Lunedì 24 Giugno 2024

Riattivati elettricità e telefono nell’area industriale D46

0 0

E’ stata ripristinata la fornitura di energia elettrica e riattivati i collegamenti telefonici nell’area industriale di Coppa del vento ad ovest della città. I tecnici e le maestranze di Enel e Telecom hanno infatti ricostituito le rispettive reti di distribuzione istallando nuovi cavi di rame. Quelli esistenti erano stati, come noto, rubati da ignoti predoni che imperversano nella zona facendo man bassa di tutto quanto è rame, il cosiddetto “oro rosso” che viene rivenduto a ricettatori senza scrupoli. Una pratica che non si riesce a debellare nonostante l’impegno delle forze dell’ordine che solo sporadicamente riescono a mettere le mani su quei briganti in maggior parte di nazionalità straniera. I danni prodotti dal furto continuato dei cavi di rame delle linee elettriche sparse per le campagne ma non solo, sono ingenti e mettono in gravi difficoltà gli operatori che dalla corrente elettrica traggono la forza motrice per le rispettive attività.

In quest’ultima fermata forzata, l’ennesima, i danni sono stati ancor più pesanti dato il lungo lasso di tempo occorso per rimediare alla riattivazione delle linea elettrica e telefonica. Il furto dei cavi è infatti avvenuto il 29 dicembre scorso e, come detto, solo in questi giorni i tecnici di Enel e Telecom sono potuti intervenire.

Le rimostranze degli imprenditori che operano in quell’area sono state dure e fortemente risentite. L’impasse è stato superato grazie anche all’intervento energico del sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi che ha esaminato con gli enti interessati la possibilità di realizzare interventi finalizzati a scongiurare in avvenire il ripetersi di incursioni di malfattori spregiudicati.

“L’intera area industriale di Coppa del vento – ha rilevato Riccardi – sarà sottoposta ad interventi di opere di completamento di infrastrutture già programmate e per le quali abbiamo recuperato i fondi necessari per finanziarle. In quel contesto saranno tenute in conto anche le reti attualmente servite con cavi di rame. La prospettiva è quella di spostare gli attuali impianti che si trovano al di fuori dell’area industriale e magari di sostituire il rame con altro tipo di conduttori non appetiti dal mercato clandestino, penso ad esempio alla fibre ottiche”.

L’occasione è stata utile al sindaco Riccardi per sollecitare l’allacciamento alla linea elettrica e telefonica, del nuovo porto turistico. “Mi è stato assicurato – ha detto – che l’allacciamento sarà eseguito entro questo mesi di gennaio”.

Michele Apollonio

Articolo presente in:
In Primo Piano · News

Commenti

  • Il gioco è sempre lo stesso, su tutte le testate
    Si sponsorizzano le azioni sei fanno i complimenti da soli
    Solo che non tengono conto degli atti, che valgono più di ogni finta polemica
    Segnalazioni e interventi di ripristino già dallo scorso fine anno
    Che figuraccia !!!!

    maria 15/01/2014 14:23 Rispondi
  • NC ma forse non sai leggere, certamente sarai un grande borioso, arrogante pieno di te. Il direttore ha scritto che erano al lavoro e non che hanno necessariamente ripristinato le linee. Magari da te non lo hanno fatto ancora e in alcune zone invece si. Poi sul fatto che dai lezioni di sintassi, cacchio, sei un vero letterario…. Alla fine non hai detto chi sei. Quelli come te rovinano la nostra città. Non si sa parlare, non ci si sa confrontare, questo è molto mortificante.
    Fatti un bagno di umiltà prima di scrivere NC

    Luigi 15/01/2014 7:06 Rispondi
  • Gentilissimo Sig. N.C. (che stà per?).
    Sa qual’è la differenza tra lei, Michele Apollonio e noi della redazione? Noi firmiamo ciò che scriviamo lei no, perchè?
    Le notizie che pubblichiamo possono essere fondate, lo possono essere in parte o per nulla, colpa spesso sono le fonti, spesso attendibili qualche volta meno. In quello che scrive, in anonimato, c’è una sola certezza, le sue fonti non sono affatto attendibili. Io in persona ho contattato la Telecom prima della fine dello scorso anno verificando che erano già al lavoro per ripristinare il danno arrecato dal furto. L’intervento della Telecom è stato attivato dalla tante segnalazioni fatte dai tanti utenti operanti nella zona in questione. Sig. N.C, non sarebbe stato meglio manifestare il suo pensiero relativo alla questione apportando il suo contributo con garbo e firmandosi? In merito alle altre illazioni, evito qualsiasi commento.

