Lunedì 27 Settembre 2021

Pd Manfredonia: stazione Manfredonia Ovest non sarà cattedrale nel deserto. I 50 mln del Patto per la Puglia saranno utilizzati per il Bus Rapid Train

0 11

Il dossier “treno tram” è tanto importante quanto delicato per la sua strategicità rispetto allo sviluppo economico-turistico della città e al miglioramento della qualità della vita dei Manfredoniani.

Piuttosto che costruire o alimentare speculazioni politiche, allora, è opportuno fare chiarezza a partire da un fatto incontrovertibile: la stazione Manfredonia Ovest non sarà una cattedrale nel deserto.
I 50 milioni di euro stanziati nel Patto per la Puglia saranno utilizzati per garantire il collegamento rapido ed ecologico tra Manfredonia e Foggia con la tecnologia del Bus Rapid Train.

Questo innovativo investimento è parte della visione strategica per il futuro di Manfredonia.

Abbiamo già formulato almeno due proposte concrete su cui investire competenze e risorse:
1- la rimozione del fascio di binari che va dal centro della città alla stazione di Manfredonia Ovest; 2- la connessione pedonale e ciclabile dell’intera Riviera Sud.

Il Bus Rapid Train è una metropolitana di superficie realizzata destinando corsie preferenziali ad autobus alimentati a metano. Affiancando piste ciclabili attrezzate e sicure si potranno mettere in parallelo mobilità veloce, per chi produce e lavora, e mobilità lenta, per chi si muove alla ricerca di esperienze e benessere.

La conseguente dismissione del fascio di binari ferroviari che oggi attraversano parte della città avrà il positivo effetto di eliminare il principale ostacolo alla rigenerazione e riqualificazione urbana di un ampio tratto del territorio urbano, che vogliamo orientate ad incrementare la dotazione di servizi e strutture con finalità sociali, culturali e turistiche.

L’ex stazione ferroviaria di Manfredonia Campagna è destinata a diventare la velostazione del percorso ciclabile che connetterà la città ai luoghi turistici e naturalistici della Riviera Sud. Lungo circa 15 chilometri da Manfredonia a Scalo dei Saraceni sarà realizzato un itinerario percorribile in bicicletta e/o a piedi totalmente ecosostenibile e perfettamente integrato nel territorio, tale da rendere fruibili le spiagge, attrezzate e libere, nonché visitabile e osservabile l’ecosistema composto dalle oasi naturalistiche, le pinete e le dune costiere.

La riqualificazione e riorganizzazione dell’intero waterfront manfredoniano è l’obiettivo a cui tendere anche per elevare ed incrementare l’offerta di turismo balneare e diportistico, così da migliorare la fruibilità e l’accessibilità degli spazi e dei servizi pubblici in premessa allo sviluppo di strutture private esistenti e alla realizzazione di nuovi attrattori turistici.
L’annunciata prosecuzione della campagna di scavo nell’area archeologica sipontina e gli interessanti risultati attesi impongono la programmazione di azioni di valorizzazione a scopi culturali e turistici. In sinergia con il Ministero della Cultura e la Regione Puglia, si prefigura il consolidamento e lo sviluppo del Parco Archeologico di Siponto, con percorsi didattici anche digitalizzati e la perimetrazione di spazi funzionali alla realizzazione di eventi tematici, e la sua connessione all’abbazia di San Leonardo con infrastrutture di mobilità lenta.

Dunque, non una soluzione di ripiego, ma una vision ben chiara capace di proiettare Manfredonia nel futuro.

Articolo presente in:
Comunicati · News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

MANFREDONIA VIDEO