#iorestoacasa
Sabato 4 Aprile 2020

E quist’ate, mo’, che vonne?

9 1

Con questo redazionale inizia la storia del ManfredoniaNews.it nel lontano dicembre 2009. Andai a casa di Franco Pinto e gli spiegai il nostro progetto editoriale. Gli dissi:” Vorrei creare un giornale che parli della nostra città, nel bene e nel male. Un giornale slegato da ogni condizionamento che oggi tiene imbrigliata questa società pilotandola in una direzione che spesso va contro corrente rispetto alle necessità dell’intera comunità. Un giornale che possa, spero, svegliare il nostro spirito civile per progredire, per crescere e per rendere la città di Manfredonia ancora più bella di quanto non lo sia oggi…”. Franco elaborò questo straordinario scritto.

Raffaele di Sabato

*************

“E quist’ate, mo’, che vonne?” je pènze ca, se no tótte, chiô de jûne ca pigghje pa prîma volte sti paggîne mméne ce uà fé quèsta dumande: “E quist’ate, mo’, che vonne?”. A rîsposte ji: “Ninde”. Ninde de ninde, m’avûta crôte. Ninde ca ve pôte alleggerì la sacche pe manné nu “Messaggino” a Tizzje o a Kéje; ninde ca ve pôte sbacandé a ’rîmadje pe manné “Robbe” a Zembronje o a Martîne; ninde ca ve pôte manné ngrôce u “pôche o assé” mangé cundende ca facîte; ninde ca ve pôte appezzendì chiô de quande “Nigghje e Cuccuésce” hanne già fatte. A nenziôna nostre ji, se méje, quèdde de vulirve arrîcchì (no de solde, quidde ne li tenîme manghe nûje) šchitte nu pôche pôche a memorje, u “Sapì”. Accûme? Accundanne chi chè fattarille de stu pajôse libbere da ogni “Cannéle” o “Mussarôle” de quèste o quèdd’ata parrocchie ca l’ate, vu’ ca ne nvonne, vu’ ca ne mbòtene, ne nv’hanne méje accundéte. Vûje me putarrisse dîce: “E che n’amma fé? Nzò fatte nustre”. Ma, je, pûre rîspettanne sèmbe cûme l’ate la pènzene ne me la sènde de darve raggiône pecché, cûme ce dîce, amma ji vedènne vedènne se ji propte acchessì. Pe quèdde ca è putîte capì, nd’a tand’anne ca a ràngîche e mùzzeche è cambéte, ji ca l’ôme, pe natûre, quanne i fatte ne nvanne cûme vularrîje, ji purtéte a sduaché a colpe sémbe a chi che jûne. Se pèrde na partîte de pallone ji colpe de côdde curnûte de “l’albître” ca n’ho déte u rigôre. Se nu uagnône vône buccéte alla scôle ji colpe de côdde strônze du “professôre” ca ce l’ho misse sôpa nése. E se propte vé tutte sturte ji colpe de quèdda zòcchele da “sfertûne” ca ne lu lasse méje de pôte. Cûme putîte vedì ji sèmbe colpe de côdde o de cudd’ate ca po’ ditte alla paiséne sarrîje: “Ghjà li murte de côdde” o “Ghjà li murte de quedd’ate”, méje na volte, jûna ndôtte, ca dîcèsse, salvanne i murte, “Ghjà li murte mîje”. Mo’, all’accadènde, v’acconde nu bèlle fatte, po’, se méje, ve fazze na dumande.

Iôve na notte de scurîtéte e nûje avèmme da pôche fatte vôle da “ndèrre u Spundône” pe ji a fé na caléte “sôpe a fôce Carlône”. I uagnûne durmèvene saprîte sotte a “prûte”; i grusse ce ièvene appône appapagnéte a jûne a jûne a “mezzanîne”; l’ôneche e sûle rîspegghjéte iôve, assettéte nd’u “pôzze de pôppe” tatôcce Nîcole ca purtéve a varche a tîmône. Tenôve chi chè ianne de chiô, ma ne li dôve a vedì. Tutte na volte, ne nzacce cûme fô, ce sîme truéte a panze d’acque pe l’onne ca ce pîgghjavene a šcaffe mbacce “ndèrre a l’urte i vricce”. Quèdde ca iôve succisse pôche prîme a “tatôcce” ne ve lu sacce a dîce, ma quèdde ca li succisse dôpe nge pôte manghe accundé. Mamma, mamme! N’ate u pôche ce lu mangiavene vîve. Quanne ji succisse stu fatte je jôve nu uagnône, pèrò pûre uagnône uagnône m’arrîcorde ca na dumande me l’è fatte. Ca la colpe fosse de “tatôcce” nge vulôve a zingre p’anduvînarle, pèrò quanne cost’ôme ce purtéve a precîpizzje nûje che facèmme? Durmèmme. E se durmèmme (e quèste ji a dumande ca ve fazze pûre a vûje) nenn’ji ca pôche pôche fosse pûre colpa nostre? Je pènze de sì. Pe chiûte u stracôrse, viste ca ne mbutîme ji tutte quande a tîmône e ca “vulì o vulé” chi chè jûne le uà fé au poste nustre, tenîme ammachére n’ucchje apirte, spîjéme ogni tande se ce sté purtanne nzalvaminde o a precipîté ndèrre a marîne sôpe i scugghje o pègge angôre, cûme dîcene i marînére, ce porte a murì annechéte a iacque de sessanda passe. A stu pônde v’arrîja saluté, però, n’ata côse v’a vogghje angôre dîce. U sacce ca sti paggîne cûme e l’ate anna ji fernèsce nd’a mennèzze, però, prîme de jittarle, dàtele, maghére sôpe u cesse, na leggûte. Chi lu sépe ca ne ndruéte chi chè côse ca ve nderèsse. Ah, scuséte, angôre na côse. Oltre a sti paggîne ce sté pûre nu “NDÈRNÈT”, ma ji mègghje ca v’u spiôche chi ne sé chiô de mè. Cûme avûte viste je n’u sacce manghe chiamé. Mèh, mo’ pènze ca ve pozze propte saluté.