    Raffaele di Sabato

    Redazione 14/01/2014 23:00 Rispondi
    • Egregio Raffaele Di Sabato,
      lei potrà pur aver personalmente chiamato la Telecom, la quale le avrà anche detto che erano già al lavoro per ripristinare il “danno” (??? forse voleva scrivere la linea, non si ripristina un danno!!!, non se lo si vuole risolvere), ma questo non vuol dire che lo stessero facendo davvero, almeno non in quei giorni. In ogni caso mi limito a farle osservare che la sua certezza a riguardo della non attendibilità delle miei fonti circa la riattivazione della linea telefonica in zona, è incontestabilmente sfatata dal semplice fatto che io alzo la cornetta e il telefono fisso non mi funziona ancora. Più attendibile di così! E non se la prenda, non fa bene arrabbiarsi. Mi saluti Apollonio… A presto.

      Telefono ancora "morto" 15/01/2014 6:01 Rispondi
  • Ma che state aspettando a pubblicare il mio commento?
    Forse a stasera per vedere se magari fanno in tempo i tecnici della telecom a ripare almeno parte dei danni sulla linea telefonica, per confermare la veridicità della nota di Apollonio?!?!
    TANTO NON CE LA FANNO PER STASERA…

    Per la redazione di M.N. 14/01/2014 17:22 Rispondi
  • Caro Michele Apollonio (e cara Redazione di Manfredonia News che lascia che vengano pubblicati questi articoli senza prima verificarne la fondatezza) ad oggi non pare affatto che le linee telefoniche delle utenze degli opifici ubicati in quell’area siano state ripristinate (da fonti attendibili, ma che potrete verificare, mi risulta che i tecnici della Telecom si sono messi al lavoro solo oggi e che i telefoni fissi non funzionano ancora e non si sa per quanto altro tempo continueranno a non funzionare).
    Inoltre, caro Michele Apollonio, continui ad omettere quali siano stati (ammesso che ci siano stati!) gli interventi finora posti in essere dal tuo Sindaco e di quale natura. Come mai???
    Personalmente (ma non è solo una mia convinzione) ritengo che senza l’intervento del Consigliere comunale Cosimo TITTA questa grave problematica non sarebbe mai stata presa validamente in considerazione dall’Amministrazione Comunale, e che se oggi vi siete allertati è stato soprattutto perchè l’interrogazione è stata fatta pervenire anche al Prefetto (doveroso visto che si tratta d’interruzione di servizio pubblico indispensabile per noi aziende!).
    Quindi, approfitto, anche se noi, la VM-Edelstaltecnik, la Siponta sas, l’Anco Italia srl, la Tinasol srl ed altre società con sede operativa in quell’area, abbiamo già provveduto a far pervenire ufficialmente i nostri personali ringraziamenti al consigliere Cosimo TITTA per il suo intervento, PER RINGRAZIARLO ANCORA UNA VOLTA FACENDOLO ADESSO PUBBLICAMENTE ATTRAVERSO QUESTO SITO.

    Per il resto, caro Michele Apollonio, conoscendo l’avv. TITTA personalmente (è consulente legale della mia azienda e anche di quelle altre che ti ho nominato), fossi in te, mi preparerei ad affrontare una stagione (resta ancora un anno e mezzo alla fine del mandato di Riccardi, che mi auguro sia anche l’ultimo!) di fuoco che ti vedrà molto, ma molto impegnato nella difesa a mezzo comunicati stampa del Sindaco…
    A presto, e, quando scrivi, sull’attività del Sindaco cerca di essere più preciso e meno vago.
    N.C.

    Per Michele Apollonio e la redazione di M.N. 14/01/2014 16:08 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com