Sabato 28 Gennaio 2023

Carnevéle: nu pìmene de rîse fra desciûne e môss’appîse

0 0

Nd’a nu mônne add’ji c’a rîse

sté cûme u diàvele au paravîse

ce sté pôche da sté allèrje,

ji mîsèrje e… nèrja nèrje.

Però, se pûre stìteche ji lu prisce,

granne, a grasce ji lu vulîsce

e no pe midje pe chi fé fèste

e de panne d’ôre u corje vèste

né pe sdîvizze, odje o ragge

pe chi ho fatte stu dammagge

e manghe pe scanosce chi tótte ammînistre

ca méne mméne sté alla fînèstre

ma pecché ji propte necessarje

cûme e l’acque, u péne e l’arje

ji a natûre ca lu vôle

cûme du fiôre vôle u sôle.

Na vîte sènza méje na rîse

ji cûme sté a nu fîle mbîse,

avaste nu piccule cutelizzje

e te truve abbasce au precîpizzje.

Chi, però, m’ho fatte e me fé pavûre

nen ji a manganze, ma la cûre.

Pe tutte i grusse passe annanze

c’ho fatte nd’a tand’anne a sciènze

nen ji riuscîte angôre a trué,

e pènze ca méje méje truarrà,

nu pìnele, na supposte,

na diàvele de cumboste

capéce de tîdeché sotte i vezzûse

e bèlle vrazze de madéme la rîse.

“E allôre che ce fé se rîmèdje nen ge sté?”

– vûje m’addumannéte – “Amma murì

senza assaprarle?” “No” – quèste

ji a rîsposte.

Amma fé cûme facèvene l’andîche

pu péne tuste:

jèttavene u scurze

e ce mangiavene a mullîche.

Se ji luôre cûme ji luôre

ca u delôre sté a lu chiande

cume u prisce sté alla rîse

e u prisce ji ogni mumènde

ca te pôte rejalé na rîse,

bèh, afferramele stu mumènde

pe tutte e dôje li méne,

ne lu facîme scappé.

“Carpe diem”, dîcèvene i latîne,

sté scritte pûre sôpe a porte

de chi me porte u cafè a matîne.

Mo’ vône carnevéle

facìteve stu rejéle

ce dice ca la rîse

ce jètte sôpe a vocche i stùdeche.

Bèh, allôre, vestiteve da stùdeche

e rîrîte, rîrîte, rîrîte

rîrîte nzise ca putîte,

chi lu sépe quann’ji

e s’u putîte fé arrôte.

E pe chiûte

stu stracôrse strambaléte

mo’ ve dîche na côse d’assenzéte:

“Quanne ce appresènde

a bôna jurnéte, pîgghjataville

pecchè quèdda malamènde

sté sèmbe drôte a porte

ca v’aspètte.

Parôle de Ciccille”.

Franco Pinto

 

Carnevale: un pugno di riso tra digiuno e facce imbronciate. In un mondo dove ridere / sta come il diavolo al paradiso / c’è poco da stare allegri, / è miseria e… nera nera. / Però, anche se l’allegria è stitica, / grande, abbondante è il desiderio / e non per invidia di chi fa festa / e veste il corpo di panni d’oro, / né per astio, odio o rabbia / per chi ha fatto questo guaio / e nemmeno per rinnegare chi tutto amministra, / che con le mani in mano sta alla finestra, / ma perché è proprio necessario / come l’acqua, il pane e l’aria, / è la natura che lo vuole / come quella del fiore vuole il sole. / Una vita senza mai una risata / è come stare appesi a un filo fino a che / basta un piccolo movimento / e ti trovi giù nel precipizio. / Chi però mi ha fatto e mi fa paura / non è la mancanza, ma la cura. / Con tutti i grandi passi avanti / che ha fatto in tanti anni, la scienza / non è riuscita ancora a trovare, / e penso che mai e poi mai troverà, / una pillola, una supposta, / un cavolo di ritrovato / capace di solleticare sotto le vezzose / e belle braccia di madama la risata. / “E allora che si fa se rimedio non c’è?” / – mi chiederete – “Dobbiamo morire / senza assaggiarla?” “No” – questa / è la risposta. / Dobbiamo fare come facevano gli antichi / con il pane duro: / gettavano via la corteccia / e mangiavano la mollica. / Se è vero come è vero / che il dolore sta al pianto / come l’allegria sta alla risata, / e l’allegria è ogni momento / che ti può regalare una risata, / beh, afferriamolo questo momento / con tutte e due le mani, / non facciamocelo scappare. / “Carpe diem”, dicevano i latini, / c’è scritto anche sulla porta / di chi mi porta il caffè la mattina. / Adesso arriva carnevale, / fatevi questo regalo, / si dice che il riso / abbonda sulla bocca degli stupidi. / Beh, allora, vestitevi da stupidi / e ridete, ridete, ridete, / ridete finché potete, / chi lo sa quando / e se potrete rifarlo. / E per chiudere / questo racconto strampalato / adesso vi dico qualcosa di sensato: / “Quando si presenta / una buona giornata, prendetevela / perché quella cattiva / è sempre dietro alla porta / che aspetta. / Parola di Ciccillo”.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

foto in anteprima Lorenzo Tagliamonte  

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO