Martedì 28 Giugno 2022

Una playlist per la politica italiana

0 0

Si è tenuta lo scorso 3 gennaio nell’auditorium di Palazzo Celestini la presentazione di un originale libro dell’onorevole PD Sandro Gozi, esponente ad honorem di Equality Italia: “Playlist Italia – La sinistra e il coraggio di cambiare musica”, edito dalle Edizioni Bonanno. A organizzare e moderare l’incontro la dinamica Francesca Brancati, portavoce di Equality Italia di Capitanata.

Da Dj mancato Sandro Gozi ha presentato la sua personale playlist, quella che una volta si chiamava compilation. “Ogni bravo Dj sa che deve preparare una playlist adatta al pubblico al quale deve sottoporla, – dice Gozi – così il bravo politico, quando prepara il programma da sottoporre agli elettori, deve adattarlo alle loro esigenze. Con la differenza che il politico deve “dire quello che fa e poi fare quello che dice” che è la cosa fondamentale”.

Una metafora, quella del cambiamento della musica nel corso degli anni, perfettamente applicabile alla nostra politica che da troppo tempo “suona la stessa musica”. Ad ogni argomento trattato durante la serata Sandro Gozi ha abbinato un brano musicale, brani di rock indipendente e alternativo, inerenti ai temi trattati. E sono state davvero tante e molteplici le problematiche scottanti affrontate, come quella dei diritti civili, della legge elettorale, la Bossi-Fini, l’euro, la fuga di cervelli.

Argomenti fin troppo noti al pubblico e, soprattutto, alla politica che pare non riesca a risolverne nessuno, nonostante ne parli continuamente. Da qui la necessaria aria di cambiamento che auspica Gozi nel suo libro, un cambiamento che porti finalmente il governo a confrontarsi con quello di cui il popolo italiano ha davvero bisogno, una nuova playlist che annoveri tra i suoi pezzi anche la giustizia, l’uguaglianza in ogni campo, economico, civile e sociale, e che finalmente piaccia anche a chi, in qualche modo, è costretto ad ascoltarla.

Mariantonietta Di Sabato

Articolo presente in:
News

Commenti

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

     

    MANFREDONIA VIDEO