Stàteve bûne e…se Dîja vôle e i chéne i ’bbruzzese, ce sendîme.

Manfredonia 20 dicembre 2009

Franco Pinto

 

E questi altri, adesso, cosa vogliono?

“E questi altri, adesso, cosa vogliono?” Io penso che, se non tutti, più di uno quando prenderà queste pagine in mano si farà questa domanda: “E questi altri, adesso, cosa vogliono?”. La risposta è: “Niente”. Niente di niente, mi dovete credere. Niente che vi possa alleggerire la tasca per mandare un “messaggino” a Tizio o a Caio; niente che vi possa svuotare l’armadio per mandare “roba” a Sempronio o a Martino; niente che vi possa mandare di traverso il “poco o tanto” desinare contento che fate; niente che vi possa impoverire più di quanto “Nibbi e Civette” abbiano già fatto. Il nostro obiettivo è, semmai, quello di volervi arricchire (non di soldi, quelli non li abbiamo neanche noi) solo un pochettino la memoria, il “Sapere”. Come? Raccontando qualche fatterello di questo paese libero da ogni “Collare” o “Museruola” di questa o quell’altra parrocchia che gli altri, perché non vogliono, o perché non possono, non vi hanno mai raccontato. Voi potreste dirmi: “E cosa ce ne dobbiamo fare? Non sono fatti nostri”. Ma, io, pur rispettando sempre il pensiero degli altri, non me la sento di darvi ragione perché, come si dice, bisogna poi vedere se le cose stanno proprio così. A quanto ho capito, nei tanti anni che a morsi e bocconi ho vissuto, l’uomo, per natura, quando le cose non vanno come vorrebbe, è portato a dare la colpa sempre a qualcuno. Se perde una partita di calcio è colpa di quel cornuto dell’ “arbitro” che non ha concesso il rigore. Se un ragazzo viene bocciato a scuola è colpa di quello stronzo del “professore” che l’aveva preso in antipatia. E se proprio va tutto storto è colpa di quella zoccola della “sfortuna” che non lo lascia per un secondo. Come potete vedere è sempre colpa di quello o di quell’altro, che poi detto semplicemente sarebbe: “Mannaggia ai morti di questo” o Mannaggia ai morti di quello”, mai una volta, una sola, che si dica, salvando i morti, “Mannaggia ai morti miei”. E ora vi racconto una storiella che cade a proposito, e poi, semmai, vi faccio una domanda. Era una notte scura e noi da poco avevamo fatto vela dalla riva dello “Spuntone” per andare a fare una calata “sulla foce Carlone”. I ragazzi dormivano profondamente sotto alla “prua”; gli adulti si erano appena appisolati uno per uno a “mezzanino”; l’unico sveglio era, seduto sul “pozzo di poppa” zio Nicola che teneva il timone della barca. Aveva alcuni anni in più, ma non li dimostrava. All’improvviso, non so come, ci trovammo a un metro d’acqua con le onde che ci schiaffeggiavano verso la “riva dell’orto delle brecce”. Cosa fosse successo prima allo zio non ve lo so dire, ma quello che è successo dopo non si può neanche raccontare. Mamma mia! Per poco non se lo mangiavano vivo. Quando è successa questa cosa io ero bambino, eppure mi ricordo che una domanda me la sono fatta. Che la colpa fosse dello zio si capiva subito, però quando quest’uomo ci portava verso il precipizio noi cosa stavamo facendo? Dormivamo. E se dormivamo (e questa è la domanda che faccio anche a voi) non era anche un po’ colpa nostra? Io penso di sì. Per chiudere la questione, visto che non tutti possiamo tenere il timone e che “volenti o nolenti” qualcuno deve farlo al nostro posto, teniamo almeno un occhio aperto, guardiamo ogni tanto se ci stanno portando in salvo, a precipizio o sugli scogli o peggio ancora, come dicono i pescatori, a morire annegati a sessanta passi di profondità. A questo punto dovrei salutarvi, ma un’altra cosa ve la voglio dire. So che queste pagine come le altre andranno a finire nell’immondizia, però, prima di gettarle, dategli, magari quando siete al bagno, una lettura. Chi lo sa che non troviate qualcosa che vi interessa. Ah, scusate, una cosa ancora. Oltre a queste pagine c’è anche un sito “’NTERNÈT”, ma è meglio che ve lo spieghi chi ne sa più di me. Come avete visto io non lo so neanche pronunciare. Beh, adesso penso proprio di potervi salutare.

Statemi bene e… se Dio vuole e i cani degli abruzzesi, ci risentiamo.

Traduzione di Mariantonietta Di Sabato

E quist’ate, mo’, che vonne?

de nu fèsse qualônque

 

 

Redazione R.
Articolo presente in:
Franco Pinto · News

Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php