Lunedì 3 Ottobre 2022

Una via d’uscita per i residenti dei Comparti

0 0

ISTITUITO il senso unico di marcia in via Leonardo da Vinci, nel tratto compreso tra viale Mediterraneo e viale Michelangelo, direzione ovest-est. È il provvedimento adottato dalla civica amministrazione per alleviare i gravi problemi inerenti al traffico che imbottiglia i comparti edilizi, il popoloso quartiere sorto in questi ultimi anni alla estrema periferia ovest completamente disarticolato dal resto della città. In particolare la difficoltà per uscire dai comparti: sull’unica via disponibile si forma un enorme intasamento di automobili, in modo particolare nell’ora di punta del mattino tra le 7,45 e le 8,30 allorquando i residenti lasciano le proprie abitazioni per recarsi nelle rispettive sedi di lavoro o per portare i propri figli a scuola.

LO FANNO utilizzando l’automobile, non per scelta ma per forza maggiore dal momento che i mezzi pubblici oltre ad essere insufficienti hanno orari del tutto inadeguati. Si tratta di una popolazione di alcune migliaia di persone con esigenze di vita familiare proprie. Per uscire da quell’agglomerato urbano c’è un’unica strada sulla quale, al mattino appunto, si concentra il traffico con tutte le conseguenze immaginabili. Un problema non certamente nuovo: da anni infatti i residenti sollecitano una soluzione che eviti quell’ingorgo di automobili. Ma non solo. «Ogni giorno – è la lamentela – si assiste ad una lunghissima fila di auto provenienti dalle due direzioni di via Leonardo da Vinci per immettersi in via Tratturo del Carmine fino alla rotonda di viale Michelangelo, con relativa lunga e penosa attesa. Per fare un esempio, per raggiungere la scuola più vicina, il liceo scientifico, ci si impiega 30 minuti».

IIN UNA PETIZIONE inviata alle civiche autorità, i residenti espongono «in maniera costruttiva», una serie di suggerimenti finalizzati a razionalizzare il traffico in quei comparti e dunque trarli da un insopportabile isolamento. E cioè: Richiesta servitù di passaggio e sistemazione della stradina in Contrada Garzia; Sistemazione del ponte utilizzato dalla cava Foglia che attraversa la tangenziale per renderlo percorribile almeno in un senso (in uscita dai comparti); Completamento della S4, che permetterebbe di congiungere i comparti con l’incrocio di via di Vittorio (dove attualmente ci sono i semafori, nei pressi della polizia); in quel tratto dovrebbe essere realizzata una rotatoria per rendere sicura ed ordinata l’uscita dalla zona comparti; Allargamento del tratto di via Leonardo da Vinci che va dall’incrocio con viale Mediterraneo, in direzione centro, fino a viale Michelangelo con necessità anche in questo caso di costruire una rotatoria per garantire una sicura ed ordinata uscita dei residenti dalla zona comparti.

NELL’ORDINANZA si fa riferimento a non meglio precisati «lavori di apertura di nuovi svincoli»: in attesa è stato istituito il senso unico come innanzi specificato: un provvedimento di emergenza che sposta il traffico – fanno notare i residenti – su una strada stretta e buia che allevia solo in parte il problema traffico nei comparti.

  Michele Apollonio

 

 

 

 

 

Articolo presente in:
News

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO