Mercoledì 7 Dicembre 2022

Uatte, uatte, sîme arrîvéte a quatte

0 0

“Angôre quiste? Ma ne l’avèmme vedì chió?”, avrîje ditte, rèquie sîja l’àneme, Lucio Battiste se fosse angôre vîve. “Angôre quiste?”, dìcene, maravîgliéte, i cuccuèsce ca ce vedèvene murte prîme angôre de nasce. “Angôre quiste?”, dìcene, pruccupéte, chi tône nu catavere ammuccéte sotte u litte. A rîsposte a tutte ’sti “Angôre quiste” ne mbôte èsse ca jûne e jûna sôle: nd’a nu mónne add’ji ca, jurne jurne, tótte prumèttene cèrte e vènene mône sîcûre, nûje sîme stéte de parôle. Amme ditte ca ne nvulèmme ninde e ninde v’amme cerchéte sîja pûre, sènza ammuccé a facce a Criste, pe chi chè sagrîficje. Amme ditte ca sarrimme stéte de tótte e de nîsciûne, danne sèmbe péne au péne e vîne au vîne, sîje ca fosse “n’artiste”, nu “gesù criste” o ca jèsse facènne “quande so’ quiste?” e acchessì amme fatte. S’acchessì stanne i fatte, se dûje e dûje fanne quatte (tande so’ l’anne ca, uatte uatte, sîme arrîvéte méne a méne a vûje), nenn’ji azzardéte penzé ca fra n’ate e quatte nûje amma sté angôre qua a farve cumbagnîje e… pecchè no? pure fra quatte volte quatte. S’acchessì fosse, pèrò, da na vanne sarrîje cundènde e, chió de tótte, sarrinne cundènde i tand’àneme u priatorje c’affollene i sunne mîje pe jèsse accundéte a storja lôre, e da n’ate scunzeléte pecchè sîgnîfîcarrîje ca nenn’ji cangéte ninde; ca l’ôme de putôre, chi tône i rèdine méne, ié bîsugne angôre de na sendînèlle ca u uarde apprisse apprisse e de na sendînelle ca uarde a sendînèlle, e po’ na sendînèlle ca uarde a sendînèlle da sendînèlle. Nzise a quanne l’ôme ne ngapisce ca nge sté prisce da carne sènza a péce de l’àneme, nûje e chi cûme e nûje, uà cundînué a ’siste pe uardé e accundé. Au cundrarje de cûme m’hanne sèmbe appîttéte, je so’ jûne ca pènze pusîtîve (se spisse parle da morte ji pecchè vogghje bône a vîte). So cunvinde ca nu jurne o n’ate de n’anne o n’ate l’ôme ce uà dé cónde ca pe sta vîje nge po’ ji de nanze; e chi lu sépe ca códde appône accumenzéte vôla jèsse l’anne bune. Bune anne au mónne tótte, au jirte, au vasce, au bèlle eppûre au brôtte.

Franco Pinto

Piano, piano, siamo arrivati a quattro: “Ancora questi? Ma non dovevamo vederli più?”, avrebbe detto, pace all’anima sua, Lucio Battisti se fosse ancora vivo. “Ancora questi?”, dicono, meravigliati, i gufi che ci vedevano morti prima ancora di nascere. “Ancora questi?”, dicono, preoccupati, quelli che hanno un cadavere nascosto sotto al letto. La risposta a tanti “Ancora questi” non può essere che una e una sola: in un mondo dove ogni giorno tutti promettono con certezza e vengono meno di sicuro, noi siamo stati di parola. Abbiamo detto che non avremmo voluto niente, e niente vi abbiamo chiesto, pur con qualche sacrificio, senza nasconderci dietro a un dito. Abbiamo detto che saremmo stati di tutti e di nessuno, dicendo sempre pane al pane e vino al vino, sia nel caso di “un artista”, o di un “pezzo grosso” o di chi non sia capace neanche di contare. E così abbiamo fatto. Se così stanno le cose, se due più due fanno quattro (tanti sono gli anni che, piano piano abbiamo compiuto, mano nella mano con voi), non è azzardato pensare che tra altri quattro anni noi saremo ancora qua a farvi compagnia e… perché no? anche tra quattro volte quattro. Se così fosse, però, da una parte sarei contento e, soprattutto, sarebbero contente le tante anime del purgatorio che affollano i miei sogni perché racconti le loro storie, e dall’altra sconsolato perché significherebbe che non è cambiato niente; ovvero che l’uomo di potere, chi tiene le redini in mano, ha ancora bisogno di una sentinella che gli stia dietro e di una sentinella che controlli la sentinella, e poi una sentinella che controlli la sentinella della sentinella. Finchè l’uomo non capisce che non c’è piacere della carne senza la pace dell’anima, noi e chi è come noi, deve continuare a esistere per controllare e raccontare. Al contrario di come mi hanno sempre dipinto, io sono uno che pensa positivo (se spesso parlo della morte è perché amo la vita). Sono convinto che, un giorno o l’altro, un anno o l’altro, l’uomo dovrà rendersi conto che in questa maniera non si può andare avanti; e chi lo sa che quello appena cominciato non sia l’anno buono. Buon anno al mondo intero, a chi è alto, a chi è basso, a chi è bello e pure a chi è brutto.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO