Venerdì 2 Dicembre 2022

Si spengono le luci del Natale a Manfredonia

4 1

Da quando un bel gruppo di imprenditori e commercianti, il 21 gennaio 2021, hanno dato vita all’associazione “Io sono partita Iva” qualcosa a Manfredonia è cambiato. Lo spirito unitario che ha dato vita a questa nuova unione è chiaro: l’associazione nasce dalla comunione di intenti di un gruppo di persone che condividono la passione per il proprio lavoro e l’attaccamento al bene della città. E in effetti, dall’istituzione dell’associazione Manfredonia ha cominciato ad illuminarsi a Natale, ma anche durante tutto il resto dell’anno con le varie iniziative e attività promosse dalla suddetta associazione durante la Festa Patronale e il Carnevale estivo, attirando turisti e visitatori. A Natale 2021 è nata la manifestazione “Luci del Golfo” che ha visto come protagonista il fossato del Castello adornato con bellissime illuminazioni e la casa di Babbo Natale che ha allietato tantissima gente proveniente da tutto il circondario, non solo grazie alle installazioni luminose ma anche alle tantissime attività che vi gravitavano intorno. Manfredonia èstata letteralmente presa d’assalto per tutto il periodo in cui le luminarie sono rimaste accese, e così tutte le attività commerciali della città che, finalmente, dopo due anni di chiusura hanno potuto prendere respiro. Visto il grande successo della prima edizione, gli attivissimi imprenditori e commercianti di “Io sono partita Iva”, già nel mese di gennaio 2022 sono partiti con la programmazione delle luminarie e delle attività da svolgere per il Natale, ottenendo tutte le autorizzazioni nel mese di giugno. A metà ottobre scorso sono partiti i lavori di installazione delle luminarie lungo Corso Manfredi, e nel fossato del Castello è apparsa una grandissima nave che riproduceva in scala il famoso transatlantico Titanic. Il 6 novembre l’accensione, un corteo di carri luminosi con tanto di ballerini e figuranti hanno piacevolmente invaso Corso Manfredi, e la villa si è animata di luminosissimi fiori, farfalle, e animaletti vari. Un bellissimo cuore rosso apriva l’ingresso al ponte del Rivellino davanti al Castello. In tanti aspettavano nei pressi del fossato del Castello l’accensione del Titanic. Tutti delusi. Il Titanic non si è acceso. La Soprintendenza ha contestato all’organizzazione la mancanza di atti e autorizzazioni, così si è pensato di spostare tutto in Piazza maestri d’Ascia. Per una nave poteva esserci posto migliore? Il 13 novembre la nave ha accolto anche i figuranti dei famosi Jack e Rose dell’omonimo film di James Cameron. Ma il povero Titanic, come nella realtà, non riuscirà ad arrivare a destinazione. Stavolta intervengono l’Autorità portuale e la Capitaneria di porto con una “diffida a non utilizzare le aree demaniali marittime provvedendo alla rimozione delle strutture entro cinque giorni”. I leoni da tastiera hanno fatto il resto, l’Associazione è stata accusata di “occupazione abusiva di suolo pubblico e di allaccio abusivo alla pubblica illuminazione”. La goccia che ha fatto traboccare il vaso. L’Associazione “Io sono partita Iva”, sdegnata, in un tristissimo comunicato, annuncia lo spegnimento e la rimozione delle luminarie e invita tutti a partecipare alla conferenza stampa in cui verranno spiegati tutti i motivi che hanno portato a questa drastica decisione. Alle 19:00 di lunedì 21 novembre presso l’Auditorium “Cristanziano Serricchio” questo gruppo di privati cittadini che si sono impegnati per mettersi al servizio della comunità e grazie a fondi privati di imprenditori e partite Iva hanno fatto fronte ad un considerevole investimento per rendere attrattiva e accogliente la nostra città si metteranno a nudo dimostrando di aver agito nella legalità e nel rispetto delle regole e della burocrazia. La città sgomenta guarda le luminarie ormai spente e si augura che “Io sono partita Iva” possa cambiare idea e ridarle la luce del Natale, ma, ci chiediamo, ce la meritiamo davvero?

di Mariantonietta Di Sabato

Articolo presente in:
Cronaca · News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 

MANFREDONIA VIDEO