Lunedì 30 Gennaio 2023

Biochemtex investe a Manfredonia: sarà aperto stabilimento

0 0

Saranno un bell’esempio di green economy gli impianti Biochemtex, quando inizieranno a produrre bioetanolo, cioè biocarburante di seconda generazione: perché non si useranno fossili, ma cellulosa estratta dalle canne palustri e da altri prodotti naturali non commestibili.

Questo il senso di un’intesa siglata dal governo con il gruppo Mossi&Ghisolfi che realizzerà tre impianti ex novo: a Manfredonia in Puglia, a Termini Imerese in Sicilia e nel Sulcis in Sardegna. A farsi carico di questo progetto è stato direttamente palazzo Chigi che, raccolta la disponibilità dell’azienda ad investire, ha individuato territori con maggiori crisi industriali ed economiche, cui dare un po’ di sollievo occupazionale. Per la verità la situazione dell’area pugliese non è comparabile con le altre, ma fu individuata quando sembrava che la vicenda delle Bridgestone, la fabbrica nippo-britannica di pneumatici, dovesse concludersi con la chiusura dello stabilimento di Modugno. Quando invece il pericolo è stato scongiurato, anzi il gruppo ha deciso di investire nella struttura vicino al capoluogo regionale, il sito di Manfredonia di Mossi&Ghisolfi è rimasto in pista, forse per la vicinanza con i terreni lacustri di Lesina e Varano.

Per procedere palazzo Chigi ha affidato al ministero per lo Sviluppo economico la parte del progetto riguardante la fattibilità tecnica e l’aspetto finanziario — di notevole spessore — riservandosi il compito di confrontarsi con gli enti territoriali per l’individuazione delle località idonee ad ospitare gli impianti chimici supergreen, il cui costo è stato calcolato in 250 milioni ciascuno, pari a 750 milioni complessivi. La Mossi&Ghisolfi — con altri soci minori — si è impegnata a finanziare immediatamente un terzo dell’impresa, per il resto si affiderà alle banche e al finanziamento agevolato da restituire in tempi certi, perché – spiegano i tecnici del ministero – l’operazione sarà interamente a capitale privato. Nelle prossime settimane sarà completata l’analisi della parte finanziaria del progetto che verrà formalizzato in una proposta a Invitalia per un contratto di sviluppo che riguarderà tutti e tre i siti. Dal momento che verrà posta la prima pietra passeranno due anni prima che gli impianti possano iniziare a produrre, ma il più è fatto: il progetto (l’accordo con il gruppo Mossi&Ghisolfi fu siglato nel gennaio del 2013 dal precedente esecutivo guidato da Enrico Letta) non è o almeno non dovrebbe essere di quelli che si perdono per strada: come usa dire l’attuale premier Matteo Renzi, è il governo che ci mette direttamente la faccia; ma perché si realizzi è necessario non solo rinvenire le risorse e individuare i terreni per costruire gli impianti, si tratta anche di avere a disposizione migliaia di ettari di terreno per recuperare la materia prima. Comunque, nei prossimi quindici giorni, «le parti private coinvolte svilupperanno un’azione comune volta ad approfondire ulteriormente la sensibilità del progetto alla evoluzione nel tempo dei diversi fattori», si legge nel comunicato del ministero.

Insomma, una buona notizia per il Mezzogiorno.

Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Articolo presente in:
News

Commenti

  • Prego la redazione di pubblicare notizie sul possibile impatto ambientale negativo di questa azienda che sicuramente potrà portare un po’ di lavoro. Ma che tipo di emissioni avrà?

    GAMBE LEVATE 04/06/2014 10:21 Rispondi
  • Strano che ancora nessun politico locale stia cavalcando la notizia prendendosene il merito … sta cosa mi puzza. Ma vedrete che a breve qualcuno, per esempio il Sig Bordo, lo farà. Sono stato probabilmente presi in contropiede e questa è ancora una prova che i nostri politici locali del territorio di MANFREDONIA non gliene importa nulla! Pensano solo storto le elezioni a comparire con dichiarazioni ridicole! Ora per un anno se ne staranno buoni??

    Cittadino 04/06/2014 7:38 Rispondi
  • Non voglio rompere le uova a nessuno, bene che questa azienda voglia portare insedienti e lavoro, ma andiamoci piano, si parla di un altra industria chimica, spero che si applichino i protocolli di salvaguardia e di controllo. Lavoro si enichem no.

    antonella 03/06/2014 23:21 Rispondi
  • 5 anni e chiude pure quest’altra!

    teofilo 03/06/2014 19:22 Rispondi
  • Tanto ci andranno a lavorare i soliti raccomandati, a Manfredonia la meritocrazia non è mai esistita

    Latitante 03/06/2014 18:47 Rispondi
  • Per il sindacalista: Non credo che la zona industriale di Foggia abbia ancora bisogno di altre realtà produttive di un certo livello,visto che ha la Sofim , l’Alenia e tanjto latro…anche se non bastono mai i posti di lavoro ma, il nostro territorio…la nostra zona industriale di Manfredonia….ha un drammatico e urgente bisogno di occupazione e di risposte da dare a una città che grida da tempo il bisogno di lavoro !!!! Questa OPPORTUNITA’ non bisogna farcela” rubare” da sotto il naso,anche al prezzo di regalargli il terreno dove farla costruire e agevolazioni varie !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Piuttosto,vigilate sugli accordi che vorranno fare !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    ex operaio 03/06/2014 18:04 Rispondi
  • Essendo sindacalista di zona,spero tanto nell’insediamento di 1000 realta’ come questa anche c/o il capoluogo di provincia Foggia che ha una zona industriale non indifferente e personale formatissimo.

    roberto 03/06/2014 16:37 Rispondi
    • Qui si parla di Manfredonia e non di Foggia, Bari o altre città credo

      Mario 03/06/2014 19:13 Rispondi
  • Una buona occasione per rilanciare il nostro paese,spero davvero porti una ventata di ottimismo e qualche occasione in più per noi giovani.perché amiamo la nostra terra e non vogliamo essere costretti ad abbandonarla per il scarso livello occupazionale!in bocca al lupo,finalmente,per questa nuova realtà.

    Giuseppe 03/06/2014 15:18 Rispondi
  • Speriamo, soprattutto per i giovani della ns. città

    pasquale 03/06/2014 13:44 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO