Venerdì 3 Dicembre 2021

Angôre nu bucchire

4 0

Angôre nu bucchire

de vîne rôsse a mestire

e po’ me ne véche a colche

vejéte nd’a nu sôlche.

Maghére pôche stizzeche

de côdde ca te frizzeche

pe ji nnanze cûme é cambéte

de Mónne acchiaranzéte.

Oppûre sckitte na squicce

pe rîvedì dôje trècce

ca càndene sôpe u litte

nu uagnône au pitte.

O appône appône n’addôre

de Làgrîme de Côre

pe caccé i papunne

ca me sbaliènne u sunne.

Franco Pinto

Ancora un bicchiere: Ancora un bicchiere / di vino rosso (fatto) a mestiere / e poi mi vado a coricare / beato in un solco. // Magari poche gocce / di quello che ti stimola / per andare avanti come ho vissuto / di mondo ubriacato. // Oppure solo uno schizzo / per rivedere due trecce / che cantano sul letto / con un bambino al petto. // O appena appena un odore / di Lacrime di Cuore / per cacciare i fantasmi / che mi disturbano il sonno.

(Traduzione di Mariantonietta Di Sabato)

Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO