Sabato 2 Marzo 2024

Ufficio IAT di Manfredonia (Informazione – Accoglienza – Turistica) i volontari del Turismo

0 0

Manfredonia, porta d’Oriente, spartiacque tra due mondi: l’Occidente e il medio Oriente. Più volte ricorre quest’espressione nei discorsi di inaugurazione di importanti eventi pubblici come quello del 16 dicembre 2014 quando fu inaugurato il punto IAT di Informazione e Accoglienza Turistica nei locali dell’ex biglietteria delle Ferrovie dello Stato di Piazza della Libertà (stazione campagna). L’arch. Franco Sammarco in quell’occasione menzionò il progetto di restyling delle sedi IAT voluto dalla Regione Puglia a cui i Comuni interessati, come il nostro, dovevano adeguarsi. Il Comune di Manfredonia non spese nulla però occorsero circa 26 mila euro provenienti da Puglia Promozione (Ente spendaccione della Regione Puglia) che utilizzò i Fondi Fesr (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) per il rifacimento della controsoffittatura, del pavimento e dell’arredo. Da premettere che già nel 2007, furono spesi altri soldi “pubblici” per rimodernare quegli uffici e renderli idonei all’accoglienza. L’ex presidente dell’Agenzia del Turismo, Michele De Meo, l’anno scorso, durante la presentazione del punto IAT, focalizzò l’attenzione sulla necessità di implementare una proficua organizzazione tale da garantire un servizio efficace per soddisfare anche il turista più esigente. A distanza di un anno l’unico personale presente nello IAT è l’associazione Pro-loco di Manfredonia, operante a seguito di una convenzione con il Comune di Manfredonia (art.8 delle Linee Guida- D.G. Reg. n. 41/2013), che grazie all’indefesso lavoro di “puro volontariato” di due soci professionisti: Rosmery Valenti e Tiziano Samele, fornisce efficientemente le informazioni turistiche agli utenti durante l’apertura mattutina dello sportello dalle ore 09:30 alle 12:30. E’ plausibile che durante l’anno e soprattutto d’estate l’ufficio d’informazione turistica sia aperto solo qualche ora la mattina? Che fine ha fatto il progetto di attivazione dello “IAT Diffuso” di allargamento della rete informativa locale con il coinvolgimento attivo di attività commerciali cittadine? Lo IAT che ha sede nella decentrata Piazza della Libertà, tra l’altro anche sede dell’Agenzia del Turismo, si dotò inizialmente di un funzionario pubblico successivamente spostato in altro ufficio per esigenze straordinarie, lasciando l’intero carico dell’apertura e della gestione del punto informazione ai volontari della Pro-Loco di Manfredonia. Gli effetti della gestione dell’Agenzia del Turismo che ha prodotto tanto vento lasciando solo macerie, si evincono dal portale “gestito” dalla stessa Agenzia: www.manfredoniaturismo.com, fermo alla 62° edizione del Carnevale. Cosa prevede l’agenda dello IAT per incentivare il turista a soggiornare nel nostro territorio? Che materiale fornisce? Oggi l’accoglienza turistica è supportata dal più centrale ed organizzato Info Point del Gal gestito dall’Associazione “Gargano Experience”. Anche se le due realtà hanno paternità diversa la madre rimane la stessa. Sarebbe opportuno coordinare le due realtà informative per dare un’immagine ed una efficienza all’accoglienza turistica all’altezza del patrimonio culturale, ambientale e monumentale che la nostra città offre. Per ora ci sentiamo di dire alle istituzioni di fare maggiormente “sistema” ma soprattutto è doveroso un “grazie” alle persone che garantiscono l’accoglienza turistica nella nostra città, con il loro spirito ci fanno ben sperare per il futuro turistico della nostra bella Manfredonia.

Grazia Amoruso

Articolo presente in:
News
  • Agenzia del Turismo? Ma se Alberto Angela non ci ha nemmeno ca..to nella sua trasmissione Ulisse?

    teofilo 14/10/2015 22:05 Rispondi
  • IAT….mort….
    Sono sicuro che se si coinvolgevano le persone che da sempre, ed in maniera volontaria, hanno dato lustro alle vestige di Manfredonia a quei pochi turisti che vi giungevano in particolare per quanto riguarda Siponto e San Leonardo, si sarebbe raggiunto un traguardo soddisfacente almeno per questi siti…. il sig. Caroleo e l’associazione sicuramente avrebbero dato un contributo più fattivo …..

    svolta 14/10/2015 19:34 Rispondi
  • Ma Grazia Amoruso chi è?
    C’è una confusione incredibile in questo articolo che mi ha portato a leggerlo tre volte.

    Agli occhi del lettore è un articolo che parla di una spesa della Regione, a cui la Regione stessa ed il Comune non hanno dato un personale, anzi glielo hanno tolto, ma la colpa è dell’Agenzia del Turismo.

    Ma vi leggete?

    matteo di bari 14/10/2015 17:54 Rispondi
    • E’ chiaro che i soldi spesi sono quelli pubblici dei fondi europei stanziati dalla regione puglia. Il funzionario pubblico del comune di Manfredonia che lavorava allo IAT è stato trasferito altrove. Quindi l’ufficio IAT è gestito solo da due volontari della Pro loco.
      Il problema gestionale sta nel non aver coordinato bene i servizi pubblici di informazione al turista da parte del Comune di Manfredonia.
      E’ così difficile da capire?

      Confusione su cosa? 15/10/2015 10:17 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *