Giovedì 25 Luglio 2024

Fatone (M5S): “Servo-scala della biblioteca comunale, attivarlo è un atto di tutela dei diritti delle persone disabili”

0 0

L’eliminazione delle barriere architettoniche risponde all’esigenza di agevolare la vita di relazione delle persone con disabilità, in quanto i principi sottesi alla disciplina normativa «rispondono all’esigenza di una generale salvaguardia della personalità e dei diritti dei disabili e trovano base costituzionale nella garanzia della dignità della persona e del fondamentale diritto alla salute degli interessati, salute psichica oltre che fisica.

Ormai rientra nella coscienza sociale il dovere collettivo di rimuovere ogni ostacolo all’esercizio dei diritti fondamentali delle persone affette da disabilità, cosa che purtroppo nel Nostro Comune non sempre accade.

È il caso del servo-scala della Biblioteca Comunale, presso Palazzo Celestini, ormai obsoleto e mal funzionante, anzi meglio dire non funzionante, che di fatto pregiudica l’accesso ai ragazzi con disabilità con la conseguente limitazione per loro del diritto allo studio.

La delicata problematica, già sollecitata dal sottoscritto in un precedente Consiglio Comunale nel mese di novembre del 2022, ahimè caduta nel dimenticatoio, fu tra i principali argomenti di un importante confronto in campagna elettorale, tenutosi presso la sede del LUC, dove tutti i candidati Sindaci in maniera chiara e netta garantirono la massima attenzione sul tema della disabilità.
Già in quella precisa occasione evidenziammo sia l’importanza di strumenti come il Peba (contributi finanziari ai Comuni con la redazione dei Piani di eliminazione delle barriere architettoniche) e sia la necessità di una interlocuzione continua tra una commissione di associazioni e l’Ente, al fine di monitorare con costanza le diverse problematiche presenti in città e contestualmente trovare le eventuali adeguate soluzioni.

Con l’interrogazione presentata nella giornata di ieri ho espressamente invitato Sindaco, Giunta e Consiglieri tutti, indistintamente di maggioranza e opposizione, nonché il Garante della Disabilità, ad attivarsi con massimo impegno e reciproca collaborazione per provare a reperire i fondi necessari per “Ri-Attivare IL SERVO-SCALA” della biblioteca comunale.

Risolvere una volta per tutte questa palese ingiustizia, mettendo oltretutto nelle condizioni ottimali chi lavora per la nostra Biblioteca, significherebbe dare un importante segnale di civiltà, un atto di tutela dei diritti delle persone disabili.

 

Articolo presente in:
Comunicati · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com