Giovedì 25 Luglio 2024

Un Natale speciale a Manfredonia con la “rete solidale” di associazioni, scuole e palestre (Video e foto)

2 1

L’Associazione “Io Sono Partita IVA” ha ricevuto plausi dalle Istituzioni e dalle migliaia di like sui Social network, apprezzando gli sforzi di laboriosi cittadini accomunati dall’amore per la propria città e dalla voglia di riscatto. Si sono costituiti in un’associazione durante il periodo delle “chiusure delle attività” dettate dalle restrizioni antiCovid. E’ proprio vero che da situazioni catastrofiche come quella della pandemia possono intravedersi dei spiragli di luce.

 

A tutto ciò hanno creduto in tanti. Anche la Coop. “Piccoli per sempre” ha apportato il proprio contributo, valorizzando le luminarie del fossato del Castello Svevo Angioino con le animazioni dei ragazzi che interpretano, mascherati, i personaggi della Disney, divertendo grandi e piccini. Grazie a queste straordinarie iniziative si è tornati un pò bambini, con la gioia negli occhi nell’ammirare e ascoltare le storie e i canti natalizi. Si aggiungono alla rete solidale le associazioni sportive di danza di Manfredonia che allietano i week-end con le esibizioni degli artisti sui palchi apposti nello  fossato del Castello, trasformato con cori e luci a tema in un magico e poetico scenario.

 

Non ultime le scuole pubbliche come l’Istituto Don Milani diretto dal Preside prof. Domenico Zereglia Venaglia che ha accolto l’idea di far sfilare le studentesse-ballerine, domenica 19 dicembre, in Piazza Duomo, lungo Corso Manfredi e per le vie del centro storico. Dalle immagini e video allegati emerge l’emozione e la gioia delle ragazze che hanno danzato con abiti sartoriali a tema natalizio. Le coreografie sono state magistralmente elaborate dalla prof.ssa Mattia Ciuffreda che ha accompagnato le ballerine durante tutto il percorso, coadiuvata dalla collega, prof.ssa Maria Rosaria Moretti, per le body percussion e dal prof. Santoro Adriano per le riprese.

La prof.ssa Ciuffreda racconta ai microfoni di Manfredonianews l’esperienza del gruppo costituito da circa 20 studentesse/ballerine della scuola media, impegnato, negli anni passati, in incontri socio-solidali per l’Unicef e alla Casa di riposo “Anna Rizzi”, al reparto Oncologico Pediatrico dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, nelle rappresentazioni storiche “Re Manfredi” e tanto altro. L’arte, la musica e la cultura rinvigoriscono la formazione degli studenti che acquisiscono e potenziano abilità e capacità creative. L’esperienza della “rete solidale” appena descritta deve stimolare le Istituzioni pubbliche e il neo governo cittadino a collabarare e sostenere per far crescere questo “patrimonio” economico-socio-culturale, utile allo sviluppo turistico ed economico del territorio. A noi cittadini l’impegno di custodire le risorse storiche-artistiche-culturali pubbliche e salvaguardare l’ambiente per non vanificare l’arduo lavoro profuso dal privato sociale e dalle associazioni di Manfredonia, vero esempio di riscatto sociale per le future generazioni.

Grazia Amoruso

 

 

 

 

Articolo presente in:
News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com