Lunedì 8 Marzo 2021

Raphael Rossi, nuovo manager ASE

3 0

Franco Barbone è stato revocato dall’incarico di Amministratore Unico ASE, al suo posto, la Commissione Straordinaria che governa provvisoriamente la città di Manfredonia ha nominato un tecnico esperto in materia di gestione di rifiuti nelle aziende “in house” pubbliche. Il nuovo amministratore ASE è il dott. Raphael Rossi. Con doppia nazionalità italo-francese, nasce in Calabria ma è residente a Torino. Attualmente è anche amministratore dell’azienda di gestione rifiuti della città di Livorno e gestisce diversi impianti, di post conduzione discarica, di selezione rifiuti e di incenerimento con recupero energetico. Un passaggio inaspettato alla luce della più che soddisfacente, per certi versi, gestione di Franco Barbone, di nomina politica risalente al 1° ottobre 2018. Una figura che ha cooperato bene per il primo anno di gestione Commissariale della città ma che negli ultimi periodi ha perso quell’intesa con chi ha il ruolo di supervisione e controllo sull’operato manageriale del Presidente ASE. Lo stesso nuovo amministratore ha apprezzato lo stato di salute e di performance di un’azienda complessa nella sua gestione, perché sa bene che è difficile gestire i rifiuti, sia la loro raccolta che la fase successiva, ossia l’impiego nel circuito del riciclo o nelle discariche indifferenziate. E così come il mare può essere una risorsa per produrre acqua, energia e sale, così i rifiuti, se ben gestiti, potrebbero portare profitti per chi li gestisce e per il cittadino che li produce. Un circolo apparentemente complesso ma un percorso già testato in realtà all’avanguardia. L’ASE è un’azienda dove, in passato, i controllati erano gli stessi controllori portando conti e gestione “fuori controllo” ed è stato così per tanto tempo. Un’azienda che si è distinta per la produzione di perdite, debiti, ricettacolo di clientelismo necessario alla vecchia politica, per preservare il suo potere, portandoci così al recente dissesto finanziario e politico. Negli ultimi anni si è cercato di cambiare registro ed i risultati sono evidenti, ma tanto c’è ancora da rivedere, secondo la Commissione Straordinaria di Manfredonia che ha compiuto un atto di grande coraggio sollevando Barbone dal suo incarico. La Commissione si è assunta una responsabilità che ricade tutta sulle sue spalle, revocando un mandato che avrebbe potuto sopravvivere se chi governa la città non avesse applicato alla lettera ciò che la burocrazia impone. E questo lo diamo per scontato. Il nuovo amministratore sarà pochi giorni alla settimana fisicamente a Manfredonia, ma il suo intento è quello di creare una organizzazione aziendale che possa seguire delle chiare direttive strategiche operative che mettano in condizione l’organico dell’Ase di compiere al meglio il proprio compito sociale. Il ruolo più importante rimane nelle mani del cittadino, sentinella a tutela della nostra civiltà, ambientale e sociale.

di Raffaele di Sabato

 

Redazione R.
Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO