Martedì 5 Marzo 2024

Vertenze infrastrutture, ministro Lupi a Roma riceve Pecorella e Leone

0 0

L’Onorevole Antonio Leone, il Presidente del Parco Nazionale del Gargano, Stefano Pecorella, insieme al presidente di Camera di Commercio, Fabio Porreca, e l’assessore all’Urbanistica di Foggia, Augusto Marasco, incontrano oggi a Roma il Ministro ai Trasporti Maurizio Lupi con l’intento di ottenere la riabilitazione del Gino Lisa nel piano degli aeroporti d’interesse nazionale, e di sbloccare i finanziamenti previsti per i lavori al Porto alti fondali di Manfredonia.  Un appuntamento tutto “targato” Nuovo Centro Destra, vista la provenienza del Ministro Lupi, e quella dell’On. Antonio Leone e di Stefano Pecorella, esponenti di spicco del partito di Alfano nella provincia di Foggia e a Manfredonia.

Articolo presente in:
News

Commenti

  • è solo propaganda politica, si avvicinano le elezioni, ma stavolta li conosciamo bene, ci hanno ridotto peggio dell’africa.

    gino 31/01/2014 7:21 Rispondi
  • LUPI, PECORELLA, LEONE MA CHE E’ UNO SCHERZO?

    PAOLO 30/01/2014 18:38 Rispondi
    • Effettivamente tra Leone e Lupi la Pecorella poco ci azzecca… ma ci sta bene anche questo purchè facciano veramente qualcosa e che il tempo, gli incontri, gli impegni portino effettivamente a qualcosa di concreto per questa terra si bella e perduta…..

      semprevigile 31/01/2014 9:32 Rispondi
  • Ci voleva la cacciata del B. e la nascita di un nuovo partito affinché i nostri rappresentanti hanno dato seguito al miracolo di LAZZARO…. si sono alzati e messi, finalmente, in cammino.
    Si sono rivolti al Ministro LUPI, speriamo che lo stesso faccia qualcosa per le infrastrutture della Capitanata, ad iniziare dallo sviluppo del Gino Lisa e di tutte le necessarie infrastrutture del porto commerciale affinchè esso diventi il fulcro degli interscambi mare/terra/cielo…
    Se anche con la sua presenza non si concorderà nulla, avremo a dire che ha fatto, solo, promesse da LUPI.

    semprevigile 30/01/2014 17:18 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *