Martedì 21 Maggio 2024

Oltre 4.000 firme raccolte per salvaguardare i servizi dell’Ospedale di Manfredonia (VIDEO)

0 0

Oggi è il quinto giorno in cui la signora Lucia con sua sorella che tiene in braccio la figliuola di appena quattro mesi continuano a presiedere il banchetto della raccolta firme per una giusta causa: “Salviamo il nostro Ospedale”. Il P.O. San Camillo de Lellis dal 2011 vive sotto la scure delle legge nazionali e regionali sulla contrazione della spesa sanitaria. Negli anni passati il management dell’Asl di Foggia non ha provveduto ad implementare e migliorare i servizi negli Ospedali della Capitanata, adagiandosi sugli allori. In questi ultimi anni in cui la crisi economica ha attanagliato vari settori dell’economia locale (industria, pesca, turismo, agricoltura) inclusi i servizi socio-assistenziali, gli Ospedali come quello di Manfredonia si trovano impreparati. Pensiamo alla chiusura del Punto Nascita perché non raggiungeva i 500 parti annui (2013) diventati 1000 nel 2014. Oltre al problema dei numeri c’è quello dell’inadeguatezza dei servizi. Infatti il reparto di ostetricia-ginecologia non riusciva a fronteggiare le criticità tanto che i parti prematuri e altre problematiche venivano dirottate alla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. Anche il reparto di pediatria ha sempre sofferto l’incompletezza del servizio perché non è mai stata implementata un’adeguata neonatologia. Allora di chi è la colpa?

Lucia e sua sorella manifestano il loro dissenso contro questo “sistema subdolo” e semplicemente con la loro tenacia e forza d’animo continuano a stare in Piazza del Popolo per raccogliere i consensi della cittadinanza che finalmente si fa carico dei problemi comunitari. La sig.ra Lucia sostiene che “non bisogna piegarsi di fronte a leggi che considerano le persone come semplici dati statistici; i bambini non sono numeri e certamente lo diventeranno quando le donne di Manfredonia e quelle provenienti dalle zone del Gargano saranno costrette a rivolgersi ai due grandi poli ospedalieri di Foggia e di San Giovanni Rotondo che saranno oberati dall’ingente richiesta di assistenza delle partorienti”. Lucia continua rivolgendosi al terzo settore locale “occorre un sostegno decisivo di tutti e sopratutto di quello delle associazioni di volontariato che grazie alla loro organizzazione e al loro apparato possono contribuire a convogliare più efficacemente i risultati raggiunti verso i decisori istituzionali e politici”.
Auspichiamo che gli sforzi di Lucia e degli oltre quattromila manfredoniani possano contribuire ad un cambiamento globale, la storia ci insegna che quando il popolo si mobilita anche le leggi possono subire variazioni.

Grazia Amoruso

Articolo presente in:
News

Commenti

  • A QUESTO SUCCESSO DI RACCOLTA FIRME DI TANTE CITTADINE E CITTADINI DI MANFREDONIA E ZONE LIMITROFE,OCCORRE URGENTEMENTE ORGANIZZARE CON LA COLLABORAZIONE DI TUTTE LE FORZE IN CAMPO CHE DIRETTAMENTE O INDIRETTAMENTE HANNO A CUORE LA SALVAGUARDIA DEL NOSTRO OSPEDALE CIVILE E METTO AL PRIMO POSTO ANCHE LA NOSTRA AMATA E DEVOTA CURIA ARCIVESCOVILE…IN QUANTO PRIMA DI CURARE LE ANIME CHE DEDICHIAMO IN GINOCCHIO E CON PREGHIERE AL NOSTRO DIO…OCCORRE CURARE IL CORPO MALATO E SOFFERENTE DEI FIGLI DI DIO E SE CI TOLGONO L’OSPEDALE O UNA PARTE DI ESSO,NON PUO’ ESISTERE GIUSTIZIA SU’ QUESTA TERRA !!!!!
    E POI,VORREMMO VEDERE TUTTI I DIPENDENTI DEL COMUNE E CON A CAPO IL PRIMO CITTADINO( COME SEMPRE ) E TUTTI I SUOI ASSESSORI E CONSIGLIERI COMUNALI E PER FINIRE ….L’ULTIMA APPELLO E’ RIVOLTO COME SEMPRE ALLA POPOLAZIONE MANFREDONIANA,CHE NON FACCIA MANCARE LA PROPRIA DISPERAZIONE E LA PROPRIA E RAGIONEVOLE RABBIA !!!!!!!!!!!!

    Fratello Sole 16/01/2014 8:49 Rispondi
  • il gargano è stato abbandonato da tutti…grazie all’asl-fg…a ricordo a tutti che l’asl è provinciale e non regionale ( lo ricordo perchè molti criticano la regione-giusto-ma la asl non ha trattato le diverse zone di competenza in modo differente )…grazie agli amici dell’asl foggiana, quindi—
    PS. Foggia è a 40 km da Manfredonia … dite alla Gentile che se ci succede qualcosa non abbiamo l’ aereo per raggiungere la cittadina di foggia.

    GIGI 15/01/2014 14:10 Rispondi
    • scusate ma quella tra parentesi era una domanda…scusate e buona giornata

      GIGI 15/01/2014 14:12 Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com