potranno allacciarsi alla rete idrica permettendo così la chiusura dei pozzi non più a norma. “Continueremo a lavorare sodo in modo sinergico con i rappresentanti di Confindustria e di tutte le aziende presenti nella zona industriale per perseguire l’obiettivo che ci siamo prefigurati e cioè quello di ridare vigore ad una zona che può ancora esprimere grandi potenzialità”, ha dichiarato ai nostri microfoni l’Assessore all’Urbanistica l’Avv. Matteo Ognissanti, coadiuvato sotto l’aspetto tecnico dal dirigente Antonello Antonicelli. La gestione del servizio di distribuzione dell’acqua Industriale sarà affidato dal Comune ad un altro soggetto incaricato che dovrebbe essere l’ASE. Al momento è tutto sulla carta ma questa volta le speranze sono concrete.

Antonio Raffaele La Forgia

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com